Acesta este un articol prezentat. Faceți clic aici pentru informații mai detaliate

Bătălia de la Verdun

De la Wikipedia, enciclopedia liberă.
Salt la navigare Salt la căutare
Notă despre dezambiguizare.svg Dezambiguizare - Dacă sunteți în căutarea altor semnificații, consultați Bătălia de la Verdun (dezambiguizare) .
Bătălia de la Verdun
parte a Frontului de Vest al Primului Război Mondial
Verdun și Vincinitate - Map.jpg
Zona de operațiuni din sectorul Verdun
Data 21 februarie - 19 decembrie 1916
Loc Verdun-sur-Meuse , Franța
Rezultat Victoria defensivă franceză [1] [2]
Implementări
Comandanți
Efectiv
Aproximativ 30.000 începând cu 21 februarie 1916 Aproximativ 150.000 începând cu 21 februarie 1916
Pierderi
315 000 de morți, răniți și dispăruți [3]
Alte cifre:
400.000 [4] - 542.000 [5] , din care 163.000 au murit
281 333 dintre morți, răniți și dispăruți [3]
Alte cifre:
355.000 [5] - 434.000, din care 143.000 au murit [4]
Zvonuri despre bătălii pe Wikipedia

Bătălia de la Verdun (în franceză Bataille de Verdun , AFI : [ba'taj də vɛʁ'dœ̃] ; în germană Schlacht um Verdun , AFI : ['ʃlaxt ˀʊm vɛɐ'dœŋ] ), denumită în cod Operațiunea Gericht („judecată”), a fost singura ofensivă majoră germană care a avut loc între prima bătălie a Marnei în 1914 și ultima ofensivă a generalului Erich Ludendorff în primăvara anului 1918 [6] . A fost una dintre cele mai violente și sângeroase bătălii ale întregului Front de Vest al Primului Război Mondial [6] ; a început la 21 februarie 1916 și s-a încheiat la 19 decembrie același an, cu armata germană, condusă de șeful de stat major , generalul Erich von Falkenhayn [N 1] , și armata franceză, condusă de comandantul suprem Joseph Joffre. [N 2] înlocuit la sfârșitul anului 1916 cu generalul Robert Georges Nivelle . Verdun a constituit un moment crucial în război, deoarece a marcat momentul în care ponderea principală a operațiunilor pe frontul de vest a trecut din Franța în Imperiul Britanic , a șters șansele concrete ale Germaniei de a câștiga războiul și a influențat parțial intrarea în războiul Statelor Unite ale Americii în conflict [6] .

Această înfricoșătoare bătălie a devenit o legendă națională sacră în Franța, sinonimă cu forța, eroismul și suferința, ale cărei efecte și amintiri persistă și astăzi; bătălia a implicat aproape trei sferturi din armatele franceze și, deși în istorie și în Primul Război Mondial în sine, au avut loc și mai multe sângeroase bătălii, Verdun deține probabil primatul de neinvidiat al câmpului de luptă cu cea mai mare densitate de decese pe metru cadru [6] . Faptul armelor care se apropie cel mai mult de Verdun a fost bătălia de la Stalingrad din al doilea război mondial , adesea considerat un „Verdun rus” [7] , dar, în timp ce în Stalingrad armata germană a încercat să cucerească un oraș important din punct de vedere strategic, în Verdun scopul ofensiva lui Falkenhayn a fost „sângerarea armatei franceze picătură cu picătură”. În planurile șefului statului major german, importanța morală și propagandistică a unui atac asupra Verdunului ar fi asigurat că tot efortul francez s-a revărsat în apărarea unui bastion considerat a fi de primă importanță pentru Franța. Scopul a fost să canalizeze cel mai mare număr de trupe inamice într-un singur sector și apoi să-l lovească cu puterea maximă posibilă prin utilizarea violentă a artileriei , pentru a-i provoca cel mai mare număr de victime.

Premise

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: Războiul franco-prusac și revanchismul .

Cauzele atacului german asupra uneia dintre cele mai redutabile fortărețe din Europa și ale rezistenței puternice franceze ulterioare au totuși rădăcini mai profunde, care se regăsesc în evenimentele care au avut loc în a doua jumătate a secolului precedent, de la Franco -Războiul prusac din 1870. la reorganizarea politică și militară a Franței și Germaniei.

În iulie 1870, forțele lui Napoleon al III-lea au suferit câteva înfrângeri inițiale nedecisive, dar din acel moment armata franceză a început să se retragă și nu a mai putut recupera [8] . Germanii nu au dat răgaz armatei franceze care a fost forțată să se retragă mai întâi la Metz , unde o jumătate din ea comandată de generalul François Bazaine a fost înconjurată și predată după două luni de inerție, iar apoi la Sedan , unde cealaltă jumătate a armata, comandată de Patrice de Mac-Mahon , a fost prinsă și forțată să se predea. A fost o adevărată catastrofă pentru armata franceză care de secole se considerase singura rasă adevărată de războinici din Europa. Patru luni mai târziu, regele Prusiei s-a proclamat Kaiser în galeria Oglinzilor din palatul Versailles , în palatul pe care se afla inscripția À toutes les Gloires de la France în fața unui tablou care îi înfățișează pe francezi în actul umilirii Nemți [8] .

Casetă „Vivat” care comemorează asediul de la Verdun din 1914

Franța s-a trezit cu o armată eșuată și cu o națiune demoralizată și cu probleme financiare; Alsacia și Lorena , unele dintre cele mai importante centre industriale din Europa și Franța, au fost cedate Reichului german, dar mândria franceză a dat în curând un nou impuls țării, nerăbdător să-și răzbune urâtul inamic german. La cincisprezece ani după Sedan, armata franceză și-a recăpătat puterea defensivă și ofensivă, iar Franța, după ce și-a revenit economic și militar, a început să construiască un sistem defensiv puternic de-a lungul frontierei de est. Pentru a nu cădea în capcana lui Metz, în locul fortificării orașelor s-a decis construirea a două linii continue de forturi. Astfel a fost creat faimosul sistem Séré de Rivières , conceput de generalul cu același nume , care consta dintr-o lungă linie fortificată care avea „nodul principal” în cetățile Verdun [8] .

Deși armata germană din 1914 a fost mult mai puternică decât cea din 1870 [9] , sistemul de fortificație „Séré de Rivières” ar fi provocat lupte lungi și dure în cazul unui atac de-a lungul rutelor tradiționale de invazie, precum și a alianței dintre Franța și Rusia a făcut ca riscul de a face față unui război pe două fronturi să fie inevitabil pentru Germania; ambii au fost factori care l-au influențat pe contele Alfred von Schlieffen în conceperea planului omonim care prevedea zdrobirea Franței cu un „fulger” în timp ce operațiunile de mobilizare erau încă în desfășurare în Rusia [10] .

Teama franceză de a rămâne înăbușită într-o nouă retragere dezastruoasă în cazul unui nou conflict a ridicat stima în rândul ofițerilor francezi în teoria „ atacului total ”, dezvoltată de colonelul Louis de Grandmaison , potrivit căreia: „ Dacă inamicul îndrăznea să ia inițiativa chiar și pentru un singur moment, fiecare centimetru de pământ trebuia apărat până la moarte și, dacă era pierdut, recucerit cu un contraatac imediat, dar inoportun [11] ". Comenzile franceze de la Ferdinand Foch la Joseph Joffre s-au bazat pe deplin pe această teorie, considerând inițial inutile și inutile chiar și armele pe care armata germană a vremii le-a folosit deja pe scară largă, cum ar fi artileria grea în sprijinul infanteriei și utilizarea manevrată a mitraliere [12] .

La rândul său, generalul Erich von Falkenhayn , cunoscând importanța vitală a Verdunului pentru națiunea franceză și tocmai tehnicile ofensive ale armatei inamice, prevăzând că cetatea va fi apărată cu tenacitate până la ultima, a elaborat un plan bazat pe sângerări treptate, prin utilizarea masivă a artileriei, a armatei franceze, care ar fi fost decimată zi de zi pentru apărarea „misticului Verdun”. Toate acestea s-au întâmplat și au fost aplicate sângeros timp de aproape zece luni, în care cetatea a devenit scena unei gigantice bătălii de uzură care a implicat ambele părți [13] . Când germanii au început asaltul pe 21 februarie, au trecut doar două luni de când generalul Falkenhayn reușise să-l convingă pe Kaiser Wilhelm II că Statul Major francez, fiind hotărât să apere cu orice preț cetatea istorică de pe drumul care ducea de la est la Paris, „ar fi fost forțat să angajeze până la ultimul om în acțiunea respectivă” decât să renunțe la cetate și să se stabilească pe o altă linie defensivă [14] .

Cetatea din Verdun

Harta frontului de vest unde puteți vedea „pană” care indică frontul Verdun
Harta care arată sistemul fortului din jurul Verdunului

Orașul Verdun , cunoscut deja în epoca romană sub numele de Virodunum , a fost o importantă tabără fortificată organizată pentru a bloca drumul către populațiile germanice. În 843 , Tratatul de la Verdun a împărțit Europa în trei părți și a marcat nașterea Germaniei ca națiune; pentru teutonici mai întâi și apoi pentru germani , Verdun a reprezentat un simbol aproape mistic și, deși orașul conform tratatului se afla pe teritoriul francez, în 923 a căzut sub stăpânirea teutonică până la eliberarea de către Henric al II-lea în 1552 [15] . O sută de ani mai târziu, a fost transformată de Sébastien de Vauban într-o cetate impunătoare destinată să fie asediată în mod regulat în secolele următoare. Orașul a fost puternic atacat în timpul războiului de 30 de ani , apoi bombardat de arme prusace în 1792 și, mai târziu în 1870, când a fost ultima dintre cetățile franceze care au căzut în timpul războiului franco-prusian [16] .

În 1916, Verdun era un oraș liniștit, considerat inatacabil de comenzile franceze, care au văzut cetățile din jurul orașului rezistând efectiv asediului armatei Kronprinz în timpul atacului asupra Marnei din 1914. Cu acea ocazie, Verdun s-a îmbrăcat într-un halat. Mai mult „eroic” și important decât era deja. Pe toate părțile, Verdun a fost înconjurat de dealuri abrupte înconjurate de Meuse , conduse de numeroase forturi - în hărțile topografice germane din 1914 erau marcate nu mai puțin de vânturi puternice majore și patruzeci de importanță medie ( Ouvrages în franceză) - ceea ce ar fi împiedicat datorită unui foc încrucișat eficient orice avans inamic [17] .

Mai mult, de la sfârșitul primelor ciocniri din sector, Verdun a fost echipat cu o serie de șanțuri de protecție adânci, de la 4 la 5 kilometri lungime; din punct de vedere tehnic, orașul a fost cel mai puternic punct al întregului front francez [18] , dar în practică s-ar fi dovedit a fi unul dintre cele mai slabe. Acest lucru se datorează faptului că fortăreața a fost aproape complet privată de piesele sale de artilerie, care au fost scoase pentru a fi folosite în față, deoarece după verificarea penuriei grave de arme în ofensivele din 1915 , francezii au decis să recurgă și la artileria plasată în forturi. din Verdun. [19] Această decizie a fost susținută și de teoria lui Louis de Grandmaison , care a spus: „locul soldatului francez este în câmp deschis și, dacă este absolut necesar, în tranșee, dar cu siguranță nu este ascuns sub un bloc concret” [19] .

În acest fel, cel mai puternic sistem defensiv a fost privat de armele sale, dar mai târziu și de oamenii săi. Acestea au fost trimise pe alte fronturi, lăsând fortăreața Verdun practic nepăzită, unde, prin urmare, nu a fost posibil să se efectueze finalizarea corectă a sistemului înrădăcinat pentru apărarea sectorului care, în momentul atacului german, era lipsit de tranșee de legătură. , garduri și conexiuni. numere de telefon subterane. Toate necesitățile vitale pentru a rezista unui atac inamic. Generalul Herr a spus că este foarte îngrijorat de situație, atât de mult încât a declarat: „tremur în fiecare zi. Nu am putut rezista unui atac; I-am spus Marelui Cartier General, dar nici măcar nu m-au ascultat. Generalul s-a trezit confruntat cu indiferența înaltului comandament francez condus de generalul Joffre , care în fața amenințării evidente germane și în ciuda mișcărilor inamice evidente de cealaltă parte a frontului, a continuat să nu se îngrijoreze de pericolul iminent. Mai mult, recunoașterea Serviciului francez Aéronautique confirmase concentrarea artileriei în spatele liniilor inamice. Aceasta a fost condiția critică în care sectorul francez s-a prezentat în ajunul atacului pe care germanii l-ar fi efectuat la sfârșitul lunii februarie, cu scopul de a cuceri unul dintre cele mai importante simboluri ale Franței [7] [19] .

Pregătiri

„Franța a fost slăbită până aproape de limita de rezistență [...] armatele rusești nu au fost distruse complet, dar capacitatea lor ofensivă a fost atât de grav slăbită încât Rusia nu va mai putea ajunge niciodată la puterea sa anterioară [...] ] [20] "

( Erich von Falkenhayn )

Operațiunea Gericht

Aranjamentul trupelor germane în ajunul bătăliei

Cu câteva zile înainte de Crăciunul 1915, Falkenhayn a mers la Kaiser pentru a propune o revoltă ofensivă împotriva Franței. Șeful statului major al armatei germane l-a convins pe împărat să atace inamicul pentru a-l „termina” forțându-l să se predea și în acest fel să-și îndrepte toată atenția asupra Marii Britanii. Un atac asupra Franței, a explicat Falkenhayn, „ar permite armatei noastre, cu mijloace limitate, să angajeze armata franceză cu greu în apărarea Verdunului, forțând-o să angajeze până la ultimul om disponibil în apărare. În acest fel, forțele franceze se vor sângera singure, întrucât nu vor mai putea să se retragă, chiar dacă ar dori, și fără a lua în considerare posibilele noastre progrese, angajamentul nostru într-un front îngust ar fi minim ” [21] .

Pentru Falkenhayn alegerea țintei de atac a fost între Belfort și Verdun; alegerea a căzut pe a doua opțiune, mai ales pentru că armata care ar fi condus atacul ar fi fost a 5-a comandată de fiul lui Kaiser, Kronprinz Guglielmo , iar eventuala sa victorie ar fi avut implicații utile de propagandă, în special pe frontul de acasă . Și din ziua următoare, după întoarcerea lui Falkenhayn, adică Ajunul Crăciunului, „[...] a început să sosească o avalanșă de telegrame, deghizate sub numele convențional de Gericht , care înseamnă curte sau hotărâre sau, mai rar, loc de performanță ' [22] . Primul dintre corpurile pregătite pentru atacul asupra Verdunului a fost transportat de la Valenciennes , în mare secret, pe 27 decembrie; exact o lună mai târziu, 27 ianuarie (data aleasă din motive de bun augur ca ziua de naștere a lui Kaiser ), ultimele ordine au fost emise și data atacului a fost stabilită (12 februarie) [22] . Zece noi linii de cale ferată cu ecartament îngust și aproximativ 24 de noi stații au fost construite într-un timp scurt pentru a aduce tone de provizii de tot felul [N 3] , precum și șapte linii de legătură pentru a aduce muniția tunurilor grele ascunse în Pădurea Spincourt. [23] .

Rolul strategic al artileriei

Marea Berta ”, puternicul obuzier german folosit masiv la Verdun

Cu toate acestea, efortul maxim al germanilor a fost absorbit de artilerie: întregul lor plan se baza, de fapt, pe o utilizare masivă a acestei arme. În principiu, planul strategic prevedea utilizarea armelor grele care ar avea sarcina de a săpa un gol adânc în liniile franceze pe care infanteria germană le va ocupa apoi treptat; fluxurile de aprovizionare franceze ar fi fost, de asemenea, distruse datorită unui baraj constant și violent către spate, astfel încât să se prevină orice contraatac organizat. Sectoarele franceze ar fi lovite în mod continuu de 306 piese de artilerie de câmp, 542 piese de artilerie grea, 152 Minenwerfer („lansatoare de mine ”) și alte diverse piese de calibru mic și mediu plasate pe flancuri. Această adunare excepțională a fost de așa natură încât pe un front de doar 14 km, au fost desfășurate aproximativ 1 220 de piese de artilerie, sau una la fiecare 12 metri [24] . A fost cea mai mare concentrație de artilerie văzută până atunci. Bucăți curgeau de pretutindeni și la fiecare oră; printre acestea se numărau și 13 mortare de 420 mm (faimoasele " mari Berta " și " Gamma Mörser " capabile să tragă cu un proiectil de peste o tonă ), 2 tunuri marine de 380 mm "Langer Max" , cu rază de acțiune foarte lungă și sigure de orice Reacție franceză, 17 mortare austriece de 305 mm (sau „tunuri beta”) și un număr imens de piese cu foc rapid de 210 mm și 150 mm care au devenit rutina zilnică cu care apărătorii s-au confruntat timp de aproape un an francezilor. În ordinea puterii, au fost folosite piese de 130 mm, tunuri de câmp de 77 mm care au oferit un baraj eficient asupra atacatorilor și o armă nouă și mortală, aruncătorul de flăcări , care a fost folosit pentru prima dată în Verdun [25] .

Langer Max cu grenadele sale în prim-plan

Meticulozitatea germană nu s-a oprit aici. Fiecare pistol fusese poziționat cu atenție cu o sarcină specifică; dealurile adiacente ale Romagne și Morimont au oferit o ascunzătoare ideală pentru piesele mari „Gamma” și „Beta” care ar ciocani orașul și forturile sale. Piesele navale de 380 mm au trebuit să devasteze orașul Verdun, trăgând 40 de runde în fiecare zi și întrerupând căile de comunicație la distanță mare datorită razei lor de acțiune [26] . Cei 210 mm [27] au trebuit să distrugă serios linia frontului francez și atunci când acest lucru a fost cucerit, ar fi trebuit să prelungească lovitura pentru a crea o barieră în zonele intermediare, sprijinind astfel atacatorii suficient de mult timp pentru a-și întări pozițiile și a se stabili ferm în tranșee. cucerit [28] . În acest moment, artileria mai mică va avansa pe noua linie, protejată de tunurile grele, și de acolo își vor continua munca distructivă către liniile franceze care nu au fost încă cucerite, în timp ce tunurile cu rază lungă de acțiune de 150 mm ar continua să lovească. căile de acces care duc în față pentru a preveni orice contraatac imediat. Ordinele date artilerilor germani au declarat: „Nici o zonă nu trebuie scutită de bombardamente [...] fără răgaz pentru zonele de aprovizionare; inamicul nu trebuie să se simtă în siguranță nicăieri! " [26] și pentru a face posibilă punerea în aplicare a acestor comenzi, munițiile pentru un total de 2 500 000 de obuze au fost înghesuite timp de șase zile, ceea ce a necesitat 1 300 de trenuri și un efort logistic enorm. La 1 februarie, Falkenhayn a fost informat că toate cele 1.220 de tunuri erau în sfârșit în poziție și că au fost săpate golfuri pentru adăpostirea obuzelor grele din linia frontului german, în așteptarea cuceririi fronturilor franceze. În plus, „trupele speciale” erau gata să conecteze pozițiile avansate prin telefon și să semnaleze poziția infanteriei cu baloane roșii mari pentru a direcționa barajul german în timp real [28] .

Secretul planurilor germane

Mareșalul de câmp Erich von Falkenhayn

Pe lângă meticulozitatea obișnuită, germanii au acordat o mare importanță secretului, întruchipat în cel mai bun mod de către feldmareșalul Erich von Falkenhayn care, în timpul pregătirilor pentru asediul Verdunului, și-a asumat un rol fundamental. Restul armatei a fost practic ținut în întuneric despre Operațiunea Gericht până la capăt; Însuși colonelul Max Bauer , consultantul lui Falkenhayn în pregătirea artileriei, a primit planurile finale mult mai târziu decât se aștepta, astfel încât să nu le mai poată modifica. În sudul extrem al frontului, generalul Hans Emil Alexander Gaede a continuat, fără să vrea, pregătirile pentru un atac asupra Belfort , pe care Falkenhayn nu a intenționat niciodată să îl efectueze, dar care trebuia să-i înșele pe anglo-francezi cu privire la adevăratul scop al comandamentului german [ 29] .

Zeci de bombardamente diversificate au fost planificate în diferite puncte de-a lungul frontului și chiar asistenților medicali sosiți pentru a înființa noile spitale de campanie din spatele Verdunului li s-a spus că sunt acolo pentru a trata „bolile interne”. Acest „secret” a avut totuși dezavantajul său, însuși Kronprinz Guglielmo și chiar aliatul său austriac au rămas aproape în întuneric despre intențiile reale ale lui Falkenhayn, doar el și Kaiser știau că ofensiva de la Verdun nu era îndreptată spre ocuparea orașului, ci mai degrabă planul brutal de „sângerare” al armatei franceze care, conform previziunilor, ar avea efecte tactice și psihologice decisive. Comandantul armatei germane practic l-a înșelat pe Kronprinz asigurându-l de întăririle de care avea nevoie pentru cucerirea Verdunului, dar pe care, în realitate, le păstra la o distanță sigură de front. Această atitudine a fost o eroare care a avut grave repercusiuni cu ocazia atacului asupra Fortului Douaumont , efectuat cu un număr insuficient de soldați, care a împiedicat posibila descoperire a frontului francez de către Armata Kronprinz care în momentul decisiv s-a trezit lipsită de oameni . Chiar și Konstantin von Knobelsdorf a afirmat mai târziu că, dacă ar fi cunoscut intențiile reale ale lui Falkenhayn, nu l-ar fi susținut niciodată; dar între timp pregătirile au continuat, până acum mașina era în mișcare [30] .

Pentru pregătiri, pictorii au fost chemați apoi să coloreze cârpe de camuflaj pentru a ascunde enormele piese de artilerie de la recunoașterea aeriană franceză, au fost săpate găuri pentru a ascunde muniția și s-a dispus ca înainte de atac doar piesele deja identificate de avioanele franceze. ar fi capabil să răspundă.la orice lovituri inamice. Dar arma suplimentară a germanilor nu a fost nici o piesă de artilerie, nici o nouă tactică, ci un sistem complex de tuneluri subterane săpate de-a lungul întregii zone a atacului numit „Stollen” , care a permis trupelor germane să profite la maximum de efectul surpriză [25] .

În ofensivele aliate din 1915 , adunarea masivă a trupelor în tranșeele din prima linie a fost ușor identificată de inamic, care a reacționat cu artileria provocând pierderi mari chiar înainte ca inamicul să iasă din tranșee , în acest sens germanii au dezvoltat acest nou sistem de structuri de „linie frontală” tocmai pentru a depăși această problemă. Germanii au construit un complex de sute de tunele adânci interconectate săpate în pământ, invulnerabile la focuri de artilerie, din care, în momentul atacului, mii de soldați ar ieși fără inamic, până când ultimul, va înțelege prezența. Mai mult, la Verdun, pentru prima dată, noua armă aeriană a fost de asemenea folosită masiv de germani: Luftstreitkräfte a adunat 168 de avioane, 14 baloane frânate și 4 Zepelini , o forță considerabilă pentru acea vreme, care ar fi trebuit să apere semnalul baloane pentru artilerie de la atacul avioanelor franceze precum și împiedicarea acestora de a identifica pregătirile. Un adevărat „baraj de aer” ar fi trebuit creat în cerul de deasupra Verdunului [28] .

Situația franceză

Generalul francez Joseph Joffre

În tabăra franceză, pe de altă parte, situația era foarte critică; Verdun a fost practic lipsit de artilerie [20] și, în pofida plângerilor comandanților de zonă, Marele Cartier General (GQG) al lui Joseph Joffre a rămas orb pentru pericol mult timp. Generalul Paul Chrétien, care la 19 ianuarie 1916 preluase comanda Corpului XXX, după prima inspecție a cetății, a descris situația după cum urmează: un terrain à catastrophe . Locotenent-colonelul Émile Driant , fost adjunct și comandant al două batalioane de chasseurs à pied în pădurea Caures [31] , părea în schimb să realizeze împreună cu generalul Frédéric Georges Herr , despre iminenta amenințare, de fapt el i-a scris prietenului său despre aceasta Paul Deschanel Președintele Camerei:

„Facem ce putem zi și noapte pentru a face frontul nostru inviolabil, dar există un lucru despre care nu putem face nimic, lipsa de arme! Și în acest sens vă rog să atrageți atenția ministrului. Dacă prima noastră linie ar fi spartă, a doua noastră linie ar fi inadecvată, deoarece nu o putem întări din lipsă de muncitori și adaug, sârmă ghimpată! [32] "

Deschanel i-a transmis ulterior ministrului războiului Galliéni un rezumat al punctelor sale, care la rândul său i-a scris lui Joffre exprimându-și îngrijorarea că a auzit de defecte în diferite puncte de pe frontul francez, inclusiv la Verdun. Joffre l-a liniștit în mod generic pe Galliéni cu privire la starea apărării franceze, dar a luat-o pe furie doar crezând că un ofițer a ocolit ierarhiile militare ignorându-și personalul și adresându-se direct politicienilor [33] .

În ciuda acestui fapt, Joffre părea să ignore pericolul până la sfârșit, poate înșelat de serviciul de spionaj francez, care nu a fost de mare ajutor, deoarece efectiv s-a opus contraspionajului german. În ciuda ajutorului britanicilor (care nu a fost foarte eficient), chiar și din sectorul Verdun informațiile au ieșit încet, au fost folosite puține patrule și posturile de ascultare au fost ineficiente. Mai mult, vremea rea ​​persistentă nu a permis recunoașterea aeriană până pe 17 ianuarie, dar chiar mai târziu, în ciuda faptului că a avut documentație fotografică, doar pe 22 ianuarie a fost un expert capabil să descifreze puținele fotografii realizate, care a reușit doar să detecteze directorul principal. atac, dar nu și pozițiile principale ale artileriei. Nonostante gli sforzi francesi, al momento dell'attacco furono individuate solo 70 piazzole di artiglieria, per cui i francesi non si resero conto fino all'ultimo della consistenza del raggruppamento nemico, anche questo fu uno dei motivi che convinsero Joffre e il suo GQG che un attacco tedesco non era imminente [34] .

Lo spionaggio francese dal canto suo, cominciò a segnalare con sempre maggiore insistenza movimenti nemici; il 12 gennaio venne riferito che l'artiglieria tedesca aveva incominciato a prendere posizione, il 14 arrivarono notizie su nuovi ospedali da campo e il 15 vennero riferiti importanti movimenti di truppe nelle retrovie. Nonostante tutto ciò il GQG era sempre convinto che la Germania [35] fosse decisa ad attaccare massicciamente la Russia , e che al massimo un attacco alla Francia si sarebbe avuto nell' Artois o nello Champagne ; solo il 12 febbraio arrivarono due divisioni di rinforzo a Verdun, il giorno stesso in cui i cannoni del Kronprinz avrebbero dovuto cominciare la loro opera distruttrice [36] .

L'offensiva tedesca di Verdun

Panorama de Verdun, vue prise du Fort de la Chaume, 1917.jpg
Panorama del campo di battaglia di Verdun

Il rinvio iniziale

Un drappello del 321º reggimento di fanteria francese di stanza a Douaumont. Per primi questi uomini dovettero combattere contro i tedeschi nel loro attacco alla fortezza

«Ma il Dio delle stagioni d'un tratto si mise in testa di sconvolgere tutti i nostri piani.»

( Kronprinz Guglielmo [37] )

Queste le parole del Kronprinz nelle sue memorie di guerra, che rappresentano in modo semplice e diretto la causa principale del perché l'attacco previsto per il 12 febbraio, fu rinviato a data da destinarsi. Le condizioni atmosferiche avverse condizionarono pesantemente i preparativi tedeschi; all'alba del giorno prestabilito, la neve cadde molto fitta e rese impossibile agli artiglieri avere una visuale ottimale, così il comandante della 5ª armata tedesca decise di rinviare l'attacco di ventiquattr'ore, la battaglia non poteva essere cominciata se i cannoni non potevano svolgere i loro compiti con una visuale ottimale. Ma ventiquattr'ore dopo il tempo non migliorò, e neppure nei giorni a seguire, e mentre i tedeschi da una parte lottavano contro l'acqua gelida che riempiva i loro "Stollen" , i francesi attendevano ansiosi l'attacco nemico [38] .

L'attesa durò oltre una settimana, in cui i nervi di entrambe le parti dettero evidenti segni di cedimento, ma il giorno 20 gli uomini di entrambi gli schieramenti si svegliarono e videro per la prima volta una bella giornata di sole. Approfittando di questo, per alzare il morale alle proprie stanche truppe, l'artiglieria francese fece un'ora di fuoco senza nessuna velleità, solamente per farsi sentire. La notte del 20 febbraio però i movimenti tedeschi si intensificarono, la prima linea francese poté sentire gli ultimi treni carichi di munizioni scaricare la loro merce nei pressi del bosco di Spincourt, e al di là della terra di nessuno poterono sentire il canto dei soldati tedeschi [38] .

Le prime fasi dell'offensiva

Tiro di sbarramento tedesco sul fronte di Verdun

La mattina del 21 febbraio alle 8:12, in un bosco vicino a Loison , i serventi di uno dei cannoni da marina Krupp , per la prima volta dopo tanti giorni ricevettero l'atteso ordine del principe ereditario Guglielmo [39] : un primo proiettile da 380 mm venne sparato verso la città di Verdun, demolendo parte del palazzo vescovile. Altri colpi da 380 incominciarono a colpire inesorabili, centrando la stazione ferroviaria ei ponti fuori città: l'operazione Gericht era cominciata [40] .

Un bombardamento violento e preciso martellò per ore le linee francesi, distruggendo trinceramenti e linee telefoniche, e impedendo l'arrivo di qualsiasi rinforzo. Nel primo pomeriggio il bombardamento tedesco raggiunse la massima intensità [N 4] , alte colonne di fumo si alzarono dalle linee francesi; appena un'ora dopo partì l'attacco terrestre da parte della fanteria tedesca. Gli uomini della 5ª armata tedesca, comandata dal Kronprinz Guglielmo di Prussia , avanzarono a gruppi sparsi nell'intento di aprire le prime brecce tra le trincee francesi, occupando il numero più alto possibile di posizioni nemiche, in vista del massiccio attacco del giorno successivo. In alcuni casi le pattuglie riuscirono perfino a fare prigionieri mentre i ricognitori aerei riportarono di una distruzione di vaste proporzioni nelle linee nemiche [39] .

Fanteria francese in linea affronta il nemico presso Bois des Caures

Il primo giorno di battaglia non sortì per i tedeschi l'effetto sperato. I francesi resistettero stoicamente; anche se cedettero in vari punti non erano stati "spazzati via" come invece le prime ricognizioni tedesche erroneamente riportarono. Neanche la comparsa dei lanciafiamme sul campo di battaglia servì per stanare i fanti francesi dalle loro posizioni. Per il 22 febbraio lo Stato maggiore di Knobelsdorf non pose limiti all'avanzata tedesca che si sarebbe svolta con le stesse modalità del giorno precedente, bombardamento al mattino e attacco della fanteria nel pomeriggio [39] . Intorno alle 16:00 i tedeschi, appoggiati dall'artiglieria, conquistarono Haumont-près-Samogneux , creando il primo cuneo dentro le difese nemiche, ma il vero successo fu la conquista del Bois de Caures (bosco di Caures) dove incontrarono solo due battaglioni decimati di chasseurs a pied francesi comandati da Émile Driant . I tedeschi avevano trovato il tallone d'Achille delle forze francesi e, nonostante gli uomini di Driant abbiano resistito con caparbietà per alcune ore, la disparità di forze era troppo grande e vennero sopraffatti. Nella strenua difesa del settore, Driant perse la vita [7] .

La chiesa di Saint Pierre nella cittadina di Verdun distrutta dall'artiglieria tedesca

I vuoti dell'artiglieria francese risultarono evidenti e la controparte tedesca continuò a martellare sistematicamente; intanto l'allarme nelle retrovie francesi crebbe di ora in ora. I tedeschi dopo aver conquistato Haumont e il Bois des Caures, ora pressavano con più insistenza cercando di aggirare da nord Verdun, passando per Samogneux. I tedeschi, come da tattica, impedirono con un violento sbarramento di fuoco l'arrivo di rinforzi a Samogneux, ma a facilitare le cose ci pensarono gli stessi francesi. Una precipitosa notizia che dava per occupata già alla sera del 22 la cittadina, mise in allarme il generale francese Herr che ordinò un intenso tiro d'artiglieria verso Samogneux per riconquistarne le posizioni, che sfortunatamente erano ancora saldamente in mano ai soldati francesi, che in questo modo vennero decimati dalla propria artiglieria [N 5] . I tedeschi approfittarono dell'errore e alle 3:00 del mattino occuparono la cittadina [41] . I tedeschi con questa conquista rafforzarono il cuneo creato nelle difese francesi, la diga era stata infranta; la 37ª divisione africana messa a tamponare la falla fu decisamente poco efficace [N 6] , ei tedeschi riuscirono ancora ad avanzare in direzione di Fort Douaumont . La situazione tra le linee francesi era pessima, il freddo imperversava ei ricoveri e le trincee erano stati spazzati vie, le truppe erano demoralizzate e decimate, le linee di comunicazione distrutte [N 7] , le strade interrotte e le ferrovie divelte, mentre il servizio ambulanze impiegava in media 10 ore per percorrere 30 km.
La situazione era quindi favorevole ai tedeschi, che però non si accorsero subito della situazione e non colsero l'opportunità di un possibile e decisivo sfondamento, anche se di lì a poco avrebbero effettuato una delle più fortunate conquiste dell'intera campagna [42] .

L'attacco a Fort Douaumont

«Verdun dev'essere tenuta a qualsiasi prezzo, "Ils ne passeront pas!" (non passeranno!) è la parola d'ordine, Verdun diventa il simbolo della Francia, del suo onore e della follia della guerra [43]

Veduta aerea di Fort Douaumont prima dell'inizio della battaglia

Uno dei simboli di Verdun era rappresentato da Fort Douaumont che, con il vicino Fort Vaux , era parte integrante di un sistema difensivo costituito da 19 forti e innumerevoli posizioni fortificate di dimensioni più contenute dislocate sulla sponda orientale della Mosa . I forti erano disposti in cerchi concentrici che marcavano la successione delle linee di difesa il cui centro, nonché ultimo baluardo difensivo, era Verdun stessa. Ideato all'indomani della guerra franco-prussiana , questo sistema difensivo fu progressivamente riammodernato per adeguarlo alle esigenze della guerra moderna [44] . Il forte era uno dei più potenti del mondo e il più famoso baluardo di Verdun, si ergeva imponente sulla cima più alta degli Hauts de Meuse protetto in ogni sua parte dal tiro dei suoi cannoni [N 8] ; costruito a pianta poligonale, era un vero e proprio baluardo di cemento e filo spinato, circondato da un fossato profondo 7 metri [45] . Tuttavia agli occhi dei generali francesi la guerra moderna aveva dimostrato come il concetto di fortezza fosse diventato ormai obsoleto; lo avevano reso evidente i tedeschi con la conquista dei forti belgi di Liegi e Namur . Si decise quindi che gli uomini e le armi alloggiati a Douaumont avrebbero avuto un utilizzo più proficuo in servizio attivo e si procedette dunque alla smobilitazione di parte dei pezzi di artiglieria del forte e di praticamente tutta la guarnigione che allo scoppio della guerra contava 500 uomini, ma che al momento della battaglia ne avrebbe contati solo 56. I vertici militari francesi non avevano però tenuto conto del fatto che Liegi fu conquistata a caro prezzo dai tedeschi e che Douaumont era rimasto praticamente intatto dopo i tentativi di conquista avvenuti nel 1914 [46] . Le difese del forte risultarono quindi notevolmente indebolite dalla nuova politica difensiva francese; le condizioni di debolezza del forte e la consapevolezza di dover fare qualcosa al riguardo si persero nel passaggio del comando dal 30º al 20º corpo. Fu una disattenzione inevitabile per generali che erano ancora abituati a considerare i forti come completamente autonomi e che quindi lasciarono i pochi uomini all'interno del forte senza rinforzi, rifornimenti, informazioni né ordini [47] .

Fort Douaumont al termine del 1916, devastato dai bombardamenti tedeschi

Il 25 febbraio, dopo soli quattro giorni di battaglia, Fort Douaumont venne preso di mira dal 24º reggimento Brandeburgo e dal 12º reggimento granatieri. Il consueto bombardamento di annientamento ebbe inizio alle 9:00 del mattino del 25 febbraio, e quando partì l'attacco della fanteria, in meno di 25 minuti il 2º battaglione del 24º reggimento raggiunse l'obiettivo avanzando di 1200 m, facendo 200 prigionieri e sbaragliando le poche truppe nemiche rimaste in zona. Uno dei simboli francesi, cadde nel giro di un pomeriggio [47] . Il forte era presidiato da soli 56 uomini comandati dal sergente maggiore Chenot; per la maggior parte i soldati si erano rifugiati nei sotterranei per sfuggire alla furia dei bombardamenti, mentre solo Chenot e pochi altri erano rimasti nella torretta del cannone da 155 mm a sparare qualche colpo. Quando le avanguardie tedesche raggiunsero il forte, furono sorprese dal totale silenzio delle armi dei difensori e si avventurarono nella struttura più per curiosità che per un ordine diretto [47] . I primi ad arrivare furono gli artieri del sergente Kunze che, superato il fossato, riuscirono a entrare da una finestrella; esplorando i corridoi interni riuscirono a mettersi in contatto con le squadre del tenente Radtke, del capitano Haupt e del tenente von Brandis [47] [N 9] che nel frattempo avevano seguito Kunze all'interno; così facendo riuscirono a circondare i francesi che, sorpresi, si arresero senza sparare un colpo [N 10] .

I primi successi a Verdun furono esaltati dalla propaganda tedesca; un corrispondente di guerra sul fronte di Verdun arrivò a dichiarare che i tedeschi erano di fronte a «Il successo maggiore che lo sforzo tedesco avesse raggiunto sul fronte occidentale», e il più considerevole sfondamento dopo la Marna fu propagandato e acclamato in tutta Germania. Persino il Kaiser espresse il suo compiacimento per l'impresa al quartier generale del Kronprinz. Con la conquista del forte i tedeschi poterono ora contare su una posizione favorevole che permetteva loro di dominare il campo di battaglia nella sua interezza, nonché di un rifugio dove organizzare postazioni per i feriti, ammassare le truppe e immagazzinare provviste armi e munizioni [48] .

Dall'altra parte, il governo francese cercò in ogni modo di far accettare la sconfitta all'opinione pubblica, drammatizzando le perdite tedesche fino quasi all'assurdo, e dichiarando che ai tedeschi era stato concesso di occupare una rovina ormai inutile dopo decine di attacchi falliti. Ma la realtà era ben diversa. I francesi per la loro inadeguatezza non furono in grado di riconquistare il forte, i velleitari e sprezzanti assalti alla "de Grandmaison" non ebbero alcun effetto, i rifornimenti erano assenti e il morale a livelli bassissimi. Ciò aiutò la diffusione di panico e contribuì a episodi di diserzione sempre più frequenti, molto spesso repressi con la forza. Gli abitanti di Verdun si riversarono per le strade per fuggire e cominciarono a imperversare i saccheggi; al fronte le cose andavano di male in peggio [49] .

Pétain prende il comando

«Se Pétain ordina un attacco ci dev'essere qualche possibilità di riuscita, e non vi sarebbe stato un insensato sacrificio di vite umane secondo le abitudini di quegli ambiziosissimi generali, intenti solo a ottenere ricompense dalla conquista a qualsiasi prezzo di alcuni metri di trincee nemiche [50]

Le notizie della perdita di Fort Douaumont arrivarono velocemente anche al quartier generale francese, e come prima cosa Joffre acconsentì alla scelta del suo secondo, il generale capo di stato maggiore Édouard de Castelnau , di inviare immediatamente a Verdun la 2ª armata fino ad allora lasciata in riserva, comandata da Philippe Pétain . Inoltre il de Castelnau, ottenne i pieni poteri per la piazza di Verdun e vi si recò immediatamente per controllare di persona la situazione ormai disperata [7] .

Il generale comandante della piazzaforte di Verdun, Philippe Pétain

De Castelnau ordinò subito a Pétain di difendere fino alla morte le due rive della Mosa , accettando in pieno la sfida di Falkenhayn che in questo modo poté eseguire in pieno il suo piano di "dissanguamento graduale" dell'esercito francese, ormai deciso a resistere a ogni costo per difendere la mistica Verdun [51] [N 11] .

Pétain fu un generale in un certo senso più "umano" e capace di Joseph Joffre e Douglas Haig ; mentre i due sembravano rimanere impassibili di fronte alle smisurate perdite umane, Pétain al contrario aveva molto a cuore la sorte dei suoi soldati [7] e riteneva inutili quelle immediate controffensive tanto esaltate dalla dottrina di De Grandmaison. Philippe Pétain pensava invece che un attacco si sarebbe dovuto svolgere gradualmente, con obiettivi limitati e con la sicurezza di cominciare con una forza d'attacco superiore a quella del nemico, che avrebbe garantito il successo dell'attacco; al contrario, fino ad allora, e anche per il resto della guerra, gli alleati continuarono a concepire la vittoria come un enorme, unico sfondamento congiunto su tutto il fronte [52] , sacrificando in questo modo centinaia di migliaia di soldati.

Pétain giunto a Verdun si accorse subito che la situazione non era così disperata. Come prima cosa cancellò l'ordine di riconquista immediata di Douaumont, che in fondo era solo una fortezza di forte valore simbolico più che tattico, altri rinforzi erano inoltre in arrivo, così venne deciso di organizzare successivamente un contrattacco con mezzi migliori e più possibilità di riuscita. Il futuro maresciallo di Francia diede inoltre un grandissimo impulso nell'affrontare il problema delle comunicazioni e dei rifornimenti: in questo frangente nacque il mito della Voie Sacrée , unica arteria che conduceva a Verdun, che sarebbe diventata la vitale via di rifornimento durante tutta la battaglia e uno dei simboli della stessa [53] , dove a giugno, durante la punta massima della battaglia, vennero impiegati 12.000 veicoli al giorno con il ritmo di uno ogni 14 secondi [54] .

Il rilievo del Mort-Homme

Una granata tedesca esplode nel settore

Malgrado l'iniziale impeto, l'attacco tedesco tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo si era lentamente impantanato anche per via del riassetto che Pétain dette alle linee del fronte, dove vennero portati numerosi pezzi d'artiglieria e migliaia di uomini, mentre i tedeschi si trovarono a dover avanzare in un terreno fangoso e sconvolto dai loro bombardamenti, che non consentiva di far avanzare i pesanti cannoni come la loro tattica prevedeva. Ora l'intensità del fuoco tedesco era minore, ei francesi riuscirono a resistere con grande efficacia, causando ingenti perdite agli attaccanti, che non riuscirono più a sfruttare il vantaggio di potenza di fuoco che avevano all'inizio. Falkenhayn fin dall'inizio dell'offensiva negò gli immediati rinforzi al Kronprinz, nonostante in quel momento le forze francesi fossero vicine al collasso decisivo. L'indecisione cronica del capo di Stato Maggiore precluse al comandante della 5ª armata altre forze utili allo sfondamento; l'erede al trono tergiversò aspettando i rinforzi, perdendo così la più grande occasione di sfondare le linee francesi, in quel momento nel caos più totale. Sfruttando l'indecisione nemica, le linee francesi si rinforzarono rendendo la battaglia in tutto e per tutto simile alle sanguinose offensive di logoramento che caratterizzarono il fronte occidentale [55] .

Il villaggio di Haucourt dopo l'azione tedesca del 5 aprile

Ora, in occasione del rinnovato attacco deciso da Falkenhayn, i tedeschi portarono a Verdun ingenti forze, ben lontane dalle "limitate risorse" con cui Falkenhayn intendeva condurre inizialmente l'azione, e ben superiori a quelle che a febbraio sarebbero servite per uno sfondamento decisivo. Venne deciso di condurre una vasta azione anche sulla riva sinistra della Mosa per alleggerire la riva destra, ormai teatro di violenti scontri. E proprio sulla riva sinistra vi era un'altura allungata e scoperta, perpendicolare al fiume, che aveva una notevole visuale in ogni direzione, il Mort-Homme . La sua conquista avrebbe eliminato le batterie francesi riparate dietro di questo, e consentito di dominare anche la successiva altura verso Verdun, il Bois Bourrus [56] .

Nonostante i febbrili preparativi francesi per affrontare l'attacco, questo ebbe inizialmente facili successi; la 77ª brigata tedesca superò la Mosa, fino a conquistare i villaggi di Regnéville-sur-Meuse , Forges-sur-Meuse e l'altura "Quota 265" sulla Cote de l'Oie. D'altro canto il primo attacco al Mort-Homme fu fermato praticamente alla partenza da un intenso sbarramento di artiglieria francese, e una prima conquista da parte tedesca del Bois de Corbeaux (un bosco sul lato di nord-est del Mort-Homme, da cui avrebbero portato i successivi attacchi) venne annullata dal contrattacco francese che si rimpossessò del bosco.
Il 14 marzo un primo attacco venne condotto dai tedeschi verso il Mort-Homme; la battaglia durò per alcuni giorni, ma sistematicamente come per i successivi due mesi, ondate di fanti tedeschi avanzarono in un terreno dilaniato dai loro bombardamenti preliminari, per poi essere massacrati dalla risposta dell'artiglieria francese. Le perdite crebbero vertiginosamente da ambo le parti; alla fine di marzo il totale delle perdite tedesche era di 81 607 uomini contro le 89 000 francesi [57] .

Immagine significativa delle pessime condizioni igienico-sanitarie che i soldati francesi erano costretti a sopportare nel settore di Verdun

Più i combattimenti infuriavano, più i tedeschi si trovarono in svantaggio. I boschi dove nascondere l'artiglieria e dove utilizzare la tattica dell'infiltrazione, stavano scomparendo a causa dei massicci bombardamenti che subivano ei lanciafiamme non sortivano più l'effetto pauroso degli inizi. Anzi, i serventi dei Flammenwerfer divennero ambiti bersagli, in quanto una pallottola poteva far esplodere i serbatoi di petrolio che alimentavano le armi e in questo modo uccidere oltre che il servente anche tutti i soldati che stavano nelle vicinanze. Per di più su un'altura gemella a destra del Mort-Homme, Quota 304, i francesi sistemarono artiglieria e mitragliatrici, in modo tale da prendere sul fianco le avanzate tedesche e riuscendo a immobilizzare l'avanzata nemica. I tedeschi decisero quindi di smettere i tentativi verso il Mort-Homme finché non si fossero impossessati di Quota 304. Il 20 marzo l'attacco dell' 11ª divisione bavarese ebbe un insperato successo conquistando alcune posizioni ai piedi delle due alture con limitate perdite, e catturando 2 825 francesi della 29ª divisione [58] .

I tedeschi continuarono ad avanzare; il 31 marzo cadde Malancourt , il 5 aprile Haucourt e l'8 Béthincourt , mentre il 9 venne decisa una grossa offensiva lungo l'intero fronte di Verdun, su ambedue le rive della Mosa, "facendo cioè quello che avrebbero dovuto fare il 21 febbraio". Fu lo sforzo maggiore dal primo giorno dell'offensiva a febbraio; vennero impiegati 17 treni carichi di munizioni e decine di migliaia di uomini. Ma tutto ciò non fu sufficiente; seppur con piccoli cedimenti il fronte francese resistette, da quel giorno però fu un continuo susseguirsi di sanguinosi attacchi e contrattacchi, che resero la collina un vero e proprio tappeto di cadaveri.

Il 3 maggio i tedeschi prepararono un nuovo e forse decisivo attacco; vennero posizionati oltre 500 pezzi d'artiglieria su un fronte di meno di 2 km che martellarono le linee francesi per oltre due giorni, causando tra le file francesi terribili perdite. Dopo tre giorni di combattimenti i tedeschi occuparono Quota 304. Da lì, alla fine di maggio conquistarono tutto il Mort-Homme e il villaggio di Cumières-le-Mort-Homme ; ora il margine di ritirata dei francesi era esiguo e tutte le forze tedesche sul settore occidentale potevano essere lanciate contro gli uomini di Pétain sulla riva destra della Mosa [59] .

I francesi resistono

«Come in una tenzone individuale e leggendaria a Verdun era la virilità di due popoli ad essere in gioco, nessuno dei due contendenti voleva né poteva cedere, spinti da un impeto incontrollato che andava al di là della volontà umana e che continuava implacabilmente a richiedere un enorme prezzo di vite umane [60]

Devastazioni alla base di Quota 304

Nonostante le avanzate tedesche sulla riva sinistra, sulla riva destra della Mosa le cose non andavano altrettanto bene per l'esercito del Kaiser. Nei successivi tre mesi le avanzate da entrambe le parti furono minime al costo di perdite gravissime. Nella riva destra appunto, i combattimenti si svolsero per tutto il periodo in una piccola zona, chiamata il "quadrilatero della morte" a sud di Fort Douaumont, dove i soldati cadevano a migliaia per un tira e molla da entrambe le parti che non superò mai i 1.000 m di avanzata. Nonostante i primi segni di tensione tra i comandi tedeschi, l'offensiva non venne fermata sulla base di considerazioni che facevano credere di poter sopportare altre grandi offensive, che al contrario i francesi a corto di uomini, non avrebbero potuto reggere [61] .

Ma le cose erano ben diverse, l'esperimento del "dissanguamento totale" funzionava, ma coinvolgeva anche le truppe tedesche. Al primo maggio infatti le perdite erano rispettivamente di 126.000 uomini per i tedeschi contro i 133.000 francesi. Tra le file dei primi serpeggiava però il timore di un'offensiva inglese di "alleggerimento", così Falkenhayn decise per una energica offensiva della 5ª armata verso Fort de Souville che sarebbe dovuta proseguire con attacchi sulla riva destra, nonostante questa decisione incontrasse i pareri negativi del generale Bruno von Mudra che non considerava utile un'altra offensiva. Anche il Kronprinz sosteneva che oramai l'operazione Gericht era fallita [62] , come concordava anche buona parte dello Stato Maggiore della 5ª armata, ma non il capo di Stato Maggiore, generale von Knobelsdorf che mise al posto di von Mudra al comando del III corpo d'armata il generale Ewald von Lochow , il quale sostenne insieme con Falkenhayn la continuazione dell'azione sulla destra del fronte per tentare un ennesimo sfondamento in direzione Verdun [63] .

Dopo tre mesi e mezzo di violenta battaglia, Verdun aveva ormai assunto un valore simbolico per entrambe le parti. Una cittadina oramai praticamente disabitata e semi distrutta dai bombardamenti era divenuta una questione d'onore più che strategica per la Francia. L' Honneur de la France appunto, obbligava le forze francesi a mantenere a qualunque costo la cittadella e allo stesso tempo impegnava ogni sforzo tedesco nella conquista di quell'angolo di Francia che ormai rappresentava un vero e proprio crocevia per il destino di entrambe le nazioni coinvolte. Nonostante tutto proseguirono i preparativi per il nuovo attacco tedesco, i francesi dal canto loro erano però in una situazione critica: fortemente indeboliti sulla riva destra e sopraffatti a sinistra, dove venivano martellati dall'artiglieria piazzata sulla Mort-Homme e su Quota 304 [64] .

L'assalto a fort Vaux e Thiaumont

I preparativi per un nuovo assalto, che portava il nome convenzionale di "coppa di maggio", proseguirono con grande rapidità, il peso dell'attacco fu simile a quello del 21 febbraio, ma su un fronte di 5 km, che comprendeva l'attacco alle future basi di partenza per l'assalto finale a Verdun, ossia la piazzaforte di Thiaumont, l'altura di Fleury , il forte di Souville, ma soprattutto il forte di Vaux , ossia il bastione a cui era ancorata l'estremità nord-est della linea francese [65] . Malgrado gli sforzi di Pétain, i tedeschi conservavano ancora una sensibile superiorità di artiglieria, con 2.200 pezzi contro 1.777, e la stampa tedesca ancora una volta si pronunciava: «Ci stiamo proponendo seriamente di prendere Verdun... [66] »

Artiglieria francese fuori combattimento

Il forte di Vaux era già stato precedentemente preso d'assalto dai tedeschi, ma il loro impegno si profuse invece verso la conquista di Fort Moulainville (gemello di Fort Douaumont), che venne assediato dalle " grandi Berta " che vi causarono enormi danni. Per non subire grosse perdite, le guarnigioni francesi avevano imparato a ripararsi nelle trincee al di fuori del forte durante il giorno, per poi ritornare nelle posizioni la notte. Ma anche i tedeschi avevano i loro problemi: l'utilizzo costante dell'artiglieria aveva danneggiato le canne degli enormi pezzi da 420 mm che erano diventati molto imprecisi, ea volte erano esplosi durante gli spari. In vista dell'attacco quindi, i tedeschi poterono impiegare "solo" 4 Berta invece delle 13 impiegate a febbraio, che vennero concentrate sui due forti di Souville e Vaux [67] .

Il 1º giugno partì l'attacco alle trincee difensive del forte di Vaux, che furono sopraffatte interamente il giorno dopo, mentre un terribile fuoco di sbarramento tedesco pioveva sul forte. All'alba del 2 giugno il fuoco di sbarramento cessò di colpo, e la 50ª divisione comandata dal maggiore generale Erich Paul Weber [68] incominciò immediatamente l'attacco verso il forte. Appena i soldati tedeschi arrivarono nel fossato del forte, una pioggia di proiettili si riversò su di loro, nonostante questo, alle 5:00 del mattino uno dei più importanti capisaldi del forte cadde in mano tedesca, e dopo ore di duri combattimenti nel pomeriggio ormai le strutture esterne del forte erano in mano tedesca. I combattimenti si spostarono quindi all'interno, tra le buie gallerie del forte, dove i francesi si erano barricati e dove entrambi gli schieramenti combattevano tra angusti corridoi, in una battaglia illuminata solamente dalle granate che a causa degli spazi ristretti, causavano ferite orribili [69] .

Il 4 giugno, Robert Nivelle ordinò un immediato contrattacco contro gli occupanti di fort Vaux, ma senza esito; intanto i genieri tedeschi portarono all'interno del forte sei lanciafiamme, ma la strenua resistenza francese non cessò nonostante l'utilizzo di queste terribili armi e nonostante la mancanza d'acqua nei serbatoi del forte. In aiuto dei francesi intervenne però la batteria da 155 mm del forte di Souville, che colpì duramente i tedeschi, i quali, dopo il quarto giorno di assedio cominciarono a perdere le speranze, anche per le pesanti perdite subite dall'inizio dell'attacco. Ma il 7 giugno i francesi, oramai senz'acqua e praticamente lasciati isolati dal resto dell'esercito, non riuscirono più a resistere e consegnarono la chiave di bronzo del forte al tenente Werner Müller, capo dei mitraglieri tedeschi [69] .

Falkenhayn viene sostituito

Soldati tedeschi ricevono dal Kronprinz la croce di Ferro

Per i tedeschi, non rimaneva altro che conquistare l'ultimo caposaldo, il forte di Souville, per spalancare la strada verso Verdun e quindi penetrare con decisione in direzione di Parigi. Il capo di stato maggiore Konstantin von Knobelsdorf riuscì a raccogliere oltre 30.000 uomini per l'attacco conclusivo che avrebbe permesso di entrare nella cittadina entro la fine di giugno. A questo attacco partecipò anche il Corpo d'armata alpino del generale Konrad Krafft von Dellmensingen , di cui facevano parte il tenente Franz von Epp e l' oberleutnant Friedrich Paulus .

L'attacco iniziale fu micidiale, i tedeschi per l'occasione utilizzarono un nuovo gas che le maschere francesi non riuscivano a filtrare, il fosgene , che intossicò all'istante quasi 1.600 soldati e permise ai tedeschi di avanzare per quasi 2 chilometri prima di essere fermati dalla reazione francese. L'effetto dei gas durò meno del previsto, e le batterie francesi riuscirono presto a tornare in funzione, inoltre le batterie ai lati del fronte non furono intaccate dal lancio di gas per cui non subirono alcun danno, permettendo alle truppe francesi di fermare l'avanzata tedesca. L'ultimo tentativo tedesco di conquistare Verdun fallì con perdite elevate e da lì a pochi giorni Falkenhayn dovette fronteggiare l'imponente offensiva anglo-francese sulla Somme . Il 10 luglio i tedeschi tentarono un nuovo attacco con tre divisioni su un fronte di pochi chilometri, con l'utilizzo del fosgene, ma la pioggia si mise a cadere lo stesso giorno, rendendo il terreno un vero e proprio pantano aiutando i francesi a fermare anche quest'ultimo attacco nemico, e addirittura a ricacciare i tedeschi sulla linea di partenza.

La "limitata offensiva" di Falkenhayn era già costata quasi 250.000 uomini all' esercito tedesco , ossia il doppio degli effettivi delle nove divisioni concesse al Kronprinz nell'offensiva iniziale di febbraio. Nonostante poi il 14 luglio fu dato l'ordine di fermare qualunque offensiva tedesca a Verdun, la carneficina non si fermò in quanto i francesi non erano sicuri che quella sarebbe stata l'ultima offensiva tedesca, ei tedeschi erano ormai inchiodati nella difesa di posizioni avanzate, che se abbandonate avrebbero avuto un peso psicologico enorme tra le truppe del Kaiser..

Il Kronprinz a questo punto si recò dal padre Guglielmo II per convincerlo a sostituire il suo capo di Stato maggiore von Knobelsdorf, che ancora considerava la possibilità di un ennesimo assalto teso a sfondare il settore, e il comandante in capo Falkenhayn. Il primo fu mandato sul fronte orientale, mentre Falkenhayn fu sostituito da comandante dell'esercito il 28 agosto dal duo Paul von Hindenburg ed Erich Ludendorff , che ordinarono immediatamente la cessazione di ogni attacco, in attesa delle inevitabili controffensive francesi.

Le controffensive francesi

Soldati francesi a cavallo diretti come rinforzo sul fronte di Verdun

Tra aprile e settembre le truppe francesi avevano tentato diverse volte di respingere i tedeschi, ma praticamente ogni tentativo era stato vanificato dalla disorganizzazione degli attacchi che vennero effettuati da un numero insufficiente di uomini e senza un appoggio adeguato dell'artiglieria. Il generale Charles Mangin , che aveva fama di non farsi scrupolo delle perdite subite dalle sue divisioni [N 12] , ordinò diversi attacchi a Fort Douaumont che si risolsero in un bagno di sangue per i francesi. L'artiglieria, specialmente i mortai da 370 mm che tanto piacevano a Mangin, si era difatti rivelata del tutto inadeguata a penetrare le mura di calcestruzzo del forte [N 13] così come la coordinazione tra i vari reparti che parteciparono agli attacchi; nonostante ciò durante questi attacchi alcuni gruppi di soldati riuscirono a raggiungere il tetto del forte, ma furono di fatto tutti uccisi o fatti prigionieri [70] [N 14] .

A ottobre l'andamento della battaglia sarebbe però drasticamente cambiato. I francesi cominciarono a preparare una serie di offensive su larga scala che poterono contare sullo sforzo dei tre grandi protagonisti della battaglia, il trio composto da Robert Nivelle, Philippe Pétain e dal già citato Charles Mangin, che per la prima volta da febbraio avrebbero organizzato un'offensiva degna di tale nome, aspettando prima di tutto di avere la superiorità nell'artiglieria e negli uomini. L'attacco principale avrebbe avuto come primo obiettivo la riconquista di Fort Douaumont, con in tutto otto divisioni [N 15] , e oltre 650 cannoni pesanti, con a disposizione circa 15 000 tonnellate di proiettili. Il 19 ottobre partì quindi un poderoso bombardamento preliminare francese che per tre giorni sconvolse le linee tedesche, avvalendosi fino a mezzogiorno del 23 di giganteschi pezzi da 400 mm della Schneider-Creusot che martellarono Douaumont fino ad allora "lasciato in pace", devastandone le casematte e le strutture, portando i tedeschi a evacuare il forte, riuscendo là dove i mortai da 370 mm avevano fallito [71] .

Intanto con un ingegnoso trucco messo in atto da Nivelle [N 16] le batterie tedesche subirono moltissimi danni; al mattino del 24 ottobre, si stima che le artiglierie francesi avessero sparato quasi 250 000 colpi [72] .
Il mattino del 24 ottobre, sotto una pesante nebbia, incominciò l'attacco francese accompagnato dallo squillo acuto delle trombe reggimentali; proprio per questa nebbia le poche batterie tedesche rimaste non poterono aprire il fuoco. Fleury e l' Ouvrage de Thiaumont caddero in pochi minuti, ei francesi avanzarono con una tale rapidità da cogliere le truppe nemiche del tutto impreparate. Douaumont fu riconquistato in giornata, ei soldati francesi furono impressionati dalle devastazioni che lo stesso forte aveva subito dai loro cannoni da 400 mm; verso mezzogiorno incominciò la lunga fila di prigionieri diretti al forte di Souville. Il 2 novembre cadde anche il forte di Vaux, sotto l'attacco della 2ª armata francese, mentre il 23 ottobre l'ultima guarnigione tedesca di Douaumont si era ritirata dal forte [73] .

L'entrata di Douaumont , è possibile vedere un mortaio tedesco appena fuori l'entrata

L'esercito francese avanzò di circa 3 km oltre un Douaumont devastato, riconquistando anche parecchie delle posizioni perdute in febbraio [54] ; ottenne senza ombra di dubbio «la più brillante vittoria dopo la Marna», impiegando pochi giorni per conquistare le posizioni che il Kronprinz aveva catturato in quasi quattro mesi e mezzo [74] . Fondamentale fu l'utilizzo del tiro di sbarramento mobile, ossia un vero e proprio muro di granate che avanzava a ritmo anticipato rispetto alla fanteria, in modo tale da bloccare il nemico e allo stesso tempo favorire l'avanzata dei soldati francesi, protetti dal tiro dell'artiglieria. Questo stratagemma voluto da Nivelle, si dimostrò un successo, e causò per la prima volta durante la battaglia di Verdun, più perdite tra i tedeschi (che contarono oltre undicimila prigionieri e 115 cannoni persi) che tra i francesi. La Francia celebrò il suo eroe, il generale Nivelle, mentre colui che aveva preparato la resistenza francese durante i momenti più difficili, Pétain, fu eclissato, e stessa sorte toccò all'ormai dimenticato Joffre [75] .

Analisi e conseguenze

L'esperimento di "dissanguamento totale" messo in atto da Falkenhayn, che per essere raggiunto costò la possibilità di vittoria alla 5ª armata del Kronprinz in febbraio, fu costellato da diversi errori tattici soprattutto attribuibili alla cronica indecisione del comandante in capo dell'esercito. Il mancato assalto simultaneo a entrambe le rive della Mosa e la mancata concessione di truppe di riserva nel momento cruciale dell'attacco, tra febbraio e marzo, impedirono alle preponderanti forze tedesche di sfondare le linee francesi. Queste resistettero e riuscirono a rinforzarsi, rendendo il fronte di Verdun una logorante tenzone tra due eserciti determinati a svolgere il loro compito. L'indecisione e l'indole verso la "segretezza", caratteristiche di Falkenhayn, misero in difficoltà i vari comandanti tedeschi impegnati nei combattimenti a Verdun, ma anche i comandanti alleati; infatti altro grave errore, spesso sottovalutato, fu quello di non informare l'alleato austriaco, il feldmaresciallo Franz Conrad von Hötzendorf , dell'intenzione di attaccare Verdun [76] [77] .

Una delle cause concomitanti nella sconfitta degli Imperi centrali durante la prima guerra mondiale, fu appunto la mancanza di coordinazione e comunicazione tra gli eserciti alleati, decisamente più scarsa del seppur difficile rapporto che per esempio avevano dall'altro lato prima Joffre e poi Foch con l' esercito inglese . Gli Imperi centrali non seppero sfruttare al meglio il loro unico grande vantaggio, la rete ferroviaria e stradale che collegava capillarmente i due imperi, che se opportunamente sfruttata avrebbe consentito comunicazioni rapide e celeri movimenti di truppe verso tutti i fronti di battaglia. Le continue richieste di aiuto austriache sul fronte orientale distolsero parecchie truppe tedesche a occidente, e ciò non fece altro che incrinare i rapporti tra i due imperi, i cui comandanti in capo già citati vedevano lo svolgimento della guerra in due modi completamente opposti [78] [N 17] . Questa concomitanza di fattori, e la reciproca antipatia tra Falkenhayn e von Hötzendorf, si rifletté fortemente anche durante i combattimenti di Verdun, a causa delle avventate mosse tattiche che l'alleato austriaco compì in Italia all'insaputa dei tedeschi [79] .

Le concomitanti offensive alleate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Offensiva Brusilov e Battaglia della Somme .
Schieramento di fanteria russa

Quando von Hötzendorf venne a sapere dell'offensiva tedesca a febbraio, con una segretezza degna dello stesso Falkenhayn, cominciò a preparare un'offensiva contro gli italiani senza avvisare l'alleato tedesco e impiegando cinque delle migliori sue divisioni prelevate da oriente. Gli italiani subirono gravi perdite ad Asiago , ma in un mese riuscirono a fermare l'avanzata nemica, mentre proprio a oriente uno dei peggiori disastri dell'intera guerra stava per colpire gli austriaci [80] . In risposta alla disperata richiesta di Poincaré di un'offensiva di alleggerimento, lo zar Nicola II ordinò al generale Brusilov di attaccare le linee austriache in Galizia , proprio nella zona da cui von Hötzendorf ritirò le divisioni destinate all'attacco in Italia [80] . Il 4 giugno il generale Brusilov attaccò con 40 divisioni e il fronte austro-ungarico crollò di schianto, gettato nel caos dalle numerosissime cariche dei cosacchi . Ben 400 000 uomini furono presi prigionieri dai russi [81] .

L'8 giugno, il giorno in cui venne sferrata a Verdun la nuova offensiva tedesca, von Hötzendorf si recò a Berlino da Falkenhayn, per chiedere l'aiuto tedesco [54] . Falkenhayn, intuendo il fallimento del suo piano strategico, fu costretto a togliere frettolosamente tre divisioni dal fronte francese da inviare in Galizia a supporto dell'alleato austriaco in difficoltà per via dell'offensiva russa. Per questo motivo al principe ereditario fu ordinato di fermare temporaneamente l'offensiva a Verdun, anche in vista dell'approssimarsi dell'offensiva inglese a occidente.

Fanti britannici della 5ª Divisione di fanteria sul fronte della Somme

Ma il pericolo a oriente cominciò presto ad apparire meno minaccioso, e le batterie britanniche non avevano ancora cominciato il loro fuoco, così Falkenhayn e Knobelsdorf fissarono per il giorno 23 giugno la ripresa dello sforzo verso il forte di Souville . Sfortunatamente per i tedeschi, la tempestiva offensiva russa permise ai francesi di prendere tempo per ricomporsi, permettendo a Nivelle e Pétain di rinforzare le difese sul fronte di Verdun e difendersi così dal nuovo attacco, che non ebbe successo [80] . Douglas Haig il 26 maggio si recò da Joffre per fargli pressione affinché accelerasse i preparativi di attacco che l'esercito alleato avrebbe dovuto intraprendere nella seconda metà dell'agosto 1916, quando una imponente offensiva forte di 65 divisioni, si sarebbe dovuta sferrare sulla Somme [82] . Il comandante supremo francese era ormai preoccupato sulla capacità di resistenza del suo esercito sotto l'incessante martellamento dell'artiglieria tedesca che non dava pace ai francesi di stanza a Verdun. Le sue perplessità preoccuparono seriamente anche l'alleato inglese, che decise così di anticipare l'offensiva [83] . Il 24 giugno il massiccio bombardamento di preparazione inglese incominciò il suo lavoro di demolizione delle trincee tedesche, terminando addirittura sette giorni dopo nel momento in cui migliaia di soldati inglesi uscirono dalle trincee a passo di marcia, sotto 30 kg di zaino, per essere sistematicamente falciati dalle mitragliatrici tedesche sorprendentemente rimaste intatte [84] .

Nonostante l'insuccesso alleato sulla Somme, questo poderoso attacco distolse un notevole numero di truppe sia tedesche sia francesi dal fronte di Verdun, contribuendo così ad alleggerire notevolmente la pressione sul fronte aperto da Falkenhayn, e permettendo ai francesi di attestarsi saldamente riorganizzando uomini e rifornimenti a Verdun, e consentendogli di fermare l'attacco tedesco del 23 giugno verso Souville, partito proprio alla fine del precedente attacco di alleggerimento russo in Galizia [85] . Queste concause avverse all'esercito tedesco, frutto di incapacità dell'alto comando e mancata coordinazione con l'alleato austro-ungarico, permisero agli alleati una serie di offensive di alleggerimento del fronte di Verdun, che in questo modo resse all'incessante pressione tedesca, precludendo in questo modo l'ultima possibilità di vittoria in occidente all'Impero tedesco.

Cambiamenti ai vertici dei due eserciti

Il generale Nivelle a sinistra con il suo aiutante Balfourier, durante una visita al fronte di Verdun

La battaglia di Verdun verso la fine di dicembre 1916, era tecnicamente terminata. Anche se questo campo di battaglia porterà ancora sporadiche perdite fino alla fine della guerra, l'effetto più immediato fu la caduta del potentissimo Joseph Joffre , che già da giugno non godé più della fiducia del parlamento a causa dell' ecatombe che Verdun era costata alla Francia. Con il pesante insuccesso della Somme, il 27 dicembre Joffre fu liquidato con la nomina a maresciallo di Francia , titolo che portò l'oscuramento quasi totale del generale. Al suo posto al Quartier generale fu nominato Robert Georges Nivelle , grande adulatore dei politici, molto più estroverso di Pétain, ideatore delle vittoriose controffensive francesi di ottobre e possibile aspirante comandante supremo alleato sul fronte occidentale [86] .

Il nuovo capo Nivelle diede subito inizio ai preparativi per una decisiva offensiva a primavera, sullo Chemin des Dames , che però nonostante i preparativi e il grande dispiegamento di energie umane e materiali si trasformò in un ennesimo disastro per la Francia. La seconda battaglia dell'Aisne , preparata da Nivelle in pochi giorni, fece registrare circa 120 000 perdite tra le file anglo-francesi, causando un significativo ed ennesimo impoverimento nelle risorse umane nell'esercito francese e facendo cadere nell'oblio il sopravvalutato generale. Il fallimento dell'Aisne fu poi la miccia che fece esplodere il periodo di ammutinamenti che sconvolse l'armata francese nel 1917, dove in pochi giorni le divisioni destinate all'offensiva di Nivelle fecero registrare oltre 20 000 diserzioni, che arrivarono durante l'anno al numero di 54 divisioni "ammutinate". Dal giorno della catastrofica offensiva di Nivelle [N 18] e dai successivi ammutinamenti, si capì che la guerra non si sarebbe potuta vincere senza l'aiuto americano, con tutte le conseguenze che ne derivarono.
Nuovamente i politici francesi si rivolsero all'unico uomo capace di ristabilire l'ordine, Philippe Pétain . Questi fece diminuire decisamente le contromisure repressive dei comandanti francesi e si dedicò a migliorare drasticamente le condizioni dell'esercito, partendo anche dai bisogni più semplici che fino a quel momento erano stati trascurati dai comandi francesi [76] .

Il segno che la battaglia di Verdun lasciò sull'esercito fu indelebile: il 70% degli effettivi dell'esercito francese passò per il fronte di Verdun [87] ; la Francia zoppicò per tutto il 1917, portando a termine solo piccole e limitate offensive (tra cui la riconquista del Mort-Homme) e passando simbolicamente il peso dell'attacco sul fronte occidentale agli inglesi prima e agli americani poi, mettendo il proprio sulla difensiva [88] . D'altra parte le incapacità dell'esercito francese non furono poche: la sconfitta del 1870 bruciava ancora nei ricordi dei comandi, e ciò si tramutò nella totale indisposizione a perdere neppure un metro di terreno per ragioni tattiche. La Francia invece avrebbe potuto limitare notevolmente le proprie perdite abbandonando quelle fortezze fino ad allora tanto trascurate da Joffre, per attestarsi su posizioni più favorevoli e lasciando ai tedeschi la città di Verdun. Ma il senso dell'onore e la paura delle conseguenze nell'opinione pubblica prevalse. Allo stesso tempo nulla fu fatto per trovare alternative tattiche e strategiche adeguate; la Francia accettò in pieno la sanguinosa sfida lanciata dai tedeschi e l'intervento di Pétain riuscì solo ad alleviare le condizioni dell'esercito [88] .

Parallelamente i comandi tedeschi in più occasioni ebbero tra le mani la possibilità di prendere definitivamente Verdun. A maggio la conquista della città si sarebbe potuta ottenere, si sarebbe potuto avere un collasso di tutto il paese con un attacco deciso e coordinato che avrebbe finalmente terminato le sofferenze di entrambi gli eserciti, senza prolungare l'inferno in cui dovettero combattere. Ma anche i comandi tedeschi, dall'indeciso Falkenhayn, al temerario Knobelsdorf, all'inascoltato Kronprinz, non seppero programmare una tattica comune decisa a uno sfondamento risolutivo. C'è da considerare poi che le perdite tedesche furono così gravi che in nessun modo si sarebbero potute trovare le riserve necessarie per un colpo finale nei mesi seguenti, specialmente considerando l'attacco alleato sulla Somme, che assorbì notevoli forze tedesche per molti mesi [89] . I critici militari tedeschi sono più o meno unanimi nel considerare Falkenhayn come la causa principale dell'insuccesso, a causa della sua incapacità di concentrare l'attacco in un solo punto, preferendo "attacchi limitati" assecondando fino all'ultimo la sua tecnica del "logorio dovuto all'attrito", oltre che per la sua perenne indeterminatezza nelle decisioni fondamentali, dopo aver deciso comunque di buttarsi nell'operazione Verdun [90] . Anche se alcuni storici tedeschi difensori di Falkenhayn sostengono che l'atteggiamento di Joffre andò a favore della Germania, in quanto l'impegno a Verdun tolse ventisei divisioni francesi dal fronte della Somme, semplificando non di poco l'impegno tedesco [91] .

Nessuna delle due parti vinse a Verdun, fu una battaglia non decisiva di una guerra che alla fin dei conti non ebbe un chiaro vincitore sul campo [91] . Alla sua conclusione ciò che i tedeschi avevano conquistato dopo dieci mesi di scontri e un terzo di milione di perdite, non era altro che un'estensione di territorio un po' più larga dei parchi reali di Londra . Verdun lasciò un segno incancellabile anche nell'esercito tedesco, la fiducia nei capi fu scossa alle fondamenta, il morale non si ristabilì mai del tutto, e anche in patria si manifestò un'evidente stanchezza nei confronti della guerra [88] .

Gli insegnamenti di Verdun

La medaglia commemorativa della Battaglia di Verdun, appartenuta al colonnello Théophile Marie Brébant

Le conseguenze di questa sanguinosa battaglia non si esaurirono con la fine della stessa. Verdun più di qualsiasi altro evento, contribuì fortemente nelle tattiche militari francesi durante la caduta della Francia nel 1940 . Se da una parte Verdun fu teatro per una evoluzione dell'arte della guerra, con l'introduzione dei lanciafiamme e del fosgene , con l'utilizzo delle nuove concezioni di "forza aerea", "tecnica di infiltrazione" [N 19] e "sbarramento mobile a ondate successive" [N 20] , fu anche l'occasione in cui studiosi militari, soprattutto francesi, analizzarono la resistenza offerta dalle fortificazioni moderne nei confronti dei nuovi enormi calibri. E fu il maresciallo di Francia Pétain (che ora godeva di maggior prestigio nel suo paese), che già dal 1922 richiese la creazione di una linea difensiva che proteggesse permanentemente la Francia non più sullo stile del sistema Séré de Rivières , ma su una nuova concezione di linea continua formata da centinaia di cupole retrattili armate di cannoni e collegate tra di loro con passaggi sotterranei a una tale profondità da essere immuni a qualsiasi tipo di proiettile [92] .

Non fu una coincidenza che l'uomo politico che alla fine appoggiò e dette il suo nome alla linea fu un ex- sergente che fu ferito seriamente a Verdun, il ministro André Maginot [93] , e che il capo di stato maggiore francese sotto il quale venne realizzata la Linea Maginot , fu un certo Marie-Eugène Debeney , anch'egli combattente sulla Mort-Homme . Molti dei personaggi politici francesi che dovettero prepararsi alla seconda guerra mondiale , furono testimoni e partecipi dell'immane massacro di Verdun; il presidente francese Albert Lebrun maggiore di artiglieria, il presidente René Coty , soldato di prima classe, il presidente Charles de Gaulle , capitano di fanteria, l'ammiraglio François Darlan ei marescialli Pétain e Jean de Lattre de Tassigny furono tutti chiamati alla difesa di Verdun. Questi furono anche gli uomini politici che dovettero guidare la Francia prima, durante e dopo il secondo conflitto mondiale e che tentarono in ogni modo di non ripetere gli errori ei sacrifici che i giovani francesi erano stati chiamati a compiere a Verdun [94] .

Mentre i francesi si prodigavano a difendere il confine nazionale, anche i tedeschi dovettero fare i conti con le conseguenze di Verdun. Seppur la sanguinosa battaglia non segnò così profondamente i tedeschi come accadde per i francesi, ebbe comunque una grande influenza sui futuri capi della Wehrmacht , molti dei quali avevano preso parte ai logoranti combattimenti di Verdun. Generali come Erich von Manstein , Friedrich Paulus , Heinz Guderian , Walther von Brauchitsch e Wilhelm Keitel [95] , ben memori degli immani massacri per la conquista di fortificazioni fisse, impararono più di ogni altro esercito la lezione che Verdun aveva impartito, e per non ricadere più in un'altra guerra d'attrito, misero in pratica ciò che avevano imparato e che il generale Hans von Seeckt teorizzò [96] .

L'esercito tedesco fu il primo a sviluppare una tattica completamente svincolata dall'eventuale sfondamento di posizioni fisse e fortemente protette, puntando invece sulla velocità di avanzata e lo sfondamento in settori ben precisi, con lo scopo di aggirare e quindi accerchiare il nemico per costringerlo alla resa. Questa tattica fu applicata con successo in Polonia e in Francia poco più di vent'anni dopo, dove la guerra lampo ( "Blitzkrieg" ) mise in ginocchio il vecchio nemico francese in pochi giorni [97] . Questo derivò anche dal fatto che gli stessi tedeschi analizzarono le fortificazioni di Douaumont e Vaux da un altro punto di vista, non come capisaldi indistruttibili su cui imperniare le proprie difese, ma come "calamite" per le artiglierie da cui far fuggire i propri soldati. Ventiquattro anni dopo misero in pratica le soluzioni trovate per aggirare l'imponente linea difensiva francese. Le divisioni corazzate di Guderian e Manstein nel 1940 aggirarono le linee della Maginot e in poco tempo si trovarono nuovamente di fronte alla Mort-Homme ea Quota 304, questa volta però non furono di nuovo luoghi di enormi massacri, ma rappresentarono due colline dalle quali i panzer di un comandante di battaglione partirono alla conquista dei vecchi baluardi Douaumont e Vaux, che caddero nel giro di un'ora [98] .

In meno di un mese la svastica sventolava su Verdun, e costò ai tedeschi meno di 200 morti, ancora una volta Pétain fu chiamato in causa, ma in questo caso come "curatore fallimentare" di una sconfitta imminente, poco dopo infatti, il 22 giugno, fu siglato un immediato armistizio con l'invasore tedesco, che come in una "rivincita" aspettata più di vent'anni, entrò in parata sotto l' Arco di Trionfo a Parigi [99] .

Le perdite e il ricordo

Il terreno nelle campagne nei dintorni di Verdun devastato dai bombardamenti, a sinistra in una foto del 1916, a destra in una foto del 2005

A causa della durata della battaglia, e quindi dei numerosi avvicendamenti di truppe, è difficile stabilire quanti soldati abbiano combattuto a Verdun [87] , ma più preciso è il conto delle perdite in entrambi gli schieramenti; si stima che circa tra il 21 febbraio e il 15 luglio i francesi persero oltre 275 000 soldati e 6 563 ufficiali, circa 70 000 erano morti e 65 400 furono i prigionieri (120 000 perdite si ebbero solo negli ultimi due mesi), mentre per i tedeschi, la "limitata offensiva" costò circa 250 000 uomini [3] . Successivamente, quando Hindenburg e Ludendorff presero il comando e ordinarono la cessazione di ogni attacco, le perdite tedesche ammontarono a 281.333 uomini e quelle francesi a 315 000 circa [3] . Le cifre francesi indicano invece che le perdite sul campo di battaglia di Verdun per entrambi gli schieramenti furono di circa 420 000 morti [100] e 800 000 avvelenati dai gas o feriti. A sostenere queste cifre furono i circa 150 000 cadaveri, o parti di essi, non identificati e deposti nell' ossario di Douaumont . Ancora oggi vengono scoperti resti di soldati caduti, e se le cifre fossero veramente queste, per un confronto vale la pena di ricordare che le perdite totali dell' Impero britannico durante tutta la seconda guerra mondiale furono 1 246 025, di cui 353 652 morti e 90 844 dispersi [101] . Approssimativamente si è calcolato che l'artiglieria tedesca abbia sparato all'incirca 22 000 000 di colpi, mentre quella francese circa 15 000 000, mentre su un totale di 96 divisioni sul fronte occidentale, i francesi ne inviarono ben 70 a Verdun, mentre i tedeschi 46 e mezzo [3] .

Resti del villaggio di Ornes , situato nella foresta antistante Verdun, distrutto e mai più ricostruito dopo i bombardamenti tedeschi del 1916

Centinaia di migliaia furono i giovani che patirono sofferenze indicibili nelle trincee di Verdun, migliaia di veterani sia francesi sia tedeschi si recarono per molti anni a commemorare i loro compagni nei luoghi in cui un tempo combatterono in condizioni terribili, tra feriti senza cure che agonizzavano, portaordini che non tornavano, soccorsi e razioni che non arrivavano e cadaveri seppelliti e disseppelliti dall'incessante bombardamento dell'artiglieria. Fu appunto l'artiglieria, con i suoi infiniti bombardamenti, che caratterizzò la battaglia sul fronte di Verdun per quasi un anno, instaurando nei combattenti una specie di "perdita di volontà", una insensibilità alla sofferenza e alla morte, che se da una parte gli corrose l'animo, dall'altro lato permise di sopportare indicibili sofferenze [7] . Moltissimi dei veterani, che ventitré anni dopo vissero e furono partecipi anche al secondo conflitto mondiale, rimasero così profondamente scossi dalla battaglia di Verdun, da portarsi dietro quel ricordo per tutta la vita. Caso emblematico fu quello del generale Carl-Heinrich von Stülpnagel , governatore militare tedesco a Parigi e tra i maggiori cospiratori nell'attentato del 20 luglio 1944 contro Hitler. Questi mentre rientrava in Germania per il processo a suo carico, chiese di potersi fermare a Verdun nei pressi della tristemente famosa Mort-Homme , dove nel 1916 aveva comandato un battaglione , e dove nel 1944 tentò il suicidio. Proprio nel luogo dove migliaia di suoi commilitoni persero la vita durante i terribili assalti volti alla conquista di quella collina distrutta dal furore della guerra, il generale rivolse la sua pistola d'ordinanza alla testa. Sfortunatamente il generale riuscì solo ad accecarsi, e condotto comunque in Germania venne poi strangolato dalla Gestapo [102] .

I pellegrinaggi e le commemorazioni legate a Verdun proseguirono per tutto il primo dopoguerra, l'ossario di Douaumont e la Voie Sacrée divennero quasi dei luoghi di culto per giovani e meno giovani, ma tutto il campo di battaglia rimase per lungo tempo pieno dei segni della battaglia. I pesanti reticolati dei forti furono usati nelle fattorie, gli elmetti tedeschi furono messi in testa agli spaventapasseri, i numerosi villaggi devastati rimasero abbandonati o addirittura sparirono dalle cartine geografiche. I boschi della riva destra furono nuovamente ricoperti di alberi, che crebbero di qualità scadente, nel 1930 le pendici del Mort-Homme furono ricoperte di alberi piantati dopo che ogni tentativo di coltivazione era fallito [103] . Voragini innaturali più o meno profonde sono ancora individuabili lungo tutto il campo di battaglia e quella che prima veniva chiamata Quota 304 oggi è segnata sulle cartine geografiche con l'altezza di 297 m, dato che i violenti bombardamenti che accompagnavano i tentativi di conquista, "limarono" di ben 7 metri l'altezza della collina [7] . Ancora oggi, vagando per i campi, con un po' di fortuna si possono trovare gli avanzi della battaglia: elmetti, borracce, fucili rotti e schegge di ogni tipo, a testimonianza della violenza della battaglia e del sacrificio di migliaia di soldati [104] .

Cultura di massa

La band Power metal Sabaton ha reso omaggio a questa battaglia nella canzone "Fields of Verdun" contenuta nell'album The Great War .

Note

Esplicative

  1. ^ Sollevato da ogni incarico il 28 agosto dello stesso anno e sostituito dal feldmaresciallo Paul von Hindenburg coadiuvato dal generale Erich Ludendorff
  2. ^ Anch'egli sostituito, ma solo dopo la fine delle operazioni a Verdun: infatti il 27 dicembre fu promosso Maresciallo di Francia , con lo scopo di allontanarlo dal Gran Quartier Géneral , e far prendere il suo posto a Nivelle
  3. ^ Per un solo corpo d'armata erano previsti pinze tagliafili, 17.000 badili, 125.000 granate a mano, 1.000.000 di sacchetti di sabbia, 265.000 kg di filo spinato . Vedi: Horne , p. 48
  4. ^ In seguito venne calcolato che in un'area rettangolare di terreno di mezzo km per uno, erano caduti 80.000 proiettili di grosso calibro. Vedi: Horne , p. 80
  5. ^ In questa sfortunata azione la 72ª divisione di fanteria francese smise di esistere. Dopo soli 4 giorni di combattimenti la divisione perse 192 ufficiali e 9.636 uomini di truppa, e venne sciolta. Vedi: Horne , p. 66
  6. ^ Precisamente nord-africani e zuavi , poco abituati a quelle condizioni di battaglia, che dopo la morte del loro comandante lasciarono le linee e vennero per questo falciati dalle loro mitragliatrici. Vedi: Horne , p. 67
  7. ^ Nei primi giorni fu predisposto un sistema di staffette (che poi divenne pressoché la prassi tra le linee francesi per quasi l'intera durata della battaglia), che se non venivano colpite, impiegavano anche 8 ore per percorrere 3 km tra le linee. Vedi: Horne , p. 82
  8. ^ Un pezzo pesante da 155 mm a canna tozza, una coppia da 75 mm a canna corta (tutti su innovative torrette retrattili), 3 mitragliatrici e 4 cupole corazzate per l'osservazione. Vedi: Horne , p. 56
  9. ^ In seguito il tenente von Brandis, nel suo libro Die Sturmer von Douaumont , si appropriò indebitamente del merito della conquista del forte. Vedi: Ousby , p. 78
  10. ^ In seguito i francesi si accorsero che gli assalitori non erano più di una novantina e dissero che se lo avessero saputo non si sarebbero arresi così facilmente. «Troppo tardi» fu la risposta. Vedi: Ousby , p. 78
  11. ^ I giudizi a posteriori dell'ordine di De Castelnau, dicono che invece di resistere fino alla morte, l' esercito francese avrebbe fatto meglio a ritirarsi gradualmente lasciando ai tedeschi la riva destra ormai piena di forti inutilizzabili, e potersi quindi attestare sulle posizioni collinose di Sainte-Menehould per aver un migliore tiro sul nemico in avanzata, rendendo impossibile al nemico ulteriori progressioni in un terreno completamente sotto tiro dei 155 mm e dei 75 mm francesi. Ma come detto la dottrina francese non contemplava la ritirata, e inoltre la perdita della piazzaforte di Verdun avrebbe causato moltissime ripercussioni morali nell'opinione pubblica e nello stesso esercito, già martoriato da 18 mesi di sconfitte. Vedi: Horne , p. 146
  12. ^ Alla vigilia di uno dei suoi attacchi a Fort Douaumont disse: «La prima ondata sarà uccisa. La seconda anche. E anche la terza. Alcuni uomini della quarta raggiungeranno l'obiettivo. La quinta ondata prenderà la posizione». Vedi: Ousby , pp. 293-295; 340-341
  13. ^ Un ufficiale al comando di uno degli altri forti di Verdun, che sapeva a quale intensità di fuoco potevano resistere, saputo che Mangin avrebbe usato i mortai da 370, commentò: «Mangin ritiene davvero Douaumont tanto debole?». Vedi: Ousby , pp. 293-295; 340-341
  14. ^ L'8 maggio il forte fu scosso da una violenta esplosione causata da una scatola di bombe a mano difettose e morirono più di 600 soldati tedeschi che si trovavano nei sotterranei. Mangin colse l'occasione e andò all'attacco il 22 maggio; quando dalla sua posizione vide che alcuni soldati (sotto il comando del maggiore Lefebvre-Dibon) erano arrivati in cima al forte, preso dall'emozione comunicò subito a Nivelle di aver riconquistato il forte. Al pomeriggio del 23 dovette arrendersi all'evidenza che l'attacco era stato un fallimento e che i soldati che erano penetrati nel forte erano stati tutti fatti prigionieri. Vedi: Ousby , pp. 293-295; 340-341
  15. ^ Tre divisioni in prima linea, 3 divisioni a seguire e 2 divisioni di riserva.
  16. ^ Il 22 ottobre per far credere al nemico un imminente assalto, ordinò alle truppe di emettere le stesse grida d'eccitazione tipiche di un attacco; in risposta le artiglierie tedesche iniziarono un tiro di sbarramento, rivelando così le loro posizioni, che furono quindi martellate senza sosta dai pezzi da 155 francesi che in questo modo misero fuori combattimento 90 delle 158 batterie tedesche. Vedi: Horne , p. 312
  17. ^ Il feldmaresciallo von Hötzendorf era un seguace di Alfred von Schlieffen , e pensava che per vincere la guerra fosse necessario attaccare ed eliminare con il massimo sforzo prima un fronte per poi passare all'altro eliminando un nemico per volta, puntando prima ad eliminare la Russia . Mentre la cronica indecisione di Falkenhayn fece in modo che durante i 23 mesi del suo comando, l'atteggiamento tattico privilegiato fu quello che avrebbe garantito la "sicurezza su tutto il fronte" garantendo un distribuito numero di truppe lungo tutto la linea, quindi incapace di uno sfondamento settoriale. Vedi: Horne , p. 280
  18. ^ A cui non fu nemmeno più permesso avvicinarsi al fronte occidentale, fu spedito in nord Africa e per alcuni anni gli fu proibito di abitare a meno di 50 km da Parigi . Vedi: Horne , p. 332
  19. ^ A Verdun per la prima volta, i comandanti tedeschi perfezionarono la tattica di infiltrazione nelle linee nemiche con l'impiego di piccole squadre addestrate che sparpagliate su tutto il fronte, ebbero a dare molto filo da torcere alle difese statiche francesi. Vedi: Gudmundsson , pp. 154-155
  20. ^ Quello attuato da Nivelle durante le vittoriose controffensive di novembre e dicembre, basate sull'avanzamento dello sbarramento di artiglieria ad intervalli programmati a cui avrebbe dovuto seguire l'avanzamento della fanteria che in questo modo era sempre protetta dalla propria artiglieria.

Bibliografiche

  1. ^ The Encyclopedia Americana, Vol. 28, (JBLyon Company, 1920), 283.
  2. ^ MacKenzie, Donald A., The story of the Great War, (Buck Press, 2009), p. 142.
  3. ^ a b c d e Horne , p. 300 .
  4. ^ a b Dupuy , p. 1052 .
  5. ^ a b Grant , p. 276 .
  6. ^ a b c d Horne , p. 7 .
  7. ^ a b c d e f g Filmato audio ( FR ) Daniel Costelle, Verdun, Les grandes batailles . URL consultato l'8 giugno 2011 .
  8. ^ a b c Horne , p. 9 .
  9. ^ Horne , p. 21 .
  10. ^ Horne , p. 20 .
  11. ^ Horne , p. 18 .
  12. ^ Davis , p. 466 .
  13. ^ Davis , p. 467 .
  14. ^ Gilbert , p. 285 .
  15. ^ Horne , p. 53 .
  16. ^ Horne , pp. 52-53 .
  17. ^ Horne , p. 13 .
  18. ^ Horne , p. 57 .
  19. ^ a b c R.de Thomasson, Les preliminaires de Verdun , Nancy, 1921.
  20. ^ a b La battaglia di Verdun , su lagrandeguerra.net . URL consultato il 22 marzo 2014 .
  21. ^ Horne , p. 43 .
  22. ^ a b Horne , p. 45 .
  23. ^ Horne , pp. 49-50 .
  24. ^ Horne , p. 49 .
  25. ^ a b Horne , p. 50 .
  26. ^ a b Paul Bansi, Niedersachsische Fussartillerie , Oldenburg, 1928
  27. ^ Una batteria addirittura ogni 150 m di trincea. Vedi: Horne , p. 51 .
  28. ^ a b c Horne , p. 51 .
  29. ^ Horne , p. 34 .
  30. ^ Horne , p. 35 .
  31. ^ Ousby , pp. 83-84 .
  32. ^ Horne , p. 59 .
  33. ^ Ousby , p. 85 .
  34. ^ Horne , p. 61 .
  35. ^ Anche per via del controspionaggio tedesco che inviava false notizie da paesi neutrali
  36. ^ Horne , p. 62 .
  37. ^ Kronprinz Wilhelm, My War Experience .
  38. ^ a b Horne , p. 75 .
  39. ^ a b c Gudmundsson , p. 155 .
  40. ^ Horne , p. 77 .
  41. ^ Horne , p. 66 .
  42. ^ Horne , p. 85 .
  43. ^ Atlantide storie di uomini e di mondi - "La battaglia della Somme" , su la7.tv , Archivio cult, la7.tv. URL consultato il 1º ottobre 2012 .
  44. ^ Ousby , pp. 76-77 .
  45. ^ Horne , p. 114 .
  46. ^ Ousby , p. 77 .
  47. ^ a b c d Ousby , p. 120 .
  48. ^ Horne , p. 132 .
  49. ^ Ousby , p. 121 .
  50. ^ Horne , p. 147 .
  51. ^ Horne , p. 145 .
  52. ^ Horne , pp. 147-148 .
  53. ^ Durante le prime critiche settimane, dal 28 febbraio, transitarono per quella strada 25.000 tonnellate di materiale e 190.000 uomini
  54. ^ a b c Davis , p. 469 .
  55. ^ Horne , p. 164 .
  56. ^ Horne , p. 166 .
  57. ^ Horne , p. 171 .
  58. ^ Horne , p. 172 .
  59. ^ Davis , pp. 374-375 .
  60. ^ Horne , p. 245 .
  61. ^ Horne , p. 198 .
  62. ^ Horne , p. 223 .
  63. ^ Horne , p. 224 .
  64. ^ Horne , p. 228 .
  65. ^ Horne , p. 258 .
  66. ^ Horne , p. 246 .
  67. ^ Horne , p. 268 .
  68. ^ Distintosi in precedenza nell'organizzazione della difesa dei forti turchi a Gallipoli .
  69. ^ a b Horne , p. 272 .
  70. ^ Ousby , pp. 293-295; 340-341 .
  71. ^ Horne , p. 308 .
  72. ^ Horne , p. 311 .
  73. ^ Horne , pp. 311-312 .
  74. ^ Horne , p. 312 .
  75. ^ Horne , pp. 312-313 .
  76. ^ a b Horne , p. 278 .
  77. ^ Gudmundsson , p. 168 .
  78. ^ Horne , p. 279 .
  79. ^ Horne , pp. 280-281 .
  80. ^ a b c Horne , p. 282 .
  81. ^ Davis , pp. 375-376 .
  82. ^ Gudmundsson , pp. 154-155 .
  83. ^ Gilbert , pp. 313-314 .
  84. ^ Gilbert , p. 317 .
  85. ^ Gilbert , p. 325 .
  86. ^ Horne , p. 320 .
  87. ^ a b Davis , p. 470 .
  88. ^ a b c Horne , p. 331 .
  89. ^ Horne , p. 323 .
  90. ^ Horne , p. 329 .
  91. ^ a b Horne , p. 330 .
  92. ^ Horne , p. 340 .
  93. ^ Il quale fu uno dei rappresentanti parlamentari che sfiduciarono Joffre nel 1916.
  94. ^ Horne , p. 341 .
  95. ^ Mentre altri, come Rommel e von Kluge in altri periodi, parteciparono anch'essi ad azioni nello stesso settore.
  96. ^ Horne , p. 342 .
  97. ^ Gudmundsson , p. 156 .
  98. ^ Horne , pp. 336-338 .
  99. ^ Horne , p. 338 .
  100. ^ Tra di essi il Generale di brigata Ernest Jean Aimé , arruolatosi come soldato semplice, scalò le gerarchie militari fino a raggiungere i massimi gradi. Rimase ucciso il 6 settembre 1916 presso Fort de Souville .
  101. ^ Davis , p. 480 .
  102. ^ Horne , p. 347 .
  103. ^ Horne , pp. 349-350 .
  104. ^ Horne , p. 350 .

Bibliografia

  • ( EN ) Ernest Dupuy, Trevor Dupuy, The Harper's Encyclopedia of Military History , HarperCollins Publishers, 1993.
  • Martin Gilbert , La grande storia della prima guerra mondiale , Milano, Arnoldo Mondadori, 2009 [1994] .
  • ( EN ) Grant RG, Battle:A Visual Journey through 5,000 years of Combat , DK Publishing, 2005.
  • Alessandro Gualtieri, Verdun 1916, il fuoco, il sangue, il dovere , Parma, Mattioli 1885, 2010.
  • Bruce I. Gudmundsson, Sturmtruppen - origini e tattiche , Gorizia, Libreria Editrice Goriziana, 2005 [1989] .
  • Alistair Horne , Il prezzo della Gloria, Verdun 1916 , Milano, BUR, 2003 [1962] , p. 376.
  • Ernst Jünger , In Stahlgewittern - Nelle tempeste d'acciaio , Parma, Guanda, 1995 [1920] .
  • Paul Davis, Le 100 battaglie che hanno cambiato la storia , Roma, Newton Compton, 2006 [1999] .
  • Ian Ousby, Verdun , Milano, Rizzoli, 2002, p. 405.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 49044 · LCCN ( EN ) sh85142812 · GND ( DE ) 4212451-7 · BNF ( FR ) cb119542681 (data) · BNE ( ES ) XX534068 (data)
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 31 dicembre 2010 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki