orasul Vatican

De la Wikipedia, enciclopedia liberă.
Salt la navigare Salt la căutare
Notă despre dezambiguizare.svg Dezambiguizare - „Vatican” se referă aici. Dacă căutați alte semnificații, consultați Vatican (dezambiguizare) .
orasul Vatican
Orașul Vaticanului - Steag Vatican - Stema
( detalii ) ( detalii )
Vatican - Locație
Date administrative
Numele complet Statul Vatican
Nume oficial ( IT ) Statul Vatican
( LA ) Status Civitatis Vaticanae
Limbile oficiale Latină [1] , italiană [2]
Capital Orașul Vaticanului [3] (453 [4] locuitori / februarie 2019)
Politică
Forma de guvernamant Monarhie teocratică absolută ierocratică electivă
Pontif Papa Francesco
Președinte al Guvernoratului Giuseppe Bertello
Independenţă 7 iunie 1929
din Regatul Italiei (în urma pactelor lateraniene )
Intrarea în ONU Stat nemembru (observator permanent), reprezentat la nivel internațional de Sfântul Scaun [5]
Suprafaţă
Total 0,44 km² ( 262º )
% de apa neglijabil
Populația
Total 453 [4] ab. (Februarie 2019) ( 194º )
Densitate 1029,54 locuitori / km² ( al treilea )
Rata de crestere 0,004% (2012) [6]
Numele locuitorilor Vatican [7]
Geografie
Continent Europa
Frontiere Italia
Diferența de fus orar UTC + 1
Economie
Valută euro
Variat
Coduri ISO 3166 VA , TVA, 336
TLD .merge
Prefix tel. +379 ( de iure ) +39 (de facto) [8]
Autom. V, [9] SCV, [10] CV [11]
imn național Imn și Martie Pontifică
sarbatoare nationala 11 februarie
Vatican - Harta
Cod poștal : 00120
Evoluția istorică
Starea anterioară Statul papal Stat papal (756-1870)

Italia Regatul Italiei (1870-1929)

Coordonate : 41 ° 54'14.4 "N 12 ° 27'10.8" E / N ° 41.904 12.453 41.904 ° E; 12.453

Logo alb UNESCO.svg Bine protejat de UNESCO
orasul Vatican
Site-ul Patrimoniului Mondial UNESCO logo.svg Patrimoniul mondial
Vatikanische Gaerten Museen Rom.jpg
Tip Arhitectural
Criteriu (i) (ii) (iv) (vi)
Pericol Nu este în pericol
Recunoscut de atunci 1984
Cardul UNESCO ( EN ) Orașul Vaticanului
( FR ) Foaie

Orașul Vaticanului , oficial statul orașului Vatican (în latină : Status Civitatis Vaticanæ [12] ), numit și simplu Vaticanul (sau prin definiție Sfântul Petru , sau în mod necorespunzător Sfântul Scaun ), este un stat fără ieșire la mare al Peninsulei Italiene , cel mai mic stat suveran din lume atât prin populație (453 locuitori) [13], cât și prin extindere teritorială ( 0,44 km² ), al șaselea pentru densitatea populației . [14] Ca formă de guvernare, este o teocrație .

Orașul-stat , creat la 7 iunie 1929 cu Pactele lateraniene , semnat la 11 februarie același an între Benito Mussolini și cardinalul secretar de stat Pietro Gasparri , respectiv reprezentanții Regatului Italiei și al Sfântului Scaun , este un enclavă pe teritoriul Republicii Italiene , inserată în țesătura urbană a orașului Roma . În stat există un regim de monarhie absolută [15] electivă ierocratică teocratică de tip patrimonial , [16] condusă de Pontiful Suprem al Bisericii Catolice . Limba oficială este italiana , în timp ce latina este limba oficială a Sfântului Scaun .

Statul facturează propria sa monedă , dar, datorită uniunii vamale și monetare cu Italia, adoptă euro , care în cele opt denumiri ale monedelor metalice poartă stema papei în vigoare pe latura națională sau subiecții Vaticanului, și emite propriile sale timbre poștale , utilizabile pentru serviciul poștal către întreaga lume (dar evident numai cu expediere de la Oficiul Poștal al Vaticanului ). Importantă serie comemorativă de monede și timbre foarte căutate de numismatici și filateliști [17] . Vaticanul publică, de asemenea, un cotidian, L'Osservatore Romano , fondat în 1861, iar din 1931 există un post de radio , Radio Vatican , care difuzează în diferite limbi.

Istorie

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: Leonine City , Diecese of Rome § History , Papal State și Lateran Pacts .
Originile numelui

Termenul Vatican derivă, potrivit unor surse - inclusiv autorul latin Aulo Gellio - din numele unei vechi divinități romane, Vaticanus ; alții susțin derivarea sa de la verbul latin vaticinor , în italiană „predare”, presupunând că în zonă existau mai multe oracole (locuri de rugăciune și preziceri ale viitorului). Sesto Pompeo Festo , de fapt, a declarat că este un loc de întâlnire pentru unii ghicitori etrusci. Pliniu cel Bătrân a povestit existența pe dealul unei stejar, despre care se crede că este cea mai veche din orașul Romei, căreia i s-au atribuit puteri magice și pe al cărei trunchi era lipit un semn de bronz, pe care erau întipărite câteva litere etrusce.

Statul Bisericii , care timp de aproximativ un mileniu se răspândise pe o mare parte a Italiei centrale , constituind baza teritorială a puterii temporale a papilor, a fost anexat Regatului Italiei în 1870 , când Bersaglieri (la 20 septembrie ) a pătruns la Roma prin încălcarea Porta Pia , abținându-se de la ocuparea militară a districtului Borgo numai. Teritoriul lăsat Pontifului a fost restrâns în continuare în zilele următoare la singurul cerc al zidurilor leoniene , la cererea aceluiași secretar de stat cardinal, Giacomo Antonelli , care se temea de problemele de ordine publică și vorbea despre refuzul lui Pius IX . a deveni un fel de conducător al unei singure secții; acest lucru a ascuns intenția de a face ca încarcerarea Papei să cântărească și mai mult, în speranța unei noi restaurări pentru a recupera întregul stat papal.

După capturarea Romei cu Decretul regal din 9 octombrie 1870, n. 5903 orașul a fost proclamat capitala Italiei și puterea temporală a papilor a fost suprimată. Pius IX , un suveran deposedat militar, nu a dat aderare și nici consimțământ la ocupația italiană și nici la legea Guarentiges , care a fost emisă unilateral de statul ocupant, cu scopul de a menține și de a garanta independența spirituală a Papei (dar nu suveranitatea sa) și continuarea misiunii sale religioase; s-a considerat prizonier la Vatican și nu a mai ieșit niciodată din el, deși și-a continuat exercitarea pontificatului: astfel s - a născut problema romană , care a chinuit relațiile dintre Regatul Italiei și Biserica Catolică timp de 59 de ani.

Zona Vaticanului, într-o fotografie aeriană dintr-un dirigibil, în 1922.

Au existat lungi negocieri diplomatice, în timpul cărora a fost ipotezată în mod repetat constituirea unui nou stat, a cărui extindere, în funcție de propuneri, a variat de la singura zonă disponibilă Papei din octombrie 1870 , la un teritoriu extins până la mare. Sau că a inclus cel puțin un acces la Tibru , ca garanție a posibilității de a ajunge la credincioșii în afara Italiei fără a călători pe teritoriul italian; sau în orice caz s-a presupus un teritoriu nu prea mic care ajungea până la Villa Doria Pamphilj . Aceste ultime ipoteze au eșuat în cele din urmă atât din cauza deciziei lui Mussolini de a nu vinde porțiuni semnificative din teritoriul italian, cât și din cauza fricii lui Pius al XI-lea de a fi distras excesiv de problemele temporale. Întrebarea a fost rezolvată în cele din urmă la 11 februarie 1929 , când cei doi înalți contractanți au semnat Pactele lateraniene, cu care au recunoscut reciproc caracterul independenței și suveranității.

Pactele au constat în:

  • un acord privind relațiile reciproce.
  • un tratat , cu un acord financiar atașat.

„Italia recunoaște Sfântului Scaun deplina proprietate și puterea suverană exclusivă și absolută și jurisdicția asupra Vaticanului, așa cum este constituit în prezent, cu toate dotările și dotările sale, creând astfel Cetatea Vaticanului, în scopuri speciale și cu procedurile stabilite în acest tratat [...] "

( Tratat între Sfântul Scaun și Italia, 1929, art. 3 [18] )

Tratatul de pe Lateran este actul constitutiv al statului orașului Vatican, cu care Italia recunoaște suveranitatea și independența deplină a Papei asupra părții unice și exclusive a teritoriului orașului Roma inclus în cercul zidurilor leoniene , precum și peste piața Sf. Petru . Acest teritoriu, deși extrem de mic, este recunoscut la nivel internațional și asigură astfel independența suverană a Sfântului Scaun față de orice altă putere politică. Convenția financiară a furnizat mijloacele pentru autonomia economică a noii formațiuni de stat.

În 1948 , Pactele au fost recunoscute în articolul 7 din Constituția Republicii Italiene .

Simboluri

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: Stema orașului Vatican .
Stema orașului Vatican

Blazonul stemei orașului Vatican [19] :

„Scutul samnit în roșu pe cheile papale, unul în aur și celălalt în argint, decusat, înclinat, cu inteligența străpunsă în formă de cruce în partea de sus, orientată spre părțile laterale ale scutului și legată de un șnur roșu, se termină în ciucuri; ștampilat de triregno papal în argint, cu trei coroane de aur aplicate, acoperite de un glob mic care susține o cruce a acestuia, căptușită în roșu; de tripla coroană atârnă două baloane de argint, încadrate cu aur și încărcate fiecare cu cruci de aur, care înfășoară cheile "

Este descris în articolul 20 din Legea fundamentală a statului orașului Vatican , [20] sub titlul „Anexa B. Stema oficială a statului orașului Vatican”. [21]

Imnul național al orașului Vatican este Imnul Pontifical și Martie ; textul este de Antonio Allegra , muzica de Charles Gounod . Imnul a fost adoptat la 16 octombrie 1949 [22] .

Geografie

Inima orașului Vatican este Piața Sfântul Petru , cu vederea de bazilica omonimă, a cărei cupolă domină teritoriul micului stat.

În cadrul zidurilor medievale și renascentiste care înconjoară, cu excepția pieței Sf. Petru, întreaga zonă, se află Palatul Apostolic , Palatul Guvernoratului , Muzeele Vaticanului , Grădinile Vaticanului și alte clădiri minore.

Morfologie

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: Dealul Vaticanului .

Dealul Vaticanului , care nu face parte din cele șapte dealuri tradiționale ale Romei , a fost inserat în limitele orașului sub pontificatul lui Leon al IV-lea , care a promovat extinderea zidurilor orașului ( 848 - 852 ), pentru a proteja bazilica din Sf . Petru . Până la formarea statului orașului Vatican (înființat cu Pactele Lateran în 1929 ), Dealul Vaticanului a fost inclus în districtul Borgo .

Climat

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: stația meteo Roma Monte Mario și stația meteo a orașului Vatican .

Clima este temperată, cu ierni blânde și ploioase și veri calde și uscate. Cea mai apropiată stație meteorologică de Vatican este situată în municipiul Roma, pe dealul Monte Mario , la 143 m slm. Conform datelor medii din cei 30 de ani 1961 - 1990 , temperatura medie a celei mai reci luni, ianuarie, este de + 7,5 ° C, în timp ce cea din cea mai fierbinte lună, iulie, este de +24,0 ° C. Media anuală a precipitațiilor , în jur de 750 mm și distribuită în medie în 79 de zile, există un minim vara și un vârf pronunțat toamna [23] .

ROMA MONTE MARIO Luni Anotimpuri An
Ian Februarie Mar Aprilie Mag De mai jos Iul În urmă A stabilit Oct Noiembrie Dec Inv Pri Est Aut
T. max. mediuC ) 10.9 12.0 14.2 17.7 22.1 26.1 29.3 28.9 25.1 20.1 15.2 11.6 11.5 18.0 28.1 20.1 19.4
T. min. mediuC ) 4.0 4.7 6.1 9.0 12.6 16.3 18.8 18.8 16.2 12.0 8.4 4.9 4.5 9.2 18.0 12.2 11.0
Precipitații ( mm ) 81 66 68 55 46 37 17 37 74 79 113 93 240 169 91 266 766
Zile ploioase 9 9 8 7 6 4 2 3 5 7 10 9 27 21 9 22 79
Umiditate relativă medie (%) 74 72 70 68 66 64 59 61 68 71 77 76 74 68 61.3 72 68,8

Mai mult, din 2009 , în orașul Vatican a fost activat un serviciu meteo care acționează ca un instrument de măsurare care poate fi consultat pe internet [24] . Sistemul se bazează pe o stație meteo Davis Vantage pro 2 , situată în partea de sus a clădirii Guvernoratului de la începutul lunii martie 2009 [24] .

Populația

Demografie

Locuitori chestionați [25]

Orașul Vaticanului are 453 de locuitori, dintre care 246 sunt cetățeni (estimat la 1 februarie 2019): cetățenii Vaticanului, inclusiv nerezidenții din stat, sunt în total 618 [4] . Persoanele care locuiau în proprietăți extrateritoriale și în proprietăți scutite de expropriere și impozite, la 31 decembrie 2011 , erau 3500. [26] În prezent, 444 din cele 793 de persoane care alcătuiesc populația locuiesc permanent în Vatican [4] . În perioada 1 ianuarie - 31 decembrie 2005 , au fost transcrise 111 certificate de căsătorie. [26] Întreaga populație a orașului Vatican este formată din cei care locuiesc permanent acolo din motive de demnitate, funcție, birou sau loc de muncă, cu condiția ca o astfel de reședință să fie prevăzută de lege și autorizată de autoritățile competente . [27]

Cetățenia Vaticanului nu este niciodată originală [27] , ci se bazează exclusiv pe criteriul șederii permanente în Cetatea Vaticanului: acest lucru este dedus din articolul 9 din Tratatul Lateran . Legea Vaticanului nr. III din 7 iunie 1929 [28] afirmă că cineva devine cetățean al Vaticanului prin reședința permanentă în Vatican [27] . Cetățenia Vaticanului poate fi combinată cu cea a statului inițial de apartenență: de fapt, în conformitate cu articolul 9 ultimul paragraf din Tratatul Lateran, persoanele care au reședința la Vatican sunt aplicabile pe teritoriul statului italian, chiar și în problemele în care trebuie respectat legea personală, normele legislației italiene și față de străini cea a țării de origine [27] .

Toți cetățenii Vaticanului se bucură de dublă cetățenie. Populația pare să provină din diferite naționalități de origine: cetățenii orașului Vatican sunt în principal de origine italiană și elvețiană , datorită prezenței faimoșilor gardieni elvețieni . În acest sens, dosarul de hârtie expus în timpul expoziției din perioada 1929-2009 este semnificativ . Optzeci de ani de stat al orașului Vatican înființat de Guvernatura Vaticanului [29] : acesta este un document din 1932 preluat din Registrul stării civile (și astăzi păstrat în Arhiva Apostolică a Vaticanului ) care prezintă datele populației Vaticanului la 31 decembrie , 1931 și defalcarea acestuia pe naționalitate de origine; din 994 persoane (711 cetățeni și 283 rezidenți), erau: 847 italieni , 115 elvețieni , 5 spanioli , 9 francezi , 10 germani , 1 austriac , 1 cehoslovac , 2 olandezi , 1 norvegian , 1 american , 1 belgian și 1 polonez [30] . Conform datelor AIRE din 1 ianuarie 2010, italienii erau de 739 [31] .

Limbi

Limba oficială a Vaticanului este italiana , în timp ce latina este limba oficială a Sfântului Scaun [1] . De fapt, toată legislația orașului Vatican este redactată în limba latină și astfel este publicată ca apendice la Acta Apostolicae Sedis , colecția oficială a actelor Sfântului Scaun. Cu toate acestea, conform paragrafului 2 din Legea privind sursele legii din 7 iunie 1929 , toate legile și regulile statului sunt publicate în limba italiană în Suplimentul pentru legile și dispozițiile statului orașului Vatican anexat la Acta Apostolicae Sedis . Textul primelor șapte puncte publicat în supliment este prezentat aici Arhivat 27 decembrie 2010 la Internet Archive . Sfântul Scaun este subiectul și persoana dreptului internațional care exercită suveranitatea asupra orașului Vatican.

„Curia romană, pe lângă limba oficială latină, poate face uz de limbi cunoscute astăzi”

( Papa Paul al VI-lea , Regimini Ecclesiae universae , 1967 [1] )

Organizare și instituții

Are o formă de guvernare monarhică în care Constituția atribuie Pontifului plenitudinea și totalitatea puterilor ( executiv , legislativ și judiciar ). Cu toate acestea, este o monarhie electivă absolută cu un caracter pe tot parcursul vieții, adică Papa nu are puterea de a alege succesorul care, în schimb, trebuie ales de Colegiul Sacru al Cardinalilor . Există și alte forme de autolimitare a puterii temporale a papilor.

Natura juridică a statului

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: Organizarea Bisericii Catolice și a Sfântului Scaun .

Suveranitatea asupra Vaticanului revine Sfântului Scaun , iar suveranitatea teritorială este exercitată pe întreg teritoriul Vaticanului, în timp ce asupra numeroaselor clădiri și zone din și în apropierea Romei, Sfântul Scaun - dar nu statul Vaticanului - se bucură de privilegiul de extrateritorialitate . [32] Piața Sf. Petru, în timp ce se încadrează sub suveranitatea Vaticanului, este în mod normal încredințată puterilor Inspectoratului de Securitate Publică „Vatican” al Poliției italiene . [33]

"1. Pontiful Suprem, suveranul statului orașului Vatican, are puteri legislative, executive și judiciare depline.
2. În perioada vacantei , aceleași atribuții aparțin Colegiului Cardinalilor , care, cu toate acestea, poate emite dispoziții legislative numai în cazuri de urgență și cu efect limitat la durata vacantei, cu excepția cazului în care acestea sunt confirmate de către Pontiful Suprem. ales ulterior în norma de drept canonic. "

Alegerea Papei are loc prin conclavul cardinalilor. Cu toate acestea, principalele acțiuni guvernamentale sunt efectuate de cătrecardinalul secretar de stat . Ceea ce a ridicat întotdeauna numeroase întrebări între juriști și politicieni din 1929 până astăzi este natura juridică a statului. De fapt, odată cu pactele lateraniene , s-a născut un stat care îndeplinește doar sarcina necesară ca Sfântul Scaun să-și exercite propria activitate. Sfântul Scaun în art. 24 din Tratatul Lateran afirmă că, chiar dacă este un subiect internațional, va rămâne întotdeauna străin de conflictele temporale ale națiunilor și de Congresele relative, cu excepția cazului în care este pus în discuție pentru probleme de pace și morale de către aceleași părți . Sfântul Scaun este guvernul Vaticanului și, ca atare, își exercită drepturile diplomatice active și pasive. Statul Vaticanului și Sfântul Scaun sunt ambii supuși suverani ai dreptului public internațional , recunoscuți universal și sunt indisolubil uniți în persoana Papei, monarh absolut prin alegeri, care este șeful statului. Prin urmare, Vaticanul nu are o viață politică proprie, care nu se potrivește perfect cu activitatea Sfântului Scaun. Rezultă că Vaticanul trebuie să rămână supus deplinătății absolute a Pontifului. Juristul Arturo Carlo Jemolo [34] a susținut că teritoriul Vaticanului, în cazul unei lovituri de stat sau al abandonării definitive a Papei, ar reveni ipso jure la suveranitatea italiană. Nici pontiful nu poate ceda părți ale teritoriului statului altor țări (articolul 4), deoarece singura autoritate care poate exercita suveranitatea asupra teritoriului este Sfântul Scaun.

Orașul Vaticanului are o formă teocratică de guvernare, adică este guvernată exclusiv de un aparat ecleziastic. Mai mult, statul este o formă de bilanț: în practică nu există proprietate privată în orașul Vatican și toate proprietățile sunt deținute de Sfântul Scaun. Cetățenia Vaticanului aparține cardinalilor cu reședința în Vatican și Roma, rezidenților permanenți din Vatican din motive de funcție, demnitate sau angajare (numai pe durata funcției lor) și celor cărora le este acordată de Pontif, soți și copii de cetățeni. Cu toate acestea, cetățenia Vaticanului se pierde atunci când părțile interesate nu mai posedă una dintre aceste condiții (rămânând doar cu cetățenia inițială, care se păstrează la dobândirea cetățeniei Vaticanului): rezultă că oamenii sunt temporari, deoarece coincid cu populația .

Ordinea de stat

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: organele judiciare ale Vaticanului .

Este o monarhie absolută , sub autoritatea Papei [35] ; în prezent Papa este Jorge Mario Bergoglio, care domnește cu numele de Francisc . Are plenitudinea puterilor legislative, executive și judiciare. În timpul sediului vacant , funcțiile sale sunt asumate de cardinalul Camerlengo . Pentru administrarea teritoriului Vaticanului, Papa folosește un guvernat , în vârful căruia se află în prezent cardinalul Giuseppe Bertello , în timp ce pentru guvernul Bisericii Catolice primul său colaborator estecardinalul secretar de stat , funcție ocupată în prezent de Cardinalul Pietro Parolin .

Limitele Vaticanului prevăzute de Pactele lateraniene: zona în care se află astăzi Sala Paul al VI-lea rămâne substanțial exclusă.

Forma de stat este cea a unei monarhii elective absolute sancționată de art. 1, paragrafele 1 și 2 din legea fundamentală. [36] Statul orașului Vatican este guvernat de următoarele reglementări:

Cele mai importante legi ale Vaticanului sunt colectate în „Codul normelor Vaticanului” și în cele trei volume care conțin „Legile și dispozițiile statului orașului Vatican”.

Palatul Guvernoratului orașului Vatican.
Sigiliul statului orașului Vatican.

Relatii Internationale

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: Relațiile internaționale ale Sfântului Scaun .

Începând cu 13 ianuarie 2014, Sfântul Scaun a avut relații diplomatice bilaterale cu 180 de țări din întreaga lume. [45] Rețeaua diplomatică a Sfântului Scaun s-a extins considerabil în ultimele decenii. În 1978 , când Ioan Paul al II-lea a urcat pe tronul papal, țările cu care Sfântul Scaun aveau relații diplomatice depline erau 84. La sfârșitul pontificatului Wojtylian acestea crescuseră la 174.

Cu Papa Benedict al XVI-lea , au fost adăugați încă patru: Muntenegru , Emiratele Arabe Unite , Botswana și Sudanul de Sud . Astăzi, așadar, au devenit 178, la care trebuie adăugat statul Palestina cu care există relații diplomatice de natură specială. Un caz particular este cel al Taiwanului , unde Sfântul Scaun din 1979 nu mai are un nunțiune, ci un simplu „ însărcinat cu afaceri interimar ”. Atunci Sfântul Scaun are relații cu Ordinul Militar Suveran al Maltei .

Astăzi Sfântul Scaun menține observatori permanenți la diferite organizații internaționale și regionale: birourile ONU la New York și Geneva , FAO , OSCE , OMC , UE , Liga Arabă și Uniunea Africană [46] .

Zone extrateritoriale

Pictogramă lupă mgx2.svg Același subiect în detaliu: Zone extrateritoriale ale Sfântului Scaun în Italia .

L'effettiva autonomia della Santa Sede , ma non la sua sovranità, è estesa a un territorio nettamente maggiore rispetto a quello dello Stato, raggiungendo un'estensione di oltre 10 km² (oltre cinque volte il Principato di Monaco ), costituito dalle numerose zone extraterritoriali, come il centro di trasmissione della Radio Vaticana a Santa Maria di Galeria. Si tratta di lembi di territorio italiano, in cui però la Santa Sede gode di speciali privilegi, come quelli di cui godono le ambasciate in tutto il mondo. Per Santa Sede si intende l'ente al quale spetta la piena sovranità e proprietà sullo Stato della Città del Vaticano.

Istruzione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Università pontificie .
( LA )

«Ecclesiae, vi muneris sui veritatem revelatam nuntiandi, propriae sunt universitates vel facultates ecclesiasticae ad disciplinas sacras vel cum sacris conexas pervestigandas, atque studentes in iisdem disciplinis scientifice instituendos»

( IT )

«La Chiesa Cattolica, in forza della sua funzione di annunciare la verità rivelata, ha proprie università o facoltà ecclesiastiche per l'investigazione delle discipline sacre o connesse con le sacre, e per istruire scientificamente gli studenti nelle medesime discipline»

( Codice di Diritto Canonico [47] )
L' Università Pontificia Salesiana di Roma , elevata a università da papa Paolo VI ( 1973 ).

La Sede Apostolica ha approvato l'istituzione di diverse università pontificie, che conferiscono gradi accademici con effetti canonici nella Chiesa. Le università pontificie presenti in Vaticano e Italia sono:

Forze armate, pubblica sicurezza e sistema sanitario

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Esercito dello Stato della Chiesa .
Mezzi dell' Ispettorato di pubblica sicurezza "Vaticano" in piazza San Pietro.

Nel 1970 papa Paolo VI abolì la Guardia d'Onore di Sua Santità , la Guardia Palatina d'Onore , la Gendarmeria Pontificia , sciogliendo formalmente l' Esercito Pontificio . L'unico Corpo che non fu sciolto fu quello dellaGuardia Svizzera Pontificia , avente rango di reggimento e consistenza organica di compagnia . Esso ha come fine ultimo la difesa non tanto dei confini dello Stato vaticano, affidati alla Gendarmeria , quanto il Palazzo Apostolico e la persona del Pontefice. Ha inoltre funzioni di rappresentanza.

In Vaticano opera anche un corpo di polizia vero e proprio, denominato Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano . Oltre ad avere compiti di polizia di sicurezza e polizia giudiziaria nello Stato, ne difende e vigila i confini e si occupa dell' ordine pubblico , nonché della tutela e difesa del Papa, del Sacro Collegio e della Curia Romana . Si occupa inoltre della sicurezza del Pontefice anche quando questo esce dai confini del Vaticano.

La sezione liturgica dell' Associazione Santi Pietro e Paolo , erede della Guardia Palatina , coadiuva, ove necessario, il Corpo della Gendarmeria con funzioni di vigilanza, ordine e assistenza ai pellegrini, principalmente nella Basilica di San Pietro , ma anche in Piazza San Pietro e altre basiliche romane. [48]

In Piazza San Pietro la Gendarmeria Vaticana si avvale anche di una speciale collaborazione con uno specifico organo di sicurezza della Polizia di Stato italiana: l' Ispettorato di pubblica sicurezza "Vaticano" . Inoltre, a seguito dell'allarme terrorismo per gli attentati commessi dallo Stato Islamico , sono state impiegate delle pattuglie dell' Esercito Italiano a presidio dei principali ingressi della Città del Vaticano [49] .

Il Corpo dei vigili del fuoco , che dipende con la Gendarmeria dalla Direzione dei Servizi di Sicurezza e Protezione Civile, ha vari compiti riguardanti la salvaguardia di beni, ambiente e persone, tra cui l'estinzione di eventuali incendi , il controllo degli apparati antincendio del Vaticano e delle sue zone extraterritoriali, gli interventi in caso di incidenti e il controllo dei dissesti statici, [50] come nel caso degli eventi sismici del Centro Italia del 2016 e del 2017 . [51]

Al 1929 risalgono le prime notizie dell'istituzione di una guardia medica con ambulatorio medico-chirurgico annesso alla Farmacia Vaticana , servizio che dipende dal 1969 dalla Direzione dei Servizi Sanitari, alla quale è affidata la tutela della salute nel territorio del microstato. Il servizio di pronto soccorso è prestato a chiunque ne abbia urgente bisogno nel territorio della Città del Vaticano e nella zona extraterritoriale adiacente ed è attivo soprattutto durante gli eventi che richiamano un gran numero di persone. [52]

Il sistema giudiziario e la pena di morte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Organi giudiziari della Città del Vaticano e Pena di morte nella Città del Vaticano .

Gli organi giudiziari della Città del Vaticano esercitano la giurisdizione per competenza ; la pena di morte non è mai stata applicata nella Città del Vaticano [53] : era però prevista, fino al 1967 [53] , in caso di tentato omicidio del Papa. Dopo essere stata abolita in quell'anno da papa Paolo VI è stata quindi cancellata anche dalla Legge fondamentale che il 12 febbraio 2001 , su iniziativa di Giovanni Paolo II , ha sostituito la precedente, risalente al 1929 .

La pratica della pena di morte derivava, nello Stato della Città del Vaticano, direttamente dalla pratica precedentemente condotta nello Stato Pontificio sino al 1870 . All'atto della firma dei Patti Lateranensi e della costituzione della Città del Vaticano, il codice penale del Regno d'Italia estese la pena capitale per il reato di tentato assassinio del Papa sul proprio territorio equiparandolo a quello di tentato assassinio del Re:

«Considerando la persona del Supremo Pontefice sacra e inviolabile, l'Italia dichiara che qualunque attentato alla Sua persona o qualunque incitamento a commettere tale attentato sia punibile con le medesime pene previste per tutti i simili attentati o incitamenti condotti contro la persona del Re. Tutte le offese o gli insulti commessi all'interno del territorio italiano contro la persona del Supremo Pontefice, causati dal significato di discorsi, atti o scritti, saranno punibili allo stesso modo che come offese e insulti contro la persona del Re.»

( Patti Lateranensi )

Non ci furono tentativi di assassinio del papa fintanto che lo statuto vaticano prevedeva la pena capitale. Papa Paolo VI rimosse la pena di morte dagli statuti vaticani, abrogandola per qualsiasi reato, annunciando la modifica nell'agosto del 1969 . Tuttavia il cambiamento divenne di pubblico dominio solo nel gennaio del 1971 , quando alcuni giornalisti accusarono Paolo VI di ipocrisia per le sue critiche alle esecuzioni capitali in Spagna e Unione Sovietica .

Società

Qualità della vita

Lo Stato della Città del Vaticano, essendo solamente Osservatore Permanente, è fra i Paesi che non hanno né firmato né ratificato il Protocollo di Kyōto ; è però il primo Stato a impatto serra zero [54] [55] [56] [57] [58] .

Nel 2008 in Città del Vaticano è stata introdotta la raccolta differenziata [59] ; il Corpo della Gendarmeria si sta inoltre dotando di vetture di tipo elettrico per ridurre l'inquinamento [60] [61] .

Cultura

Salone Sistino della Biblioteca Vaticana.

Istruzione

Biblioteche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Biblioteca apostolica vaticana .

La Santa Sede ha organizzato e curato all'interno della Città del Vaticano la Biblioteca apostolica vaticana [62] , messa a disposizione degli studiosi, nelle diverse fasi della consultazione, della lettura, del riscontro e della sintesi conclusiva [63] .

La biblioteca, pensata da papa Niccolò V ma fondata da papa Sisto IV [64] , possiede una delle raccolte di testi antichi e libri rari più importanti del mondo, tra cui il Codex Vaticanus [65] .

Oggi contiene circa 1 600 000 libri a stampa antichi e moderni e circa 500 000 fondi tra incunaboli , codici manoscritti , monete , medaglie e oggetti d'arte [66] .

Ricerca

Musei

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Musei della Città del Vaticano

Nei Musei Vaticani sono ospitati il Museo Gregoriano Egizio ed etrusco , il Museo Pio-Clementino , il Museo Chiaramonti e la Pinacoteca vaticana .

Media

Sede di Radio Vaticana.

Stampa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Libreria Editrice Vaticana , Tipografia poliglotta vaticana e L'Osservatore Romano .

In Città del Vaticano è presente una casa editrice [67] : si tratta della Libreria Editrice Vaticana (LEV), fondata il 27 aprile 1587 da papa Sisto V ; lo stesso Papa aveva fondato la Tipografia Vaticana , da cui, nel 1926 , fu scissa la libreria [68] .

La Libreria Editrice Vaticana, presente con un punto vendita in piazza San Pietro (nel Braccio di Carlo Magno ) [69] , cura le pubblicazioni degli atti, dei documenti ufficiali della Chiesa Cattolica e delle opere concernenti l'ambito ecclesiastico [70] .

Il periodico ufficiale della Città del Vaticano è L'Osservatore Romano [71] , uscito per la prima volta il 1º luglio 1861 [72] . Attualmente è pubblicato, con cadenza quotidiana, settimanale o mensile, in sette lingue diverse ( italiano , francese , inglese , spagnolo , portoghese , tedesco e polacco ) [71] .

Il Vatican Information Service (Servizio d'Informazione Vaticano, abbreviato in VIS) pubblica in quattro lingue ( italiano , francese , inglese , spagnolo ) un resoconto quotidiano dell'attività papale e della Santa Sede in generale [73] .

Inoltre per dipendenti del Vaticano viene pubblicato dal 2007 il notiziario All'Ombra del Cupolone , disponibile anche su internet, diretto dal vice segretario generale del Governatorato della Città del Vaticano [74] .

Radio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Radio Vaticana .

Nello Stato della Città del Vaticano ha sede Radio Vaticana , emittente radiofonica cattolica. La radio, pur riflettendo l'identità e l'opinione della Chiesa, non è uno dei suoi organi ufficiali d'informazione e di conseguenza è interamente responsabile per i contenuti che diffonde [75] . La gestione è affidata alla Compagnia di Gesù . Il direttore generale è padre Federico Lombardi ; il direttore dei programmi è padre Andrzej Koprowski.

Televisione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Centro Televisivo Vaticano .

Fondato nel 1983 , il CTV ( Centro Televisivo Vaticano ) è la televisione di Stato della Città del Vaticano; dal 1996 è un organismo collegato a pieno titolo con la Santa Sede [76] . I principali servizi offerti dal CTV, il cui scopo primario è quello di contribuire all'annuncio universale del Vangelo , documentando con le immagini televisive il ministero pastorale del Sommo Pontefice e le attività della Sede Apostolica , sono le trasmissioni in diretta, i servizi quotidiani, le produzioni e l'archivio, una videoteca composta da più di 10 000 cassette, con circa 4 000 ore di registrazioni delle immagini del lungo pontificato di papa Giovanni Paolo II [76] .

Il CTV è sito in via del Pellegrino, all'interno dello Stato vaticano; attualmente ha un rapporto di regia con Rai Vaticano e con TV2000 [76] .

Telefonia

Sul territorio dello Stato è presente una nuova centrale telefonica installata in un avancorpo del palazzo del Belvedere e consiste in una moderna centrale di tipo numerico con 5120 terminazioni e connessa in fibra ottica con le centrali Telecom Italia .

La centrale è dotata di un sistema numerico d'operatore per l'espletamento del traffico manuale ed è collegata via ponte-radio alle zone extraterritoriali di San Giovanni in Laterano, Palazzo San Calisto, e Palazzo della Cancelleria.

La centrale è gestita dal Servizio Telefoni Vaticani [77] .

Musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cappella musicale pontificia sistina .

Cinema

In Città del Vaticano ha sede la Filmoteca Vaticana , istituita il 16 novembre 1959 da papa Giovanni XXIII ; la filmoteca raccoglie e conserva film e registrazioni delle riprese televisive attinenti alla vita ecclesiastica e riguardanti particolarmente la figura del papa , le attività apostoliche e caritative, le opere culturali promosse da cattolici, la vita religiosa nel mondo e le opere di alto livello artistico e umano [78] .

Documentari
  • Il Vaticano - come funziona il regno più piccolo del mondo prodotto da Centro Televisivo Vaticano, distribuito da HDH Communications, 2006.

Scienza e tecnologia

Economia

All'origine delle risorse economiche dello Stato della Città del Vaticano, si colloca la convenzione finanziaria del 1929 . In essa, lo Stato italiano riconoscendosi debitore alla Santa Sede per aver annesso l'antico Stato della Chiesa e avere incamerato i beni ecclesiastici sparsi sul territorio nazionale con le cosiddette " leggi eversive dell'asse ecclesiastico " , versava alla stessa, a titolo di indennizzo, importanti somme sia in contanti sia in titoli del debito pubblico.

A partire dunque (in buona parte, ma non certo esclusivamente) da questo capitale iniziale, l' economia del piccolo Stato si basa quasi esclusivamente sugli investimenti internazionali, mobili e immobili, dalle offerte dei fedeli, sul patrimonio esistente e sulle rendite, sulle rimesse dalle diocesi sparse nel mondo. Queste sono 4.649, riunite in 110 Conferenze episcopali.

Il bilancio è gestito dall'ente Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (APSA) attualmente guidata dal vescovo Nunzio Galantino e controllato dalla Prefettura per gli Affari economici , attualmente (2008) guidata dall' arcivescovo Luca Capezio e dal cardinale Velasio De Paolis CS Questa istituzione ha inoltre il compito di controllare i bilanci dell' Istituto per le Opere di Religione (IOR), meglio conosciuto come Banca Vaticana.

Fra i compiti dell'APSA c'è anche quello di coniare moneta . Nel 1998 l' Unione europea ha autorizzato l'APSA a emettere 670 000 euro l'anno. Le emissioni di moneta hanno carattere prevalentemente numismatico , e sono destinate soprattutto a essere vendute ai collezionisti. Allo stesso modo, le emissioni di francobolli (effettivamente e pienamente validi per affrancare corrispondenza in partenza dallo Stato della Città del Vaticano) sono destinate in larga misura al mercato filatelico .

Infine, va ricordato che nel bilancio pubblicato dall'APSA non figurano le uscite relative ai costi di gestione di alcune strutture gestite direttamente dal Vaticano, come le università pontificie e ospedali come il Policlinico Gemelli e il Bambin Gesù di Roma , ma figurano le entrate dell' Obolo di San Pietro , ossia le donazioni che i fedeli sparsi nel mondo offrono al Papa per le molteplici necessità della Chiesa Universale e per le opere di carità in favore dei più bisognosi, entrate che vengono pubblicate annualmente tramite un Comunicato del Consiglio di cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede [79] . Il gettito 2007 è ammontato a 79 837 843 dollari statunitensi pari a circa 62 milioni di euro , di cui 14 309 400 $ versati da un anonimo donatore [80] .

Infrastrutture e trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti nella Città del Vaticano .

Ferrovie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Città del Vaticano e Ferrovia Vaticana .

Lo Stato della Città del Vaticano dispone di una linea ferroviaria che la collega con la Repubblica Italiana [81] .

Tale linea, lunga 1,2 km (sia la brevissima parte del Vaticano, sia quella restante, nel suolo italiano) [82] si dirama dalla stazione di Roma San Pietro e, per mezzo di un ponte ad arcate [81] , raggiunge le mura vaticane dove vi è un portone che viene aperto per far accedere i convogli all'interno del territorio vaticano [83] . La linea non ha un regolare traffico viaggiatori né merci, ed è utilizzata solamente per eventi eccezionali [84] ; si tratta della più breve ferrovia internazionale del mondo [85] .

La stazione della Città del Vaticano è ubicata all'interno delle mura, a poco più di venti metri dall'ingresso [86] .

Aeroporti

La Città del Vaticano è dotata di un eliporto , ubicato nei Giardini Vaticani [87] . Utilizzato dai pontefici per brevi viaggi e dai capi di Stato in visita al Vaticano, l'eliporto venne costruito sotto il pontificato di papa Paolo VI , per volere del pontefice stesso. Papa Giovanni Paolo II lo battezzò helicoptorum [88] .

Per gli spostamenti a lungo raggio del pontefice e degli alti prelati, invece, la Santa Sede si serve prevalentemente dell' Aeroporto di Roma-Ciampino .

Mobilità urbana

Con la metropolitana di Roma :

Metropolitana di Roma A.svg È raggiungibile dalle stazioni Ottaviano e Cipro .
Metropolitana di Roma C.svg Sarà raggiungibile dalla stazione San Pietro .

La linea C della metropolitana di Roma, infatti, dovrebbe avere una stazione denominata "San Pietro", nei pressi della Città del Vaticano.

Tra le linee ATAC si possono usare il 19, il 32, il 40 Express, il 62, il 64.

Arte

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall' UNESCO
Santa Sede
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Saint Peter's Basilica at night HD.jpg
Tipo Architettonico
Criterio (i)(ii)(iv)(vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1984
Scheda UNESCO ( EN ) Holy See
( FR ) Scheda
Citta del Vaticano.svg

La Città del Vaticano è un centro di cultura e arte straordinariamente ricco. In essa vi è la più alta concentrazione di opere d'arte al mondo [89] . Molti sono stati nel tempo gli artisti e gli architetti che ricevettero dai diversi papi succedutisi sulla cattedra di Pietro - primo Papa della storia - l'incarico di fornire la loro opera negli edifici vaticani. Qui operarono i più grandi artisti di ogni tempo.

Alla stessa basilica che ancor oggi simboleggia il centro della cristianità , lavorarono tra gli altri artisti quali Bramante e il Pinturicchio , Michelangelo e Bernini con i suoi allievi.

Quella che è ancor oggi la residenza del Papa, vale a dire il complesso dei Palazzi Vaticani , racchiude un inestimabile valore storico e artistico: si tratta di un insieme di edifici che complessivamente contano oltre mille stanze, nel quale trovano sede anche alcuni dicasteri pontifici (come, ad esempio, la Dataria Apostolica e la cancelleria ), ma anche musei e la Biblioteca Apostolica Vaticana , in cui sono custoditi una collezione di antichi manoscritti e oltre un milione di volumi rilegati.

Meta prediletta nelle visite di pellegrini e turisti sono le parti più famose dei palazzi pontifici, tra le quali spiccano la Cappella Sistina con gli affreschi di Michelangelo, le stanze e le logge vaticane elegantemente affrescate da Raffaello ( Stanze di Raffaello ), e gli appartamenti papali, ricchissimi di altre opere d'arte come gli affreschi del Beato Angelico .

Il monumento più famoso del Vaticano è sicuramente la basilica di San Pietro , coronata dalla Cupola di Michelangelo, imponente sulla grandissima Piazza racchiusa nel mirabile Colonnato del Bernini, dove la domenica e in altre ricorrenze si affollano i fedeli cattolici per ascoltare il Papa.

Il Vaticano è, inoltre, l'unico Stato al mondo a essere stato dichiarato per intero patrimonio dell'umanità dall' UNESCO , unitamente alle altre proprietà extraterritoriali della Santa Sede nel centro storico di Roma .

Architettura

Città del Vaticano vista da un aereo nel 2006.

Architetture religiose

Nel territorio dello Stato della Città del Vaticano vi sono diversi edifici sacri, alcuni di origine molto antica. Tuttavia, non fanno parte della Città del Vaticano tutti quegli immobili che, in virtù del trattato fra la Santa Sede e l'Italia sottoscritto l'11 febbraio 1929 , godono del privilegio di extraterritorialità , con esenzione da espropriazioni e da tributi; immobili quali, ad esempio, le basiliche di San Giovanni in Laterano , San Paolo fuori le Mura e Santa Maria Maggiore .

Basiliche papali
Cappelle del Palazzo Apostolico
Chiese
Monasteri
Sezione centrale destra del soffitto della Cappella Sistina .

Architetture civili

Palazzi
Torri
Altre architetture civili

Architetture militari

Altro

Siti archeologici

Eventi

I principali eventi che nel corso dell'anno coinvolgono la Città del Vaticano sono [90] :

Sport

Calcio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rappresentativa calcistica dipendenti vaticani e Calcio nella Città del Vaticano .

La Città del Vaticano ha una selezione non riconosciuta né da FIFA né da UEFA che gioca amichevoli e partecipa ad alcuni tornei di beneficenza. L'Associazione Calcistica Dipendenti Vaticani organizza il campionato, la coppa e la Supercoppa Vaticana contese tra le squadre formate da dipendenti dello Stato ( Guardia svizzera , Musei Vaticani , Servizi Economici, per citarne alcuni). Lo Stato patrocina inoltre la Clericus Cup che si svolge tra squadre composte da seminaristi e sacerdoti della Provincia di Roma dal 2007 . Non esistono invece club calcistici .

Pallacanestro

Tra i mesi di marzo e maggio 2008 si è disputata la prima edizione della Clericus Cup Basket [91] , un campionato di pallacanestro riservato ai seminaristi iscritti ai collegi, alle università, ai convitti e ai seminari pontifici, e ai sacerdoti della città di Roma e della regione Lazio [92] . Il torneo, organizzato dal CSI [93] , è patrocinato dal " Pontificium Consilium pro Laicis Sezione Chiesa e sport" [94] .

Tradizioni

Festività

Data Nome Spiegazione [95]
1º gennaio Maria Madre di Dio Si ricorda la divina maternità della Madonna, rimettendo il nuovo anno sotto la Sua protezione.
6 gennaio Epifania Manifestazione della divinità di Gesù .
11 febbraio Beata Vergine Maria di Lourdes e Patti Lateranensi Ricordo dell' apparizione di Lourdes e Anniversario della Istituzione dello Stato di Città del Vaticano con i Patti Lateranensi : nel 1929 è stato creato lo Stato della Città del Vaticano. Festa Nazionale.
variabile [nota 1] Elezione di Sua Santità Commemorazione dell'elezione del Santo Padre.
19 marzo San Giuseppe Giorno dedicato al ricordo di San Giuseppe .
variabile Giovedì Santo Ricordo dell'istituzione dell'eucaristia, del sacerdozio e della consegna ai discepoli del comandamento dell'Amore durante l'Ultima Cena.
variabile Venerdì Santo Passione e morte di Gesù.
variabile Sabato santo Celebrazione del Signore Gesù Cristo nel mistero della sua discesa agli inferi .
variabile [nota 2] Pasqua Risurrezione di Gesù .
variabile Lunedì dell'Angelo Lunedì di Pasqua, Pasquetta .
variabile [nota 3] Onomastico di Sua Santità Onomastico del Papa secondo il suo nome al secolo.
1º maggio San Giuseppe lavoratore
variabile Ascensione Salita al cielo di Gesù .
variabile Pentecoste Effusione dello Spirito Santo , dono del Risorto , nascita della Chiesa .
variabile Santissima Trinità Celebrazione del Mistero di Dio trino e unico, Padre, Figlio e Spirito Santo.
variabile [nota 4] Corpus Domini Solennità del Corpo e Sangue di Cristo.
variabile [nota 5] Sacro Cuore di Gesù
29 giugno Santi Pietro e Paolo Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma e dello Stato.
15 agosto Assunzione della BV Maria Assunzione al Cielo della BVM
8 settembre Natività della Beata Vergine Maria Ricordo della nascita di Maria.
14 settembre Esaltazione della Santa Croce Festa dedicata alla Santa Croce.
1º novembre Tutti i Santi Festa dedicata a tutti i santi .
2 novembre Commemorazione dei defunti Commemorazione di tutti i fedeli defunti.
8 dicembre Immacolata Concezione Ricordo di come la BV Maria sia stata preservata immune dal peccato originale.
24 dicembre Vigilia di Natale
25 dicembre Natale Nascita di Gesù .
26 dicembre Santo Stefano Festa dedicata a Santo Stefano, primo martire cristiano.
31 dicembre vigilia di capodanno Festa che celebra la chiusura dell'anno civile.
  1. ^ Anniversario dell'elezione di papa Francesco : 13 marzo
  2. ^ Pasqua : prima domenica successiva al primo plenilunio dopo l' equinozio di primavera
  3. ^ Onomastico di papa Francesco : 23 aprile, San Giorgio
  4. ^ Corpus Domini : il primo giovedì dopo la Solennità della Santissima Trinità
  5. ^ Sacratissimo Cuore di Gesù : il primo venerdì dopo la II domenica dopo Pentecoste

Galleria d'immagini

Cronotassi dei capi di Stato

I Sovrani della Città del Vaticano sono stati:

Onorificenze

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Onorificenze pontificie .

Il Papa come capo degli ordini pontifici

Il Sovrano degli ordini è il Pontefice mentre il gran magistero delle singole onorificenze può essere mantenuto direttamente dal Pontefice o concesso a una persona di fiducia, solitamente un cardinale .

Per antica tradizione al Sommo Pontefice non si conferiscono titoli (di alcun genere né cavallereschi né nobiliari), ciò perché la sua carica è al di sopra di ogni onore, anzi da lui tutti gli onori discendono (il pontefice, assieme all' Imperatore del Sacro Romano Impero , era uno dei due poteri universali, ma al primo competeva incoronare il secondo). Come tale il Papa non indossa mai le decorazioni di cui pure è sovrano e non è mai insignito di nessun grado.

Un cardinale che, avendo ricevuto onorificenze, diventa Papa, automaticamente decade da tutte le onorificenze ricevute in quanto esse vengono soppiantate dal titolo di Sommo Pontefice.

Titoli Equestri di Rango e Nobilitazione della Santa Sede

La Santa Sede ha avuto due soli Ordini di rango e nobilitazione: L' Ordine Piano di Pio IX (dalla Fondazione alla denobilitazione del 1939) con nobiltà ereditaria (Titolo di Prima Classe, poi di Gran Croce) e, per secoli, la Milizia Aurata o Speron d'Oro , la quale è stata giuridicamente "usata" quale titolo di rango e nobilitazione fino al 1841, unico conferimento della Santa Sede a riconoscere nobiltà gentilizia ea concedere nobiltà ereditaria, sostituito poi, con analogo valore, dall'Ordine Piano. Vedere: Cesare Brancaleone, "Legislazione Nobiliare Pontificia-La Nobiltà Romana", Rivista Araldica, Collegio Araldico Romano, 1903 e Temistocle Bertucci, Titoli Nobiliari e Cavallereschi Pontifici, Collana di Monografe Storico-Genealogico-Cavalleresche "Mentore",Roma, 1925 (Anastatica: Edizioni CLD Libri, 2009). L'istituto di nomina scelto dai Pontefici, la collazione diretta o la subcollazione, era ed è potenzialmente "variabile", ovvero dipende dalla sola volontà del Pontefice regnante e non ha (non aveva) influenza alcuna sulle caratteristiche giuridiche del titolo, il quale, se di rango e nobilitazione, restava tale. Le modifiche giuridiche del titolo, invece, dipesero e dipendono da atti pubblici del sovrano pontefice, ovvero da decreti (Bolle) specifici; atti analoghi denobilitarono la Milizia Aurata nel 1841 e l'Ordine Piano nel 1939.

Note

  1. ^ a b c Il latino è la lingua ufficiale della Santa Sede : Regimini Ecclesiae Universae, I, I, 10 , su vatican.va . URL consultato il 28 settembre 2009 ( archiviato il 25 giugno 2009) .
  2. ^ In base al paragrafo 2 della Legge sulle fonti del diritto del 7 giugno 1929 , tutte le leggi e le regole dello stato sono pubblicate in italiano nel Supplemento per le leggi e disposizioni dello Stato della Città del Vaticano attaccato all' Acta Apostolicae Sedis . Il testo dei primi sette punti pubblicati nel supplemento è dato qui Archiviato il 27 dicembre 2010 in Internet Archive ..
  3. ^ La Città del Vaticano è una città-Stato .
  4. ^ a b c d Popolazione dello Stato della Città del Vaticano , su vaticanstate.va . URL consultato il 17 maggio 2020 ( archiviato il 17 maggio 2020) .
  5. ^ Permanent Observer Mission of the Holy See to the United Nations Archiviato il 7 novembre 2011 in Internet Archive .
  6. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 ( archiviato il 25 giugno 2014) .
  7. ^ Vaticano , in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  8. ^ L'indicativo internazionale +379 è stato assegnato alla Città del Vaticano, ma mai utilizzato. I numeri attuali sono attivati da Telecom Italia nel distretto italiano di Roma e sono accessibili dalla Città del Vaticano con le ultime 4 o 5 cifre, come derivati di centralino, dall'Italia e dai numeri italiani della Repubblica di San Marino con la numerazione 066982 o 06698x + estensione, in tutti gli altri casi con la numerazione +39066982 o +3906698x + estensione.
  9. ^ Sigla automobilistica ufficiale.
  10. ^ Sigla automobilistica correntemente utilizzata per auto istituzionali.
  11. ^ Sigla automobilistica correntemente utilizzata per auto non istituzionali.
  12. ^ Motu Proprio "Quo civium iura" , su vatican.va . URL consultato il 15 ottobre 2009 ( archiviato il 23 agosto 2009) .
  13. ^ Dato al 1º febbraio 2019.
  14. ^ Copia archiviata , su indexmundi.com . URL consultato il 27 maggio 2020 ( archiviato il 17 maggio 2020) .
  15. ^ Sito ufficiale dello Stato della Città del Vaticano , su vaticanstate.va . URL consultato il 27 maggio 2020 ( archiviato il 28 maggio 2019) .
  16. ^ Atlante geografico metodico , Novara, De Agostini.
  17. ^ Benedict Vatican euros set for release , su Catholic News , 21 aprile 2006. URL consultato il 25 settembre 2014 ( archiviato l'11 settembre 2014) .
  18. ^ Il testo integrale , su vatican.va . URL consultato il 27 maggio 2020 ( archiviato il 13 agosto 2013) .
  19. ^ Vaticano , su araldicacivica.it . URL consultato il 1º maggio 2015 (archiviato dall' url originale il 25 aprile 2010) .
  20. ^ La nuova legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano , su vatican.va . URL consultato il 27 agosto 2006 ( archiviato il 22 agosto 2012) .
  21. ^ "All. B. Stemma Ufficiale dello Stato della Città del Vaticano", 7 giugno 1929 ( PDF ), su uniroma2.it . URL consultato il 17 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 17 dicembre 2013) .
  22. ^ Inno Pontificio e la sua storia , su vaticanstate.va . URL consultato il 29 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 13 marzo 2010) .
  23. ^ Tabella climatica [ collegamento interrotto ] .
  24. ^ a b Stazione meteo in Vaticano , su vaticanstate.va . URL consultato il 29 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 1º settembre 2009) .
  25. ^ Vaticano - Popolazione - Dati Storici , su indexmundi.com . URL consultato il 16 gennaio 2017 .
  26. ^ a b Cittadinanza vaticana , su vatican.va . URL consultato il 18 marzo 2013 ( archiviato il 2 marzo 2013) .
  27. ^ a b c d Sala Stampa della Santa Sede - Cittadinanza vaticana , su vatican.va . URL consultato il 3 ottobre 2009 ( archiviato il 31 ottobre 2009) .
  28. ^ AAS Suppl. 1 [1929], n. 1, pp. 14-21.
  29. ^ Città del Vaticano, 2009 , 13 .
  30. ^ Città del Vaticano, 2009 , 396 .
  31. ^ Dati AIRE 2010 , su infoaire.interno.it .
  32. ^ Extraterritorialità Archiviato l'11 gennaio 2010 in Internet Archive .
  33. ^ Ispettorato Vaticano , su poliziadistato.it (archiviato dall' url originale il 27 agosto 2009) .
  34. ^ Arturo Carlo Jemolo, Chiesa e Stato in Italia negli ultimi cento anni
  35. ^ A. Vitalone, Il Pontefice sovrano dello Stato della Città del Vaticano , in Diritto e Religioni, 2007, 1, pp. 307-336.
  36. ^ a b Nuova legge fondamentale dello Stato della Città del Vaticano .
  37. ^ N. CCCLXXXIV — Legge sul governo dello Stato della Città del Vaticano. 16 luglio 2002 Archiviato il 24 maggio 2011 in Internet Archive .
  38. ^ N. LXXI - Legge sulle fonti del diritto. Acta Apostolicae Sedis , supplemento, 1º ottobre 2008. Archiviato il 24 maggio 2011 in Internet Archive .
    (entrata in vigore il 1º gennaio 2009, sostituisce la L.II del 7 giugno 1929 Archiviato il 24 maggio 2011 in Internet Archive .)
  39. ^ Agenzia di stampa Zenit: "In vigore la nuova legge vaticana sulle fonti del diritto.
    Le leggi italiane non verranno più recepite automaticamente."
    Archiviato il 31 gennaio 2009 in Internet Archive .
  40. ^ Informazioni generali sulla Santa Sede e Stato della Città del Vaticano , su vatican.va . URL consultato il 26 settembre 2009 ( archiviato l'11 gennaio 2007) .
  41. ^ Presidenza del Governatorato dello SCV Archiviato il 14 maggio 2010 in Internet Archive .
  42. ^ Governatorato - Direzioni Archiviato il 12 febbraio 2010 in Internet Archive .
  43. ^ Governatorato - Uffici centrali Archiviato il 28 settembre 2009 in Internet Archive .
  44. ^ Direzioni e Uffici centrali , su vaticanstate.va (archiviato dall' url originale il 12 febbraio 2010) .
  45. ^ Il Papa al Corpo diplomatico: dalla chiusura solo distruzione, aprirsi alla cultura dell'incontro Archiviato il 16 gennaio 2014 in Internet Archive ., 13-1-2014 (consultato il 14-1-2014).
  46. ^ L. Marabese, Recenti sviluppi nella relazione tra la Santa Sede ei treaty bodies dell'ONU , Ius Ecclesiae : rivista internazionale di diritto canonico : XXVIII, 3, 2016.
  47. ^ Codex Iuris Canonici , Capitolo III, Can. 815; cfr. Codice di Diritto Canonico, Capitolo III - Le università e le facoltà ecclesiastiche , su vatican.va . URL consultato il 29 settembre 2009 ( archiviato il 15 gennaio 2010) .
  48. ^ Associazione Ss. Pietro e Paolo , su vaticanstate.va , Città del Vaticano. URL consultato l'8 luglio 2017 ( archiviato il 4 settembre 2017) .
  49. ^ Emergenza terrorismo: i militari in Vaticano. Ma Bergolgio rifiuta la papamobile blindata , in la Repubblica , 26 aprile 2015.
  50. ^ Corpo dei vigili del fuoco , su vaticanstate.va , Città del Vaticano. URL consultato l'8 luglio 2017 ( archiviato il 2 giugno 2017) .
  51. ^ Le conseguenze del terremoto a Roma , in il Post , 31 ottobre 2016. URL consultato il 27 maggio 2020 ( archiviato il 5 novembre 2016) .
  52. ^ Sanità e igiene , su vaticanstate.va , Città del Vaticano. URL consultato l'8 luglio 2017 ( archiviato il 18 giugno 2017) .
  53. ^ a b Corriere della Sera, Giovanni Paolo II cancella la pena di morte in Vaticano Archiviato il 10 novembre 2012 in Internet Archive ., url consultato il 22 settembre 2012
  54. ^ Un bosco anti-inquinamento in Vaticano , in La Repubblica . URL consultato il 2 novembre 2007 ( archiviato il 28 febbraio 2008) .
  55. ^ Fotovoltaico: 315.000 KW di energia pulita in Vaticano , in Vatican Diplomacy , 13 maggio 2008. URL consultato il 15 gennaio 2009 ( archiviato il 25 luglio 2009) .
  56. ^ Ecco come sarà l'impianto a energia solare della Città del Vaticano , in L'Osservatore Romano , 28 agosto 2008. URL consultato il 15 gennaio 2009 ( archiviato il 12 ottobre 2009) .
  57. ^ Prima udienza generale “ecologica” in Vaticano , in L'Osservatore Romano , 25 ottobre 2008. URL consultato il 15 gennaio 2009 ( archiviato il 12 ottobre 2009) .
  58. ^ Il Sole in Vaticano , in L'Osservatore Romano , 26 ottobre 2008. URL consultato il 15 gennaio 2009 ( archiviato il 12 ottobre 2009) .
  59. ^ Rifiuti: Vaticano sempre più verde, raccolta differenziata al 42% , in L'Osservatore Romano , 10 gennaio 2009. URL consultato il 15 gennaio 2009 ( archiviato il 18 luglio 2011) .
  60. ^ Vaticano a emissioni zero, ecco la nuova auto del Papa 100% elettrica [ collegamento interrotto ] , su it.notizie.yahoo.com . URL consultato il 10 maggio 2017 .
  61. ^ Vw consegna due e-up! elettriche alla Gendarmeria Vaticana , su ansa.it . URL consultato il 10 maggio 2017 ( archiviato il 30 marzo 2017) .
  62. ^ Biblioteca apostolica vaticana , su vaticanlibrary.va . URL consultato il 29 settembre 2009 ( archiviato il 9 febbraio 2010) .
  63. ^ Papa Paolo VI , Discorso nel V centenario della Biblioteca apostolica vaticana , 20 giugno 1975.
  64. ^ Bolla Ad decorem militantis Ecclesiae , 15 giugno 1475; cfr. Storia della Biblioteca Apostolica Vaticana , su vaticanlibrary.va . URL consultato il 29 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 5 maggio 2010) .
  65. ^ Biblioteca apostolica vaticana, Città del Vaticano , su it.encarta.msn.com . URL consultato il 29 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 30 maggio 2008) .
  66. ^ Storia della Biblioteca apostolica vaticana , su vaticanlibrary.va . URL consultato il 29 settembre 2009 (archiviato dall' url originale il 5 maggio 2010) .
  67. ^ Libreria Editrice Vaticana , su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato il 22 settembre 2009) .
  68. ^ Libreria Editrice Vaticana - Cenni storici , su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato il 7 settembre 2009) .
  69. ^ Libreria Internazionale Giovanni Paolo II , su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato il 28 agosto 2009) .
  70. ^ Statuto sul riconoscimento della LEV come l'editrice ufficiale della Santa Sede approvato nel 1991 dalla Segreteria di Stato della Città del Vaticano; cfr. Libreria Editrice Vaticana - Statuto del 1991 , su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato il 7 settembre 2009) .
  71. ^ a b L'Osservatore Romano , su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato il 21 agosto 2009) .
  72. ^ Storia de "L'Osservatore Romano" , su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato l'11 dicembre 2009) .
  73. ^ Vatican Information Service , su vaticanstate.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 27 aprile 2009) .
  74. ^ All'ombra del Cupolone , su vaticanstate.va . URL consultato il 15 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale il 18 settembre 2009) .
  75. ^ Sandro Magister,Radio vaticana e web, felicemente sposi Archiviato il 3 novembre 2013 in Internet Archive ., L'Espresso, 07/08/2008.
  76. ^ a b c Centro Televisivo Vaticano , su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato il 25 agosto 2009) .
  77. ^ Servizio Telefoni , su vaticanstate.va . URL consultato il 28 dicembre 2013 ( archiviato il 20 ottobre 2013) .
  78. ^ Statuto della Filmoteca Vaticana , su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato il 15 gennaio 2010) .
  79. ^ Comunicato del Consiglio di cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede: Bilancio consuntivo consolidato 2007 della Santa sede, del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e Obolo di San Pietro , su 212.77.1.245 . URL consultato il 19 agosto 2008 (archiviato dall' url originale il 1º agosto 2008) .
  80. ^ Agenzia di stampa ZENIT del 9 luglio 2008: L'Obolo di San Pietro: quasi 80 milioni di dollari per la carità del papa. Gli Stati Uniti sono il Paese che ha contribuito di più Archiviato il 9 dicembre 2008 in Internet Archive .
  81. ^ a b Descrizione della linea ferroviaria , su vatican.va . URL consultato il 30 settembre 2009 ( archiviato il 29 settembre 2009) .
  82. ^ Caratteristiche della linea e degli impianti , su vatican.va . URL consultato il 30 settembre 2009 ( archiviato il 29 settembre 2009) .
  83. ^ Portone d'ingresso al Vaticano , su vatican.va . URL consultato il 30 settembre 2009 ( archiviato il 29 settembre 2009) .
  84. ^ Funzioni della Stazione ferroviaria vaticana , su vatican.va . URL consultato il 30 settembre 2009 ( archiviato il 29 settembre 2009) .
  85. ^ Maurizio Panconesi, 2005 .
  86. ^ Fabbricato della Stazione , su vatican.va . URL consultato il 29 settembre 2009 ( archiviato il 29 settembre 2009) .
  87. ^ Mappa della Città del Vaticano ( PDF ), su vatican.va . URL consultato il 2 ottobre 2009 ( archiviato il 3 settembre 2009) .
  88. ^ Piers Marchant, 2007 , 99 .
  89. ^ www.ilmessaggero.it , su ilmessaggero.it . URL consultato il 24 febbraio 2013 ( archiviato il 6 novembre 2014) .
  90. ^ Sala Stampa della Santa Sede - Eventi , su vatican.va . URL consultato il 30 settembre 2009 ( archiviato il 27 agosto 2009) .
  91. ^ Calendario Clericus Cup Basket 2008 , su csiroma.com . URL consultato il 6 ottobre 2009 (archiviato dall' url originale l'8 maggio 2008) .
  92. ^ Regolamento Clericus Cup Basket , su csi-net.it . URL consultato il 6 ottobre 2009 ( archiviato l'8 maggio 2008) .
  93. ^ Presentazione Clericus Cup Basket , su csi-net.it . URL consultato il 6 ottobre 2009 ( archiviato l'8 maggio 2008) .
  94. ^ News Letter del CSI ( PDF ), su csi-net.it . URL consultato il 6 ottobre 2009 ( archiviato il 22 luglio 2011) . ( PDF )
  95. ^ Copia archiviata ( JPG ), su vaticanstate.va . URL consultato il 7 aprile 2010 (archiviato dall' url originale il 24 maggio 2011) .

Bibliografia

Fonti e riferimenti sui dati economici

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 136038551 · LCCN ( EN ) n80053295 · GND ( DE ) 4062404-3 · BNF ( FR ) cb15336233z (data) · BNE ( ES ) XX452469 (data) · BAV ( EN ) 497/885 · NDL ( EN , JA ) 00560559 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80053295