Torquato Tasso

De la Wikipedia, enciclopedia liberă.
Salt la navigare Salt la căutare
Notă despre dezambiguizare.svg Dezambiguizare - Dacă sunteți în căutarea altor semnificații, consultați Torquato Tasso (dezambiguizare) .
Portret anonim al lui Tasso, în jurul anului 1590

Torquato Tasso ( Sorrento , 11 martie 1544 - Roma , 25 aprilie 1595 ) a fost un poet , scriitor , dramaturg și filosof italian .

Stema Tasso di Cornello .

Cea mai importantă lucrare a sa, cunoscută și tradusă în multe limbi, este Ierusalimul eliberat ( 1581 ), în care se cântă ciocnirile dintre creștini și musulmani din timpul primei cruciade , culminând cu capturarea creștină a Ierusalimului .

Biografie

Copilăria și adolescența

Tatăl Bernardo Tasso .

Torquato s-a născut la Sorrento , în Regatul Napoli (la acea vreme un viceregiu aparținând monarhiei spaniole conduse de Habsburgii Spaniei [1] ), la 11 martie 1544 , ultimul dintre cei trei copii ai lui Bernardo Tasso , un venețian scriitor si curtean de vechi Bergamo noblețe, servind în serviciul a prințului Salerno Ferrante Sanseverino , și a napolitană doamna Porzia de „Rossi , acesta din urmă aparținând unei familii nobile de toscan origine ( Pistoian pentru partea paternă [2] și pisan pentru acea maternă). Fiica cea mare Cornelia s-a născut în 1537 .

Poetul va păstra întotdeauna o amintire magnifică despre Sorrento și „dulcea țară natală”, regretând-o

"... plajele plăcute de peisajul rural ,
pompa mai mare decât natura și dealurile
care tânjește după fertila și moale Tirren . "

( Ierusalimul eliberat , I, 390-92 )

Când Torquato era încă un copil, prințul din Salerno s-a opus introducerii anchetei spaniole în orașul său, intrând astfel în conflict cu viceregele din Napoli Pedro Álvarez de Toledo și Zúñiga , și astfel fiind despuiat de toate titlurile sale și alungat din regat [3] ; în consecință, poetul fururo a trebuit să-și urmeze exilul după tatăl său Bernardo.

« ... tatăl său, care provenea dintr-o familie nobilă din Bergamo, era un apreciat om de scrisori în slujbă, în calitate de secretar, al prințului de Salerno, Ferrante Sanseverino. Când Tasso s-a mutat la Salerno, urmărind mereu Sanseverinos, a avut loc o răscoală populară împotriva încercării viceregelui de a introduce Inchiziția în oraș. Sanseverino s-a alăturat oamenilor și, alături de el, tatăl lui Torquato. Din motive de securitate, tatăl său l-a mutat pe Torquato la Napoli, trimițându-l la școală cu iezuiții. Însă evenimentele s-au precipitat și Sanseverinos, împreună cu credincioșii lor, au fost forțați să părăsească regatul, mutându-se la Ferrara, apoi la Bergamo, Franța și Roma . Enrico Galavotti "

Tatăl său Bernardo și-a urmat protectorul în alte orașe italiene. [1] La vârsta de 6 ani a plecat în Sicilia și de la sfârșitul anului 1550 a fost cu familia sa la Napoli , unde l-a urmat tutorele privat Giovanni d'Angeluzzo. A urmat noua școală iezuită timp de doi ani și l-a întâlnit pe Ettore Thesorieri cu care a rămas apoi în corespondență.

A avut o educație catolică și de tânăr a frecventat adesea mănăstirea benedictină din Cava de 'Tirreni (unde se afla mormântul lui Urban II , papa care lansase prima cruciadă ) și a primit sacramentul Euharistiei când „el nu avusese încă nouă ani ”, după cum a scris el însuși. [4] Doi ani mai târziu, sora sa Cornelia, care între timp se căsătorise cu nobilul sorrentin Marzio Sersale, risca să fie răpită în timpul unui raid otoman din Sorrento, iar acest lucru a rămas gravat în memoria ei. [5]

A rămas la Napoli până la vârsta de zece ani, apoi și-a urmat tatăl la Roma , abandonându-și mama cu mare durere care a fost nevoită să rămână în orașul napolitan deoarece frații ei „au refuzat să-i plătească zestrea”. [6] În orașul papal, Bernard a fost cel care și-a educat fiul în mod privat și amândoi au suferit traume severe atunci când în februarie 1556 au aflat despre moartea Portiei, probabil otrăvită de frații ei din motive de interes. [1]

Cu toate acestea, situația politică din Roma a suferit o evoluție care l-a îngrijorat pe Bernard: a izbucnit un dezacord între Filip al II-lea și Pavel al IV-lea, iar spaniolii păreau pe punctul de a ataca orașul. Apoi l-a trimis pe Torquato la Bergamo la Palazzo Tasso și Villa dei Tasso pentru a vizita niște rude și s-a refugiat la curtea Urbino din Guidobaldo II Della Rovere , unde i s-a alăturat fiul său câteva luni mai târziu.

În Urbino Torquato a studiat împreună cu Francesco Maria II Della Rovere , fiul lui Guidobaldo și Guidobaldo Del Monte , ulterior un ilustru matematician. În această perioadă a avut maeștri de nivel superior, precum poligraful Girolamo Muzio , poetul local Antonio Galli și matematicianul Federico Commandino . Torquato a petrecut vara doar la Urbino, de când curtea a petrecut iarna la Pesaro , unde Tasso a intrat în contact cu poetul Bernardo Cappello și Dionigi Atanagi și a scris prima poezie cunoscută de noi: un sonet în lauda curții. [7]

Între timp, Bernardo s-a mutat la Veneția , capitala incontestabilă a publicării, pentru a se ocupa de publicarea lui Amadigi . La scurt timp după aceea, fiul și-a schimbat orașul din nou, stabilindu-se în lagună în primăvara anului 1559 . Se pare că în Veneția, încă nu șaisprezece ani, a început să pună mâna pe poemul primei cruciade și pe Rinaldo . [8] Cartea I a Ierusalimului (păstrată de Codul Vatican-Urbinate 413) a fost scrisă la sfatul lui Giovanni Maria Verdizzotti și Danese Cataneo , doi poeți mediocri pe care îi frecventa la acea vreme și care văzuseră deja un talent extraordinar în Tasso. [9]

Perioada universitară

În noiembrie 1560 Torquato s-a înscris la facultatea de drept a firmei din Padova din dorințe paterne, recomandat lui Sperone Speroni , a cărui casă a frecventat-o ​​mai mult decât sălile de clasă universitare, fascinat de vasta cultură a autorului Canace . Lui Tasso nu-i plăcea jurisprudența, atât de mult încât era mai preocupat de producția poetică decât de studiul dreptului. Astfel, după primul an a obținut consimțământul de la tatăl său pentru a urma cursuri de filozofie și elocvență cu profesori ilustri, printre care se remarcă și numele lui Carlo Sigonio . Acesta din urmă va rămâne un model constant pentru disertațiile teoretice fiscale viitoare - în primul rând cele ale Discorsi dell'arte poetice , în care se remarcă și influența lui Speroni - și l-au apropiat de studiul poeticii aristotelice .

În această perioadă are loc prima îndrăgostire a băiatului, deja foarte sensibil și visător. Tatăl său fusese prezentat la curtea cardinalului Luigi d'Este , iar în septembrie 1561 plecase împreună cu fiul său pentru a întâlni familia protectorului său. Cu această ocazie Torquato a întâlnit-o pe Lucrezia Bendidio , doamna Eleonorei d'Este , sora lui Luigi. [10]

Lucrezia, în vârstă de cincisprezece ani, era foarte frumoasă și excelează în cântat, chiar dacă era destul de frivolă. După ce a observat interesul fetei, Tasso a început să-i dedice rime petrarhice , dar în curând a trebuit readus la realitate, deoarece în februarie 1562 a descoperit că fata era logodită contelui Baldassarre Macchiavelli. Nu a renunțat, continuând să o cânte în poezie, dar după nuntă s-a complăcut în resentimente și dezamăgiri. [11]

Între timp, anturajul începea să observe talentul lui Tassino (așa cum a fost chemat să se distingă de tatăl său), iar în 1561 și 1562 a fost însărcinat cu rime pentru câteva înmormântări. Venind în două colecții, acestea au fost primele poezii publicate de Torquato.

Și mai remarcabile au fost eforturile depuse pentru Rinaldo , compus în doar zece luni și dedicat lui Luigi d'Este. Poemul cavaleresc epic, [1] axat pe aventurile vărului lui Orlando, a fost tipărit la Veneția în 1562 și a contribuit la răspândirea numelui lui Tasso, care încă avea doar optsprezece ani. [12]

Între timp, tatăl său îl pusese în slujba nobilului Annibale Di Capua în 1561 , iar ducele de Urbino îi procurase o bursă de cincizeci de scudi pe an pentru a-i permite să-și continue cursurile universitare. [13] După doi ani la Padova, Tasso și-a continuat studiile la Universitatea Bologna , dar în al doilea an de ședere în orașul Bologna , în ianuarie 1564 , a fost acuzat că este autorul unui text care a atacat puternic , cu o satiră aglomerată, niște studenți și profesori ai studioului. Expulzat și lipsit de bursă, a fost nevoit să se întoarcă la Padova, unde ar putea beneficia de ospitalitatea lui Scipione Gonzaga , care i-a asigurat necesarul pentru a-și continua pregătirea.

L-a găsit pe Francesco Piccolomini printre maeștri și a urmat lecțiile lui Federico Pendasio . Accademia degli Eterei tocmai fusese înființată în casa prințului Gonzaga, un loc de întâlnire pentru adepții lui Speroni care vizau perfecțiunea formei, nu fără a cădea în artificialitate. Tasso a intrat în el asumându-și numele de Pentito și citind multe poezii, inclusiv cele scrise pentru Lucrezia Bendidio și pentru o femeie pe care criticii o identifică de mult ca Laura Peperara .

Conform acestei versiuni, Torquato a întâlnit-o pe Laura în vara anului 1563 , când ajunsese la Bernardo la Mantua , între timp pus în slujba ducelui Guglielmo Gonzaga . Delicatetea în felul tinerei i-a făcut pe bărbatul nostru să uite în curând durerile sale amoroase încă proaspete pentru Lucrezia Bendidio. Spiritul lui Petrarca a reînviat apoi în versurile băiatului îndrăgostit din nou. În anul următor, văzându-l din nou, a fost dezamăgit și, în timp ce continua să cânte, a trebuit să se resemneze la al doilea contratimp. [14]

Cu toate acestea, cercetările recente au plasat nașterea Peperarei în 1563, făcând astfel imposibil ca ea să fie a doua muză a lui Tasso. [15]

Cele două cărți de cântece amorosi au ajuns parțial în Rimele Academicilor eterici , tipărite la Padova în 1567 , împreună cu unele pe care le va scrie în primul an de Ferrara. [16]

De asemenea, s-a alăturat Accademiei degli Infiammati .

La Ferrara

Torquato Tasso la vârsta de 22 de ani interpretat de Jacopo Bassano

În octombrie 1565 a sosit la Ferrara cu ocazia celei de-a doua căsătorii (cea cu Barbara de Austria ) a ducelui Alfonso al II-lea d'Este [17] , în slujba cardinalului Luigi d'Este , fratele ducelui, plătit pentru pensiune și cazare, în timp ce din 1572 va fi în slujba ducelui însuși. Primii zece ani ai Ferrarei au fost cea mai fericită perioadă din viața lui Tasso, în care poetul a trăit apreciat de doamne și domni pentru darurile sale poetice și eleganța lumească.

Cardinalul i-a lăsat lui Nostro posibilitatea de a participa doar la activitate poetică, iar Tasso a reușit astfel să continue poezia majoră. Au existat relații deosebit de intense cu cele două surori ale ducelui, Lucrezia și Leonora . Primul era un spirit liber și întruchipa idealuri de vivacitate și vitalitate, în timp ce cel de-al doilea, bolnav și firav, fugea din viața lumească și ducea o existență retrasă. Oricât de mult a fost atras Tasso de amândoi și cât a fost susținută ipoteza unei relații amoroase cu Leonora, critica fiscală a concluzionat că nu depășea simpatiile puternice. [18]

Bogăția culturală a curții Este a fost un stimul important pentru el; de fapt, a ajuns să-i cunoască pe Battista Guarini , Giovan Battista Pigna și alți intelectuali ai vremii. În această perioadă a reluat poemul primei cruciade , dându-i numele de Gottifredo . În 1566 cântecele erau deja șase și vor crește în anii următori.

În 1568 a publicat Considerațiile de mai sus de trei melodii ale lui MGB Pigna , unde apare concepția platonică și stilnovistă pe care Tasso a avut-o despre dragoste, cu câteva note oricât de ciudate, care l-au determinat să recunoască divinul în tot ceea ce este frumos și să definească pur iubirea fizică ca supranaturală. Conceptele au fost reafirmate în cele cincizeci de concluzii amoros publicate doi ani mai târziu. [19]

De asemenea, a compus cele patru Discursuri de artă poetică și, în special, despre poemul eroic , chiar dacă au văzut lumina abia în 1587 la Veneția , pentru tipurile de Licino.

În octombrie 1570 a plecat în Franța în urma cardinalului și, temându-se că i s-ar putea întâmpla o nenorocire în lunga și periculoasa călătorie, a vrut să-i dicteze testamentul prietenului său Ercole Rondinelli, solicitând publicarea sonetelor și madrigalelor amoroase, în timp ce el a specificat că „Ceilalți, fie amoroși, fie în alte chestiuni, i-am făcut în slujba unui prieten, vreau să rămână îngropați cu el la mine”, cu excepția Sau că aura mea dulce expiră în altă parte . [20]

Pentru Gottifredo, el spune că vrea să facă cunoscute „ultimele șase cântece, iar din primele două acele strofe care vor fi judecate mai puțin ree”, ceea ce dovedește că numărul cântecelor a crescut la cel puțin opt.

Între timp, din nou în 1570, Lucrezia d'Este s-a căsătorit cu Francesco Maria II Della Rovere , un coleg al lui Torquato în perioada Urbino.

Șederea transalpină a durat șase luni, dar, din moment ce Luigi pusese puțini bani la dispoziția poetului, a petrecut perioada franceză substanțial în umbră, cu singura onoare de a fi primit de Catherine de Medici , soția lui Henry II . Revenind la Ferrara, la 12 aprilie 1571 a decis să părăsească anturajul cardinalului.

El credea că va avea mai mult noroc cu Hipolit al II-lea și, prin urmare, a coborât la Roma . Cu toate acestea, chiar și cardinalul de la Villa d'Este l-a dezamăgit, iar Tasso a decis să urce în peninsulă, permițându-se să fie găzduit o vreme de Lucrezia și Francesco la Urbino , înainte de a intra, în mai 1572, în serviciul lui Alfonso al II-lea . [21]

În această perioadă a continuat să participe la capodopera, dar s-a dedicat și teatrului și a scris Aminta , o faimoasă fabulă pastorală care se încadra în gusturile curților din secolul al XVI-lea. Reprezentată probabil la 31 iulie 1573 pe insula Belvedere, unde a fost una dintre „deliciile” Este, a avut un mare succes și a fost cerută și de Lucrezia d'Este la Urbino în anul următor. În euforia succesului, în același 1573, Tasso a început să scrie o tragedie, Galealto , regele Norvegiei , dar a abandonat-o la începutul celui de-al doilea act, pentru a reveni la el, transformându-l mult mai târziu în regele Torrismondo . [22]

Capodopera și revizuirea

Angajamentul principal a rămas însă poemul epic, pentru care autorul nu stabilise încă un titlu. În noiembrie '74 lucrarea era aproape finalizată, dat fiind că „începusem ultima melodie în acest august” [23] , dar trebuie să așteptați până la 6 aprilie [24] 1575 pentru a primi anunțul finalizării textului, când într-o scrisoare către cardinalul Giovan Girolamo Albano citim: „Cea mai ilustră Domnie a voastră ar trebui să știe că, după un quartan enervant, sunt acum foarte sănătos pentru Dumnezeu și, după lungi vigilențe, am adus în cele din urmă poezia lui Godfrey la sfârșit”. [25]

După finalizarea poeziei majore din 1575 , perioada nevrozei și terorii de a fi terminat o slujbă care nu-i plăcea Inchiziției , apoi într-o fază de rigiditate extremă ( Conciliul de la Trent se încheiase doar cu doisprezece ani). Dintr-o scrisoare reiese neliniștea poetului: „Aici se învârte acest zvon binecuvântat al interzicerii infinitilor poeți: aș vrea să știu dacă există vreun adevăr despre el”. [26]

Tasso a supus textul judecății a cinci personaje romane autorizate - garanție a sfaturilor valabile cu privire la estetică și morală - nemulțumit din punct de vedere neurologic de propriile alegeri estetice, dar preocupat în principal, așa cum am văzut, de întrebările religioase.

Cei cinci erau profesorul și cărturarul Sperone Speroni , prințul și cardinalul Scipione Gonzaga , cardinalul Silvio Antoniano , poetul Pier Angelio Bargeo și cărturarul grec Flaminio de 'Nobili .

Torquato a împărtășit parțial sfaturile scriitorilor iluștri, care i se adresaseră cu critici moraliste, dar uneori le respingeau brusc. S-au născut misive aproape zilnice care evidențiază un autor care este intim tulburat și care are nevoie continuă de a demonstra (poate mai ales pentru el însuși) că nu transgresează principiile poeticii, cu atât mai puțin credința.

Obsesiv în a face modificări textului, el a fost continuu conflictual și incert cu privire la ce să facă, până la punctul în care în octombrie a ajuns să-i scrie lui Gonzaga: «Poate că un alt tratament era potrivit acestei povești particulare a lui Goffredo; și poate nici eu nu aveam tot respectul care se datora rigorii vremurilor prezente [...] Și îți jur că dacă condițiile statului meu nu mă vor restrânge la asta, nu aș avea poezie tipărită nici atât de curând, nici pentru vreun an, nici poate în viața mea; Mă îndoiesc foarte mult de succesul său ”. [27] Nici măcar admirația entuziastă a lui Lucrezia d'Este, care citea poezia în fiecare zi „multe ore în secretis[28] , nici cunoașterea marii plăceri cu care lucrarea a fost citită din multe părți, au putut pentru a-i potoli anxietățile. [29]

În 1576 a scris Allegoria , cu care a revizuit întreaga poezie într-o cheie alegorică, încercând să se elibereze de eventualele acuzații de imoralitate. Dar acest lucru nu a fost suficient: scrupulele cu caracter religios au luat forma unor adevărate amăgiri de persecuție. Pentru a-și testa propria ortodoxie în credința creștină, s- a supus spontan judecății Inchiziției de la Ferrara, primind două sentințe de achitare în 1575 și 1577 . [30]

Disconfort la curtea Este și scapă

Două frumoase doamne, care au ajuns la curte în 1575 și au continuat cu ducele până în anul următor, au format un interludiu plăcut - poate ultimul - în mijlocul atâtea griji. Pentru ei, contesa Sala Barbara Sanseverino și contesa Scandiano Leonora Sanvitale , cântau cu bucurie în niște rime de dragoste, care, așa cum sa întâmplat pentru Lucrezia și Leonora d'Este , respectă convențiile de gen și nu dezvăluie altceva decât o prietenie sinceră. [31]

Dar Tasso s-a săturat și de Alfonso și a visat să meargă la Florența , la curtea Medici . Nu este clar de ce a vrut să părăsească Ferrara, dar motivele care pot fi invocate sunt diverse și intrigante și toate au cel puțin o parte din adevăr în ele. „Că doresc foarte mult să schimb țara și că intenționez să fac acest lucru, se poate manifesta în el însuși, pentru cei care iau în considerare condițiile statului meu” [32] , i-a scris lui Scipione Gonzaga.

„Condițiile statului meu” pot avea o valoare materială: Tasso a primit de la duc doar cincizeci și opt de lire de marchizat pe lună, care s-au adăugat celor o sută cincizeci percepute ca cititor la Universitate (funcție pe care a ocupat-o doar pentru sărbători ) oferă o cifră cu siguranță scăzută, pe care ar trebui să o aibă o opinie strictă unui poet consacrat, chiar dacă este doar pentru o chestiune de demnitate, fără a dori să se gândească la motivații de lăcomie prete. [33]

Cu toate acestea, expresia fiscală poate lua și o conotație morală și psihologică: unele episoade neplăcute avuseseră loc de fapt la curtea Este. În 1576 Torquato a avut o ceartă cu curteanul Ercole Fucci. Provocat, l-a lovit cu palmele pe Fucci, care, ca răspuns, l-a lovit de mai multe ori cu un băț.

Un servitor îi dezvăluise lui Tasso că, în absența sa, un alt curten, Ascanio Giraldini, își forțase ușa dormitorului în încercarea de a fura câteva manuscrise. Tasso ar putea, de asemenea, să urmărească magnanul obținând o mărturisire, așa cum arată o altă scrisoare către Gonzaga, în care alte comploturi sunt ipotezate în spatele lui, chiar dacă „nu pot să constat”. [34]

Cu toate acestea, scrupulele religioase ale poetului au precipitat relația cu ducele și curtea. În aprilie 1577, Tasso s-a acuzat la Inchiziția de la Ferrara (după autoacuzarea de la curtea bologneză cu doi ani mai devreme [35] ), atacând și personalități influente ale curții. S-a încercat apoi să-l facă pe poet să renunțe la intenția de a-și confirma declarațiile în interogatoriile ulterioare, fără a-i scuti de pedeapsa corporală care nu a reușit să-l facă pe Tasso să se răzgândească, care a mai apărut de două ori în fața inchizitorului. [36]

Acuzațiile au fost îndreptate în special împotriva lui Montecatini, secretarul ducal. Întrucât Torquato a vrut să meargă să depună mărturie la Curtea Capitolină, inchizitorul din Ferrara, conștient de faptul că o astfel de acțiune ar putea pune în pericol relațiile cu Sfântul Scaun, - vital pentru casa lui Este - l-a informat imediat pe ducele cu o scrisoare de la 7 iunie. [37] Alfonso a pus poetul sub supraveghere și, la 17 iunie, Tasso, considerându-se spionat de un servitor, a aruncat cuțitul asupra sa.

Tasso a rămas în închisoarea castelului până la 11 iulie, când Alfonso l-a eliberat și l-a primit în stațiunea de vacanță Belriguardo, unde a rămas câteva zile, fiind trimis înapoi la Ferrara pentru a fi predat fraților mănăstirii S. Francesco. [38]

Poetul i-a implorat apoi cardinalilor Inchiziției Romane să-l elibereze de o situație acum insuportabilă găsindu-i cazare în oraș și, în același timp, s-a plâns lui Scipione Gonzaga pentru tratamentul pe care l-a primit, dar câteva zile mai târziu s-a trezit înapoi în închisoarea castelului. Apoi a încercat o altă cale și i-a cerut iertare domnului său iertare. [39]

Tasso a fost, fără îndoială, încercat de oboselile Ierusalimului , iar literele perioadei dezvăluie un suflet neliniștit și agitat, deseori îngrijorat de negarea celor care doreau să vadă semințele nebuniei în el. Iluziile persecuției și instabilității îl apucaseră, dar în ce măsură? În ce măsură, pe de altă parte, anumite manifestări ale poetului, care menține o luciditate aproape completă în scrisorile sale, au servit drept pretext pentru marginalizarea unui personaj care devenise periculos? În această privință, criticii nu au reușit niciodată să fie de acord.

Între timp, închisoarea sa la Castel a fost prelungită și nu a mai rămas decât zborul: în noaptea dintre 26 și 27 iulie s-a deghizat în fermier și a fugit pe câmp. Ajungând la Bologna , a continuat spre Sorrento, unde, încă deghizat și distrus fizic, s-a dus la sora lui, anunțându-i moartea, pentru a vedea reacția ei și dezvăluindu-i adevărata identitate numai după ce a observat reacția cu adevărat dureroasă a femeii. . [40]

A rămas în Sorrento câteva luni, dar, dorind să reia o parte din viața instanței, a cerut-o Corneliei să trimită o pledoarie ducelui, la 4 decembrie 1577, cerând să fie readmisă la angajarea sa, într-un text care a fost cu siguranță dictat, cel puțin în parte, de la poetul însuși: „Cel mai mare defect pe care îl cred este în el este lipsa de siguranță, pe care a arătat-o ​​că are în cuvântul lui VA și marea neîncredere în bunătatea sa”. [41]

Astfel, în aprilie 1578 s- a întors la Ferrara , dar după trei luni a fost din nou fugit; Mantova , Padova , Veneția . După ce a luat drumul către Pesaro , a trimis lui Alfonso o scrisoare din Cattolica în care încerca să explice motivele abandonului său, care rămân criptice, chiar și în mărturia directă a lui Tasso: «acum plec. pentru a nu permite acelui om, care nu trebuie să permită unui om, să facă vreo profesie de onoare sau să aibă în suflet un spirit de nobilime ”. [42] Frică, instabilitate?

Cert este că în aceeași lună cuvintele lui Maffio Venier - care îl întâlnise la Veneția - par să facă ipotezele nebuniei să-și piardă credibilitatea: „deși se poate spune că nu este de un intelect sănătos, el descoperă însă în curând semne de suferință decât nebunie ». [43]

Chiar și corespondența cu Francesco Maria Della Rovere pare să dezvăluie o personalitate mai degrabă afectată și agitată decât nebună. Leitmotivul , acum mai mult ca oricând, este durerea. [44] Durerea devine apoi poiesis , creație. Aceasta este tocmai perioada în care sunt compuse versurile cântecului neterminat Al Metauro , una dintre cele mai citate și celebre dintre opera tassică. Aici, într-o recreație a vieții cuiva sub specie doloris [45] , apar amintirile suferințelor și ale morții părinților. Poetul este un exilat, concret și metaforic, de când era copil a trebuit să părăsească locul natal:

«În exilul dur este greu
sărăcia am crescut în acele erori atât de triste;
simțul intempestiv am avut grijile:
că înainte de sezon se coace
amărăciunea cazurilor și durerilor
în mine a făcut amărăciunea anilor "

Între timp a continuat să rătăcească. A mers pe întinderea care separă Urbino de Torino , dar nu ar fi putut să intre în oraș - fusese respins de vameși pentru că se afla într-o stare de rău - dacă Angelo Ingegneri , un prieten al lui Torquato de câțiva ani, nu-l recunoscuse și ajutase să intre. La Torino a primit ospitalitatea marchizului Filippo d'Este, ginerele ducelui de Savoia [46] și s-a bucurat de o anumită liniște care i-a permis să compună poezii și să inițieze trei dialoguri, Nobilime , Demnitate și Precedență . [44]

Închisoarea din Sant'Anna

După noi regrete și nostalgii din curtea de la Ferrara, poetul a lucrat din nou la întoarcerea în orașul ducal, bazându-se pe mijlocirile cardinalului Albano și Maurizio Cataneo , și în cele din urmă a recâștigat capitala Este între 21 și 22 februarie, la fel cum au fost pregătirile în plină desfășurare pentru a treia nuntă a lui Alfonso, cele cu Margherita Gonzaga , fiica ducelui de Mantova Guglielmo .

A fost găzduit de Luigi d'Este , dar nimeni nu i-a acordat atenție: „Acum vă anunț, că aici am găsit acele dificultăți pe care vi le-ați imaginat, nu depășite nici de favoarea celui mai ilustru monseniu, nici de vreunul soarta umanității pe care știam să o folosesc », i-a scris lui Maurizio Cataneo la 24 februarie. [47] Într-o scrisoare către cardinalul Albano, datată 12 martie, Tasso cere cel puțin să-și recupereze salariul anterior. [48]

În acest moment, faptele se precipită: „Ieri, celălalt biet Tasso a fost trimis la Sant'Anna, pentru nebunia insolentă pe care o făcuse în jurul femeilor semnatarului Cornelio și pe care a ajuns ulterior să o facă cu Doamnele Alteței Sale, care, ca din câte mi s-a spus, erau atât de urâți și necinstiți, încât l-au indus pe lordul duce la acea hotărâre ». [49] Nu este clar când s-a întâmplat exact faptul, acesta variază între 11 și 12 martie, dar este sigur că la această ultimă dată poetul fusese deja închis în închisoarea Sant'Anna. [50]

De asemenea, pare sigur că cuvintele jignitoare pronunțate în furie au fost apoi adresate în mod explicit ducelui însuși și este probabil că acestea au fost acuzații grave (probabil legate încă o dată de afacerea Inchiziției) pe care, făcute în public, le-au cerut o rezoluţie.

Ducele Alfonso al II-lea l-a închis apoi pe Tasso în spitalul Sant'Anna, în celebra celulă numită ulterior „del Tasso”, unde a rămas timp de șapte ani. Aici, tendințele de auto-pedepsire au fost adăugate la maniile persecuției.

Delacroix : Tasso la spitalul Sant'Anna

În spital a fost tratat ca „nebunii”, primind câteva rații de mâncare proastă, lipsit de orice confort material și orice confort spiritual, dat fiind că capelanul, „dacă m-am rugat bine, niciodată nu a vrut sau să mărturisească sau să comunică-mi ». [51] Este adevărat că după nouă luni a existat o îmbunătățire a alimentelor, dar trebuie să fi fost foarte puțin, iar primii trei ani au coincis cu un fel de izolare.

Cu toate acestea, el a scris neîntrerupt prinților, prelaților, domnilor și intelectualilor rugându-i să-l elibereze și să-și apere persoana. Le suppliche erano rivolte al solito Gonzaga, alla mai dimenticata Lucrezia d'Este, a Francesco Panigarola (che sarebbe divenuto vescovo di Asti ), a Ercole Tasso e molti altri. [52] I primi anni di reclusione non impedirono a Torquato di scrivere; anzi, le tre canzoni del periodo rivelano una poesia essenziale, magistrale nella gestione delle armonie, simbolo di un'ormai indiscussa maturità e dimostrazione, una volta di più, di come le facoltà mentali del poeta fossero ancora intatte. Ecco quindi A Lucrezia e Leonora , con la celebre invocazione alle «figlie di Renata», in una nostalgico ricordo dei tempi sereni trascorsi a corte, messo in contrasto con la durezza del tempo presente, ecco Ad Alfonso , nuova supplica al duca che, rimasta inascoltata, diventò un inno Alla Pietà nell'omonima canzone.

Le condizioni mutarono con gli anni: a partire dal 1580 gli fu permesso di uscire qualche volta e di ricevere visite, nel novembre 1582 il vitto migliorò ulteriormente, mentre dal 1583 poté lasciare Sant'Anna più volte alla settimana, «accompagnato da gentiluomini e qualche volta fu condotto anche a corte». [53] Tuttavia il trattamento rimaneva molto duro e, a distanza di secoli, pare spropositato se il motivo dovesse ridursi alla pazzia oa delle offese personali.

Certo, il Tasso soffriva di turbe psichiche. A questo proposito è illuminante la lettera di aiuto che indirizzò il 28 giugno 1583 al celebre medico forlivese Girolamo Mercuriale . Qui troviamo un elenco e una descrizione dei mali che affliggono il poeta: «rodimento d'intestino, con un poco di flusso di sangue; tintinni ne gli orecchi e ne la testa, [...] imaginazione continua di varie cose, e tutte spiacevoli: la qual mi perturba in modo ch'io non posso applicar la mente a gli studi per un sestodecimo d'ora», fino alla sensazione che gli oggetti inanimati si mettano a parlare. È da notare tuttavia come tutte queste sofferenze non l'abbiano reso «inetto al comporre». [54]

Si può poi ammettere che «il Tasso non fu semplicemente un melanconico, ma di tratto in tratto veniva sorpreso da eccessi di mania, da riescire pericoloso a sé ed agli altri» [55] , ma, anche se questi squilibri dovessero essersi manifestati realmente, essi non giustificano né la tesi della pazzia né la necessità di allontanare il Tasso dalla corte per un periodo così lungo. Con buone probabilità, quindi, la ragione principale deve essere riallacciata ancora una volta ai tentativi tasseschi di ricorrere all'Inquisizione romana, e l'imprigionamento era il solo modo per non compromettere il rapporto con lo Stato Pontificio .

Dopo l'edizione veneziana "pirata" e mutila di Celio Malespini (estate 1580 ), nel 1581 , sempre durante la prigionia, vennero pubblicate - nel tentativo di porre rimedio alla sciagurata operazione - a Parma e Casalmaggiore , ancora senza il suo consenso, due edizioni del poema iniziato all'età di quindici anni. Il titolo di Gerusalemme liberata fu scelto dal curatore di queste ultime versioni, Angelo Ingegneri, senza l'avallo dell'autore. L'opera ebbe un grande successo.

Siccome anche le stampe dell'Ingegneri presentavano delle imperfezioni e la Gerusalemme era ormai di dominio pubblico, bisognava approntare la versione migliore possibile, ma per far questo era necessaria l'autorizzazione e la collaborazione del Tasso. Così, seppur riluttante, il poeta diede il proprio consenso a Febo Bonnà , che diede alla luce la Gerusalemme liberata il 24 giugno 1581 a Ferrara , restituendola in modo ancora più preciso pochi mesi dopo. [56]

Queste traversie editoriali addolorarono il Tasso, che avrebbe voluto mettere mano al poema in modo da renderlo conforme alla propria volontà. All'amarezza per le pubblicazioni seguì ben presto quella che gli fu causata dalla polemica con la neonata Accademia della Crusca . La diatriba non fu scatenata, per la verità, né dal poeta né dall'Accademia. La sua origine va ricercata nel dialogo Il Carrafa, o vero della epica poesia , che il poeta capuano Camillo Pellegrino stampò presso l'editore fiorentino Sermartelli all'inizio di novembre del 1584 . Nel dialogo Torquato viene esaltato assieme alla sua opera, in quanto fautore di una poesia etica e fedele ai dettami aristotelici, mentre l' Ariosto viene duramente condannato a causa della leggerezza, delle fantasiose invenzioni e dell'eccessiva dispersione che si possono riscontrare nell' Orlando Furioso . [57]

Leonardo Salviati

Il testo provocò la reazione dell'Accademia, che rispose nel febbraio dell'anno seguente con la Difesa dell'Orlando Furioso degli Accademici della Crusca , stroncando il Tasso ed esaltando invece «il palagio perfettissimo di modello, magnificentissimo, ricchissimo, e ornatissimo» [58] , che era il Furioso . La Difesa fu fondamentalmente opera di Leonardo Salviati e di Bastiano de' Rossi . Tasso decise di scendere in campo con l' Apologia in difesa della Gerusalemme Liberata , edita a Ferrara dal Licino il 20 luglio. Rivendicando la necessità di un'invenzione che si fondi sulla storia, il poeta si opponeva alle opinioni dei paladini del volgare fiorentino, e respingeva le accuse di un lessico intriso di barbarismi e poco chiaro. [59]

La polemica continuò, visto che il Salviati replicò in settembre con la Risposta all'Apologia di Torquato Tasso (testo noto anche come Infarinato primo [60] ), cui seguirono un nuovo opuscolo di Pellegrino e un Discorso del Nostro, dopo di che - se si esclude un ulteriore scritto del Salviati, l' Infarinato secondo ( 1588 ) - per qualche tempo le acque si calmarono, ma la querelle tra ariosteschi e tasseschi proseguì fino al secolo successivo, e fu una delle più infiammate della storia della letteratura italiana.

Durante la reclusione Tasso scrisse principalmente discorsi e dialoghi [61] : fra i primi quello Della gelosia (redatto già nel 1577 ma pubblicato nel 1585 ), Dell'amor vicendevole tra 'l padre e 'l figliuolo ( 1581 ), Della virtù eroica e della carità ( 1583 ), Della virtù femminile e donnesca (1583), Dell'arte del dialogo ( 1586 ), Il Secretario ( 1587 ), cui si deve aggiungere il Discorso intorno alla sedizione nata nel regno di Francia l'anno 1585 (composto nel 1585, edito solo nel 1817 ) e il Trattato della Dignità , già iniziato a Torino, come si è visto. [62]

Queste opere sviluppano tematiche morali, psicologiche o strettamente religiose. La virtù cristiana è proclamata come superiore alla pur nobile virtù eroica, si afferma la comune origine di amore e gelosia, si valutano i talenti specifici della donna, il tutto arricchito dal racconto di esperienze personali che giustificano l'opinione dell'autore. Vengono affrontate anche questioni politiche, in special modo nel Secretario , diviso in due parti, la prima dedicata a Cesare d'Este , la seconda ad Antonio Costantini . Qui, nella descrizione del principe ideale, si enucleano alcune caratteristiche come la clemenza (chiaro il riferimento alla propria condizione), l'esser filosofo, e soprattutto «un gentiluomo a la cui fede ed al cui sapere si possono confidare gli Stati e la vita e l'onor del principe». [63]

Più copiosa ancora fu la composizione di dialoghi, scritti sotto il nume ideale di Platone , ma paragonabili più obiettivamente a quelli del sedicesimo secolo. Quasi ogni tematica morale viene sviscerata in una serie davvero lunga di opere più o meno prolisse e più o meno felici.

Tasso scrisse, nell'ordine [64] , Il Forno, o vero de la Nobiltà (1579, 1581, modificato nel 1586 e ripubblicato l'anno seguente); il Gonzaga, o vero del Piacer onesto (1580, 1583), in seguito rivisto e stampato con il titolo Il Nifo, o vero del piacere ; Il Messaggero (1580, 1582. Qui immaginò di interagire amichevolmente con il folletto da cui si credeva perseguitato nella realtà. Questo dialogo ispirò la celebre operetta morale leopardiana Dialogo di Torquato Tasso e del suo Genio familiare ), con una seconda lezione del 1586; Il padre di famiglia (1580, 1583, ispirato a un gentiluomo che lo ospitò a Borgo Sesia prima dell'arrivo a Torino); Il cavalier amante e la gentildonna amata (1580, 1583, con dedica a Giulio Mosti, giovane ammiratore del poeta); Romeo o vero del giuoco (1580, 1581), rivisto e dato alle stampe con titolo Il Gonzaga secondo, o vero del giuoco (1581, 1582); La Molza, o vero de l'Amore (1583, 1587, prende spunto dalla conoscenza che il Tasso fece della celebre poetessa Tarquinia Molza a Modena , nel dicembre 1576, ed è dedicato a Marfisa d'Este ); Il Malpiglio, o vero della corte (1583, 1586, con riferimento al gentiluomo ferrarese Lorenzo Malpiglio ); Il Malpiglio secondo o vero del fuggir la moltitudine (1583, 1666); Il Beltramo, overo de la Cortesia (1584, 1586); Il Rangone, o vero de la Pace (1584, 1586, in risposta a uno scritto di Fabio Albergati ); Il Ghirlinzone, o vero l'Epitafio (1585, 1586); Il Forestiero napolitano, o vero de la Gelosia (1585, 1586); Il Cataneo, o vero de gli Idoli (1585, 1586) e, infine, La Cavalletta, o vero de la poesia toscana (1584, 1587).

In tutto questo non aveva dimenticato l'opera principe, dimostrando di avere al riguardo idee piuttosto lontane da quella che sarà la realizzazione finale. A Lorenzo Malpiglio espose intenzioni sostanzialmente opposte agli interventi che avrebbe apportato negli anni successivi: parla di portare la Liberata da venti a ventiquattro canti (secondo l'idea originaria) e di accrescere il numero delle stanze, tagliando anche dei passaggi ma con il risultato che «la diminuzione sarà molto minor de l'accrescimento». [65]

Nel 1586 qualche segnale, magari anche dettato da semplice interesse, lasciava intravedere un astio meno severo nei confronti del Nostro. Prima della reclusione, nel marzo del 1577, a Comacchio era stata rappresentata una commedia tassesca alla presenza della corte. [66] Ora Virginia de' Medici voleva che il testo fosse perfezionato e completato per essere interpretato durante i festeggiamenti del suo matrimonio con Cesare d'Este . Tasso si mise al lavoro ed esaudì la richiesta. L'opera fu poi pubblicata nel 1603 e ricevette il titolo - Gli intrichi d'amore - dal Perini, uno degli attori dell'Accademia di Caprarola, che aveva messo in scena la commedia nel 1598 . [67]

L'opera, ricolma di intrecci amorosi e di agnizioni secondo il costume dell'epoca, è sofisticata e inverosimile, ma non mancano pagine vivaci ed episodi ispirati all' Aminta . Vi si possono inoltre vedere alcuni elementi che confluiranno nella commedia dell'arte : il personaggio del Napoletano , parlando in dialetto e «profondendosi in spiritosaggini sbardellate», richiama alla mente la futura maschera di Pulcinella . [68] La critica è stata piuttosto concorde nel ritenerla infelice, tutta una goffaggine pedantesca e superficiale, nel giudizio di Francesco D'Ovidio . [69]

Dopo la prigionia: le delusioni, le sofferenze, le peregrinazioni

Il 13 luglio 1586 finì la prigionia: Tasso venne affidato a Vincenzo Gonzaga [70] , che lo volle alla sua corte di Mantova . Nelle intenzioni di Alfonso, Tasso doveva restare presso il figlio di Guglielmo Gonzaga solo per un breve periodo [71] , ma di fatto il poeta non tornò più a Ferrara, e restò presso Vincenzo, in un ambiente in cui conobbe Ascanio de' Mori da Ceno , diventandone amico.

A Mantova Tasso ritrovò qualche barlume di tranquillità; riprese in mano il Galealto re di Norvegia , la tragedia che aveva lasciato interrotta alla seconda scena del secondo atto - e che aveva frattanto avuto un'edizione nel 1582 -, e la trasformò nel Re Torrismondo , conglobando nei primi due atti quanto aveva precedentemente scritto ma cambiando i nomi, e procedendo alla stesura dei tre atti successivi in modo da arrivare ai cinque canonici. Quando nell'agosto si recò a Bergamo , ritrovando amici e parenti, si mise subito in azione per dare alle stampe la tragedia, e l'opera uscì, a cura del Licino e per i tipi del Comin Ventura, con dedica a Vincenzo Gonzaga, nuovo duca di Mantova. [72]

Si trattava comunque di una "libertà vigilata", ei fatti dell'autunno 1587 lo dimostrano chiaramente. Dopo essere tornato a Mantova, deluso e preoccupato di una possibile venuta di Alfonso, Tasso andò a Bologna ea Roma senza chiedere al Gonzaga l'autorizzazione e questi, sotto la pressione del duca di Ferrara, tentò in ogni modo di farlo tornare indietro. Antonio Costantini, sedicente amico del poeta che metteva al primo posto l'ambizione e l'obiettivo di essere tenuto in onore presso la corte mantovana, e Scipione Gonzaga si mobilitarono, ma Torquato capì la situazione e rifiutò di ritornare, rendendo impossibile qualsiasi mossa, dal momento che un intervento che lo riportasse nel ducato mantovano con la forza non sarebbe mai stato tollerato dal Pontefice. [73] Il fatto che nessuno impedisse il viaggio a Bergamo mentre ci fosse una mobilitazione generale per allontanare il poeta dall'Urbe rimane comunque un segnale che pare ulteriormente ridimensionare il peso della presunta follia di Torquato nelle preoccupazioni dei duchi del settentrione.

Il santuario di Loreto in un'incisione di Francisco de Hollanda (prima meta del sec. XVI)

Nel corso del tragitto Tasso passò da Loreto , raccogliendosi in preghiera nel santuario e concependo quella canzone «a la gloriosa Vergine» che può forse richiamare il Petrarca della Canzone alla Vergine in qualche scelta lessicale, ma, in mezzo alla lode e alla supplica, è tanto più intessuta di travaglio e sofferenza:

«Vedi, che fra' peccati egro rimango,
qual destrier, che si volve
nell'alta polve, e nel tenace fango.»

Torquato fu a Roma nell'autunno 1587 e fino alla primavera successiva. L'irrequietudine era di nuovo alle stelle: le lettere registrano le sue richieste di denaro e le lamentele per la propria condizione di salute. Il poeta è ormai disilluso, e fa meno affidamento sulla possibilità che gli altri lo aiutino. Come scrisse alla sorella in una lettera del 14 novembre, gli uomini «non hanno voluto sanarmi, ma ammaliarmi». [74] Tuttavia, il Nostro è in preda al bisogno materiale e continua ad autoumiliarsi, scrivendo versi encomiastici per Scipione Gonzaga, divenuto cardinale, senza ottenere alcunché. Anche la speranza di essere ricevuto dal papa Sisto V viene delusa, nonostante le lodi che Tasso rivolge al pontefice in varie poesie, confluite assieme ad altre del periodo in un volumetto del 1589 , stampato a Venezia. [75]

Vista l'inutilità del soggiorno romano, il peregrinante poeta pensò trovare maggior fortuna nell'amata Napoli . Così, ai primi di aprile del 1588 Tasso ritornò nella città vesuviana fortemente intenzionato a risolvere a proprio favore le cause contro i parenti per il recupero della dote paterna e di quella materna. Benché potesse contare su amici e congiunti, e sulle conoscenze altolocate partenopee, tra cui i Carafa (o Carrafa) di Nocera , i Gesualdo, i Caracciolo di Avellino , i Manso, preferì accettare l'ospitalità di un convento di frati olivetani . Qui conobbe l'amico più caro degli ultimi anni: Giovan Battista Manso , signore di Bisaccia e primo entusiasta biografo dell'autore dopo la sua morte.

Il clima amichevole in cui fu accolto, la stima di amici e letterati, e il conforto di una «bellissima città, la quale è quasi una medicina al mio dolore» [76] , riuscirono a risollevare per un breve periodo l'infelice animo tassiano. Per ringraziare i monaci scrisse il poemetto, rimasto incompiuto, Monte Oliveto , in riferimento al convento in cui sorgeva il complesso monastico che attualmente ospita la caserma dei carabinieri (resta visitabile la chiesa Sant'Anna dei Lombardi ). L'opera - un resoconto encomiastico delle principali tappe esistenziali e delle principali virtù di Bernardo Tolomei , il fondatore della Congregazione - è fortemente intessuta di spirito cristiano, in un severo richiamo ad una vita sobria, lontana dalle vanità del mondo. Dedicata al cardinale Antonio Carafa , si interrompe alla centoduesima ottava. [77]

Al pari del Re Torrismondo e di molta parte dell'ultima produzione tassesca, il Monte Oliveto non ha goduto dei favori della critica. Guido Mazzoni vi vide più una predica che un poema [78] , mentre Eugenio Donadoni utilizzò quasi le medesime parole che gli erano servite per stroncare il Torrismondo (v. Re Torrismondo ): questa è «l'opera non più di un poeta, ma di un letterato, che cerca di dare forma e tono epico a una convenzionale vita di santo». [79] Come per la tragedia nordica, la rivalutazione è arrivata con l'analisi di Luigi Tonelli e di alcuni studiosi più recenti.

In ogni caso, anche questo periodo napoletano si rivelò problematico per Tasso, a causa delle precarie condizioni di salute e delle ristrettezze economiche, a cui si aggiunsero anche nuove polemiche letterarie e religiose sulla Gerusalemme liberata . Spostatosi a Bisaccia, Tasso poté vivere un periodo di maggiore tranquillità. Manso ricorda un episodio curioso: mentre sedeva con l'amico davanti al fuoco, questi disse di vedere uno «Spirito, col quale entrò in ragionamenti così grandi e meravigliosi per l'altissime cose in essi contenute, e per un certo modo non usato di favellare, ch'io rimaso da nuovo stupore sopra me inalzato, non ardiva interrompergli». Alla fine della visione, Manso confessò di non aver visto nulla, ma il poeta gli si rivolse sorridendo: «Assai più veduto hai tu, di quello che forse... E qui si tacque». [80] Viste le rare manifestazioni allucinatorie di cui abbiamo notizia, (si ricordino quelle che erano state descritte, nel 1580 , nel dialogo Il messaggero , in cui è descritto uno spirito amoroso che appare a Tasso sotto la figura di un giovanetto dagli occhi azzurri, simili a quelli che Omero alla dea d'Atene attribuisce ), la risposta del Nostro assume una valenza indubbiamente ambigua, e non può escludersi che avesse voluto mettere alla prova il Manso per vedere se anche lui lo avrebbe considerato un "folle".

A dicembre era di nuovo a Roma, dove giunse nella speranza di poter essere ospitato dal Papa in Vaticano, confidando negli illusori pareri di alcuni amici. [81] Ad ospitare Tasso fu invece Scipione Gonzaga, e il poeta si sentì di nuovo «più infelice che mai». [82] Ricominciava la routine : richieste d'aiuto a destra ea sinistra, con l'obiettivo di ricevere i cento scudi che gli erano stati promessi per la stampa delle sue opere: «vorrei in tutti i modi trovar questi cento ducati, per dar principio a la stampa, avendo ferma opinione che di sì gran volume se ne ritrarrebbero molto più», scrisse ad Antonio Costantini. [83] I destinatari erano ancora una volta i più disparati: il principe di Molfetta, il Costantini, il duca di Mantova Vincenzo Gonzaga, gli editori. Il Nostro si umiliò per l'ennesima volta anche con Alfonso, cui chiese nuovamente perdono, mentre al Granduca di Toscana Ferdinando I domandò l'intercessione del cardinal Del Monte , lo stesso che prenderà sotto la propria protezione Caravaggio . Tutte le speranze, però, furono disattese.

Al tempo stesso anche le missive ai medici si rifecero intense. Tuttavia, in mezzo a tante delusioni ea tanto affanno non venne meno la verve creativa: oltre ad aver raccolto le Rime in tre volumi, e avervi scritto il commento, Tasso compose anche un poema pastorale che riprende, anche se solo nel nome, alcuni personaggi dell' Aminta . È Il rogo di Corinna , dedicato a Fabio Orsino. La prima pubblicazione dell'opera fu postuma ( 1608 ). [84]

Per quanto Grazioso Graziosi, agente del duca di Urbino, dicesse al suo signore del modo eccellente in cui il Tasso era trattato presso il cardinale Gonzaga, egli rilevava al contempo le infermità fisiche e mentali di Torquato, che privavano la sua età «del maggior ingegno che abbian prodotto molte delle passate». [85] Tuttavia, è bene diffidare della prima quanto della seconda affermazione. Se «il povero Signor Tasso è veramente degno di molta pietà per le infelicità della sua fortuna» [86] , come si legge in una missiva del Graziosi di due settimane dopo, perché cacciare il poeta in malo modo, mentre Scipione Gonzaga non era presente, e costringerlo a una nuova situazione di bisogno? In aiuto del Tasso vennero ancora i monaci della Congregazione del Tolomei, che lo ospitarono a Santa Maria Nuova degli Olivetani. [87]

Gli ultimi anni del Tasso, però, non conobbero pace duratura: le sofferenze psichiche si acuirono nuovamente, certo per le nuove delusioni derivanti da richieste di denaro non esaudite, dall'obbligo di piegarsi alla composizione di poesie a pagamento, e il poeta fu costretto a farsi ricoverare nell' Ospedale dei Pazzarelli , adiacente alla chiesa dei Santi Bartolomeo e Alessandro dei Bergamaschi , la cui costruzione era appena stata ultimata. Il dolore emerge in modo chiaro in una lettera inviata il primo dicembre 1589 ad Antonio Costantini, divenuto ormai suo confidente. [88]

A febbraio ritornò presso Scipione Gonzaga, sempre lamentandosi per la scarsa considerazione in cui era tenuto e sempre scrivendo della propria infelicità. [89] Tasso premeva, come già più volte in passato, per essere accolto a Firenze dal Granduca di Toscana, e accettò quindi con gioia l'invito di Ferdinando de' Medici. A Firenze giunse in aprile, ospite prima dei fidati Olivetani, poi di ricchi e illustri cittadini quali Pannucci e Gherardi . Alla tranquillità necessaria per rivedere la Gerusalemme si aggiunsero anche relative soddisfazioni economiche (sempre comunque in cambio di versi encomiastici): dal Granduca ricevette centocinquanta scudi [90] , da Giovanni III di Ventimiglia, marchese di Geraci , sembrerebbe, duecento scudi. [91]

Il motivo di gioia principale era tuttavia un altro, era l'avvicinarsi dell'evento più ambito da chi si sentiva, sopra ogni cosa, poeta: «Penso a la mia coronazione, la qual dovrebbe esser più felice per me, che quella de' principi, perché non chiedo altra corona per acquetarmi». [92] Non ci fu nessuna incoronazione. C'è chi ha asserito che questa lettera contenesse solo una bislacca speranza del Tasso, senza alcun legame con la realtà. [93] Tuttavia, la sicurezza con cui l'evento viene ormai dato per certo lascia pensare che le illusioni del Nostro avessero un fondamento, e non fossero una pura chimera.

Un nuovo evento lo indusse all'ennesimo spostamento: papa Urbano VII era succeduto a Sisto V, incoraggiando il Tasso a fare nuovamente affidamento sugli aiuti pontifici. Tasso scese così a Roma, accolto dagli Olivetani di Santa Maria del Popolo. Giovanni Battista Castagna morì tredici giorni dopo l'elezione, lasciando il posto a Gregorio XIV . Anche questa volta le lettere del poeta registrano un amaro scacco: «Ho perduto tutti gli appoggi; m'hanno abbandonato tutti gli amici, e tutte le promesse ingannato», confidò, sempre più afflitto, a Niccolò degli Oddi. [94]

Il Palazzo Ducale di Mantova , residenza dei Gonzaga

L'autore della Gerusalemme è ogni giorno che passa più confuso, sballottato qua e là dagli eventi come una barca in mezzo al mare. Tutto questo riflette la condizione interiore di una persona disincantata ma al tempo stesso ancora ingenuamente pronta a fidarsi delle fallaci promesse che giungono dal mondo intorno, riflette un'instabilità ormai cronica. È vero che la fede andò radicandosi sempre più in Tasso, ma il fatto che al duca di Mantova scrivesse di volersi ritirare in un monastero e pochi giorni dopo accettasse il suo invito a tornare a corte è l'evidente manifestazione di un'anima senza pace. [95]

Ritornato quindi sul Mincio (marzo 1591 ), accolto con tutti gli onori, poté dedicarsi totalmente al lavoro letterario, e in particolare alla revisione del capolavoro. La missiva a Maurizio Cataneo del 4 luglio ci informa del fatto che il poeta era già a buon punto, e illustra le linee direttrici della propria opera correttrice: «sono al fine del penultimo libro; e ne l'ultimo mi serviranno molte di quelle stanze che si leggono nello stampeato. Desidero che la riputazione di questo mio accresciuto ed illustrato e quasi riformato poema toglia il credito a l'altro, datogli dalla pazzia de gli uomini più tosto che dal mio giudicio». [96] Sono parole che possono parere sciagurate, ma riflettono gli scrupoli religiosi sempre più pressanti.

Non si era comunque concentrato solo sul poema: aveva raccolto le Rime in quattro volumi, e con l'editore veneziano Giolito parlava della possibilità di stampare tutte le opere (esclusa la Gerusalemme ) in sei libri. A tutto questo va aggiunto un nuovo lavoro che aveva intrapreso, lasciandolo poi incompiuto. La genealogia di Casa Gonzaga , con dedica a Vincenzo, si interruppe dopo centodiciannove ottave, per essere pubblicato solo nel 1666 , tra le Opere non più stampate dell'edizione romana Dragondelli. [97] Il poemetto è sicuramente trascurabile, fatto di una versificazione fredda, appesantita da nozioni e nomi. Tra le fonti il ruolo principale è stato svolto da un regesto di Cesare Campana , Arbori delle famiglie... e principalmente della Gonzaga , uscito a Mantova l'anno prima, e dall' Historia sui temporis di Paolo Giovio , accanto a cui va ricordata la tradizione orale legata alla battaglia del Taro. [98]

La calma, tuttavia, era ormai un ricordo di gioventù, e ogni soggiorno diventava insopportabile dopo un certo numero di mesi. Così, ridiscese la penisola, con l'intenzione di raggiungere nuovamente Roma. Il viaggio fu travagliato e appesantito dal fatto che Tasso si ammalò più volte durante il tragitto, costretto a sostare in varie località, fra cui Firenze. Giunto nell'Urbe il 5 dicembre 1591, ricevette l'ospitalità di Maurizio Cataneo. Poche settimane dopo era ancora in viaggio, diretto a Napoli. [99]

Ultimi anni

A questo punto, inaspettatamente, ci fu spazio per qualche luce e qualche reale soddisfazione. Il soggiorno napoletano, durato dal febbraio alla fine di aprile del 1592 , non tradì, né per quanto riguarda l'accoglienza ricevuta (fu ospitato dal principe di Conca Matteo di Capua e poi da Manso con grandi onori e affetto), né sulle questioni letterarie, né su quelle relative alla salute dell'artista. In effetti, in virtù della «purità dell'aria» [100] , Tasso cominciò a sentirsi meglio, e di conseguenza poté dedicarsi in modo più proficuo alle proprie attività. In questi mesi completò la Conquistata , e, sempre durante il soggiorno partenopeo, mise mano all'ultima opera significativa, Le sette giornate del Mondo creato . [101]

Gli ultimi tre anni di vita lo videro prevalentemente a Roma: nell'aprile 1592 l'elezione al soglio pontificio di Clemente VIII lo fece venire nell'Urbe, e anche qui ebbe un trattamento decisamente migliore rispetto alle recenti esperienze. Poté infatti alloggiare nel palazzo dei nipoti del Papa, Pietro e Cinzio Aldobrandini , in procinto di diventare cardinali. Cinzio sarà di fatto il vero mecenate dell'ultimo periodo. La produzione letteraria ebbe nuovi sussulti, consacrandosi ormai quasi esclusivamente agli argomenti sacri: compose i Discorsi del poema eroico e altri Dialoghi , carmi latini e rime religiose. Addolorato per la morte di Scipione Gonzaga , gli dedicò, nel marzo 1593 , Le lagrime di Maria Vergine e Le lagrime di Gesù Cristo . [102] Tasso aveva intanto finito di rivedere il poema, e sempre nel 1593 vide la luce a Roma, per i tipi di Guglielmo Facciotti, la Gerusalemme conquistata .

Esistono inoltre chiare testimonianze del fatto che ci fosse l'intenzione di incoronare Tasso in Campidoglio , nonostante alcuni studiosi si siano ostinati a negarlo ea considerarla un'invenzione del poeta. [103] «È veramente degno il Signor Torquato Tasso di esser celebrato in questi medesimi tempi come raro per la sua poesia, ed è parimente degno della grandezza dell'animo del Signor Cinzio Aldobrandini di erigergli una statua laureata, con mill'altre cerimonie e specie, come dicono che tosto si vedrà, e dargli luogo in Campidoglio fra le più degne ed antiche cerimonie [...]», rivela Matteo Parisetti in una lettera ad Alfonso II , risalente all'agosto del 1593. [104]

Lo stesso Tasso è esplicito al riguardo: «Qui in Roma mi voglion coronar di lauro», scrive al Granduca di Toscana il 20 dicembre 1594 , «o d'altra foglia». [105] Sennonché, pur essendo ancora bisognoso di soldi e continuando a fare richiesta per ottenerli, il poeta sentiva sempre più lontane le preoccupazioni del mondo, e sempre meno si curava della vanità e dei successi terreni. La salute, dopo la parentesi napoletana, andava aggravandosi nuovamente, e Torquato cominciava a capire che la fine non era lontana. Per questo ritornò alle falde del Vesuvio, per concludere rapidamente in proprio favore la questione legata all'eredità materna: il risultato fu soddisfacente, acconsentendo il principe di Avellino a versargli duecento ducati all'anno, ai quali vanno aggiunti cento ducati annui che il Papa si risolverà a dargli a partire dal febbraio 1595 .

A Napoli rimase dal giugno al novembre del 1594, alloggiato al monastero benedettino di san Severino, sempre più votato alla vita monastica e attratto ancora dalla letteratura agiografica. Fu probabilmente nei mesi trascorsi presso i benedettini che Tasso abbozzò l'incompiuta Vita di San Benedetto . Alla fine dell'anno ritornò a Roma.

Cambiò città per l'ultima volta: la fine era dietro l'angolo. Riconosciuta la definitiva infermità che gli rendeva ormai impossibile scrivere e correggere, non sentì più che un ultimo bisogno, tralasciando tutto il resto, il bisogno della «fuga dal mondo». [106] Il 1º aprile entrò al monastero di S. Onofrio, sul Gianicolo , senza più nemmeno curarsi del fatto che il Mondo creato non era stato ancora rivisto. Tutto svaniva, di fronte all'importanza di prepararsi al trapasso: «Che dirà il mio signor Antonio, quando udirà la morte del suo Tasso? E per mio avviso non tarderà molto la novella, perch'io mi sento al fine de la mia vita [...] Non è più tempo ch'io parli de la mia ostinata fortuna, per non dire de l'ingratitudine del mondo». Tutto perdeva importanza, a fronte della dolcezza della «conversazione di questi divoti padri», che cominciava «la mia conversazione in cielo». [107]

Monumento in Sant'Onofrio

Il 25 aprile, all'«undecima ora» [108] , Torquato Tasso moriva all'età di 51 anni. Era una morte serena, ricevuta con tutti i conforti dei sacramenti: «La morte del Tasso è stata accompagnata da una particolar grazia di Dio benedetto, perché in questi ultimi giorni le duplicate confessioni, le lagrime e insegnamenti spirituali pieni di pietà e di giudizio, mostrarono che fosse affatto guarito dall'umor malinconico, e che quasi uno spirito gli avesse accostato al naso l'ampolle del suo cervello». [109] Venne sepolto nella Chiesa di Sant'Onofrio al Gianicolo .

Presso il monastero, accanto alla strada è ancora visibile la rampa della quercia , dove si trova il tronco nero di una quercia secolare sostenuto da un sopporto metallico. Secondo la tradizione locale si tratta della cosiddetta quercia del Tasso , l'albero alla cui ombra il poeta spesso sedeva per riposarsi.

Albero genealogico

Reinerius de Tassis [110] (1117)
Sconosciuta
Omedeo Tasso (1290) [111]
Sconosciuta
Ruggero Tasso [112]
Sconosciuta
Benedetto Tasso [113]
Sconosciuta
Palazzo de Tassis
Tonola de Magnasco (†1504)
Pasimo (o Paxio) de Tassis [114] [115] (†1496)
Sconosciuta
Pietro Tasso [116]
Sconosciuta
Giovanni Tasso [117]
Catalina de Tassi [118]
Gabriel Tasso
Porzia de Rossi
Bernardo Tasso
Torquato Tasso

Opere

Un ritratto a Sorrento .

Rinaldo

All'età di diciotto anni Tasso riprese la materia del romanzo cavalleresco e nel 1562 pubblicò il Rinaldo , poema in ottave che narra in dodici canti (circa 8000 versi) la giovinezza del paladino della tradizione carolingia e le sue imprese di armi e di amori. Nella prefazione al poema Tasso dichiara di voler imitare in parte gli "antichi" ( Omero e Virgilio ), in parte i "moderni" ( Ariosto ). Si concentra però su un unico protagonista, secondo le esigenze di unità proposte dall'aristotelismo. Si tratta di un'opera tipicamente giovanile, ancora priva di originalità, ma compaiono già alcuni temi e toni fondamentali che caratterizzeranno il Tasso maturo e formato culturalmente.

Rime

Torquato Tasso compose un gran numero di poesie liriche , lungo l'arco di tutta la sua vita. Le prime furono pubblicate nel 1567 col titolo di Rime degli Accademici Eterei . Nel 1581 uscirono Rime e prose . Tasso lavorò fino al 1593 ad un riordino complessivo dei testi, distinguendo rime amorose e rime encomiastiche. Previde poi una terza sezione, dedicata alle rime religiose e una quarta di rime per musica, ma non realizzò il progetto.

Nelle Rime amorose è ben riconoscibile l'influenza della poesia petrarchesca e della vasta produzione petrarchistica del Quattrocento e Cinquecento ; contemporaneamente, però, il gusto per le preziosità linguistiche e l'intensa sensualità rivelano l'evoluzione verso un linguaggio nuovo che maturerà nel Seicento . L'uso frequente di forme metriche poco usate dai poeti precedenti, come il madrigale , e la raffinata musicalità dei versi fecero sì che molti di essi fossero musicati da grandi autori come Claudio Monteverdi e Gesualdo da Venosa .

Più solenni e classicheggianti le Rime encomiastiche , dedicate alle figure e alle famiglie signorili che ebbero rilievo nella vita del poeta. Per la loro creazione si ispira a Pindaro , Orazio e al celebre Monsignor della Casa . Fra tutte, la più famosa è la Canzone al Metauro , intessuta di elementi autobiografici.

Le Rime religiose sono caratterizzate dal tono cupo e plumbeo, forse dovuto al fatto che le scrisse negli ultimi anni di vita. Qui il poeta manifesta il desiderio di sconfiggere l'ansia esistenziale e il tormentoso senso del peccato attraverso la fede e l'espiazione.

Discorsi dell'arte poetica

Attorno alla metà degli Anni Sessanta scrisse i quattro libri dei Discorsi dell'arte poetica ed in particolare sopra il poema eroico , letti all'Accademia Ferrarese e pubblicati molto più tardi, nel 1587 , dal Licino. Il testo fornisce una chiara visione della concezione tassesca del poema eroico, piuttosto distante da quella ariostesca , che dava la prevalenza all'invenzione e all'intrattenimento del pubblico.

Perché possa essere giudicato di buon livello, deve basarsi su un evento storico, da rielaborare in modo inedito. Infatti, «la novità del poema non consiste principalmente in questo, cioè che la materia sia finta, e non più udita; ma consiste nella novità del nodo e dello scioglimento della favola». [119]

Al verosimile deve essere unito il meraviglioso , e Tasso trova l'unione perfetta di queste due componenti nella religione cristiana. [120] Intiera , l'opera deve essere una , ossia prevedere l'unità d'azione, ma senza schemi rigidi: ci può essere largo spazio per la varietà , e per la creazione di numerosi racconti nel racconto, e in questo senso la Gerusalemme liberata costituisce una piena realizzazione delle idee dell'autore. Lo stile, infine, deve adeguarsi alla materia, e variare tra il sublime e il mediocre a seconda dei casi.

Aminta

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aminta (Tasso) .
Le sofferenze di Aminta , dipinto di Bartolomeo Cavarozzi

«L' Aminta non è un dramma pastorale e neppure un dramma. Sotto nomi pastorali e sotto forma drammatica è un poemetto lirico, narrazione drammatizzata, anzi che vera rappresentazione, com'erano le tragedie e le commedie ei così detti drammi pastorali in Italia … Essa è in fondo una novella allargata a commedia, di quel carattere romanzesco che dominava nell'immaginazione italiana, aggiuntavi la parte del buffone, che è il Ruffo, la cui volgarità fa contrasto con la natura cavalleresca de' due protagonisti, Virginia e il principe di Salerno. Gli avvenimenti più strani si accavallano con magica rapidità, appena abbozzati, e quasi semplice occasione a monologhi e capitoli, dove paion fuori i sentimenti dei personaggi misti alla narrazione … L' Aminta è un'azione fuori del teatro, narrata da testimoni o da partecipi con le impressioni e le passioni in loro suscitate. L'interesse è tutto nella narrazione sviluppata liricamente e intramessa di cori, il cui concetto è l'apoteosi della vita pastorale e dell'amore: "s'ei piace, ei lice". Il motivo è lirico, sviluppo di sentimenti idillici, anzi che di caratteri e di avvenimenti. Abbondano descrizioni vivaci, soliloqui, comparazioni, sentenze, movimenti appassionati. Vi penetra una mollezza musicale, piena di grazia e delicatezza, che rende voluttuosa anche la lacrima. Semplicità molta è nell'ordito, e anche nello stile, che senza perder di eleganza guadagna di naturalezza, con una sprezzatura che pare negligenza ed è artificio finissimo. Ed è perciò semplicità meccanica e manifatturata, che dà un'apparenza pastorale a un mondo tutto vezzi e tutto concetti. È un mondo raffinato, e la stessa semplicità è un raffinamento. A' contemporanei parve un miracolo di perfezione, e certo non ci è opera d'arte così finamente lavorata.»

( Francesco De Sanctis )

L' Aminta è una favola pastorale composta nel 1573 e pubblicata nel 1580 ca. Presenta un prologo, 5 atti, un coro. Ogni canto si conclude a lieto fine.

Ha ispirato la composizione della favola pastorale Flori di Maddalena Campiglia lodata dallo stesso Torquato Tasso.

Re Torrismondo

Intorno al 1573 - 1574 , sulle ali dell'entusiasmo per il successo dell' Aminta Tasso incominciò una tragedia , Galealto re di Norvegia , che però interruppe alla seconda scena del secondo atto. Il poeta la riprese e la completò a Mantova, subito dopo la liberazione dall' Ospedale di Sant'Anna cambiando però il titolo, diventato Re Torrismondo , e il nome del protagonista. L'ambientazione è nordica: in essa sono frequenti le immagini di distese boschive. In questo, il Tasso mostra la sua forte curiosità per le leggende nordiche, come ad esempio mostra la lettura dell' Historia de gentibus septentrionalibus di Olao Magno .

L' editio princeps è quella bergamasca del 1587 ; seguirono a ruota le edizioni di Mantova, Ferrara, Venezia e Torino, ma poi ci fu un lungo silenzio. L'opera fu rappresentata per la prima volta soltanto nel 1618 al Teatro Olimpico di Vicenza .

Trama
Torrismondo è intimamente segnato dal conflitto tra amore e amicizia: il sovrano (d'una ignota regione nordica, non di Norvegia) ama Alvida, che a causa di un debito passato (Germondo aveva salvato la vita a Torrismondo) deve sposarsi con l'amico Germondo, re di Svezia, regno nemico a quello di Alvida poiché Germondo stesso era stato accusato di omicidio del fratello di Alvida. Germondo dunque non può sposarsi con la donna amata poiché il padre di quest'ultima lo odia. Germondo decide allora che Torrismondo per sdebitarsi avrebbe dovuto chiedere la mano di Alvida e al momento delle nozze avrebbe dovuto scambiare la sposa. Ottenuta da Torrismondo la mano di Alvida i due consumano l'amore. La storia prenderà un'altra china quando Torrismondo scoprirà che la donna amata non è altri che la sorella, la situazione culminerà nel suicidio dei due.

Il Re Torrismondo è molto importante perché anticipa le tragedie barocche , nelle quali si riprendono alcune caratteristiche fondamentali delle tragedie senecane : la meditatio mortis (il Memento mori ) e il gusto dell'orrido. Nel Tasso, però, ciò che compare fortemente e caratterizza le sue tragedie è il conflitto intimo che dilania l'animo dei personaggi: l'uomo si sente intrappolato dal fato , poiché impossibilitato all'agire, a modificare il corso degli eventi ormai già predisposti.

Tuttavia, la critica non si è espressa positivamente in merito all'opera: Angelo Solerti e Francesco D'Ovidio si sono mostrati ostili verso il Torrismondo come lo erano stati nei confronti degli Intrichi d'amore [121] , e severo si è dimostrato anche Umberto Renda , che alla tragedia ha dedicato una monografia. [122] Ancora più duro il giudizio di Eugenio Donadoni , che arrivò a parlare di «opera di un ex-poeta, non più di un poeta» [123] , e nemmeno Giosuè Carducci , pur apprezzando lo sforzo di unire elementi pagani e religiosi, classici ed esotici, ha ritenuto il dramma degno dell'ingegno tassesco. [124] Solo Luigi Tonelli , nel 1935 , ha fatto presente che superava pur sempre «la maggior parte delle tragedie cinquecentesche e rivaleggiava con le migliori del tempo». [125]

Gerusalemme liberata

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gerusalemme liberata .
Torquato Tasso con la sua Gerusalemme liberata

La Gerusalemme liberata è considerata il capolavoro di Tasso. Il poema tratta di un avvenimento realmente accaduto, ossia la prima crociata . Tasso iniziò a scrivere l'opera con il titolo di Gierusalemme nel 1559 durante il soggiorno a Venezia e la concluse nel 1575 . L'opera fu pubblicata integralmente nel 1581 con il titolo di Gerusalemme liberata . In seguito alla pubblicazione del poema il poeta rimise mano all'opera e la riscrisse eliminando tutte le scene amorose e accentuando il tono religioso ed epico della trama. Cambiò anche il titolo in Gerusalemme conquistata . In realtà la Conquistata fu immediatamente dimenticata e la redazione che continuò ad avere grande successo e ad essere ristampata, in Italia e nei paesi stranieri, fu la Liberata .

Trama
Goffredo di Buglione nel sesto anno di guerra raduna i crociati, viene eletto comandante supremo e stringe d'assedio Gerusalemme . Uno dei guerrieri musulmani decide di sfidare a duello il crociato Tancredi. Chi vince il duello vince la guerra. Il duello però viene sospeso per il sopraggiungere della notte e rinviato. I diavoli decidono di aiutare i musulmani a vincere la guerra. Uno strumento di Satana è la maga Armida che con uno stratagemma riesce a rinchiudere tutti i migliori eroi cristiani, tra cui Tancredi, in un castello incantato. L'eroe Rinaldo per aver ucciso un altro crociato che lo aveva offeso viene cacciato via dal campo. Il giorno del duello arriva e poiché Tancredi è scomparso viene sostituito da un altro crociato aiutato da un angelo. I diavoli aiutano il musulmano e trasformano il duello in battaglia generale. I crociati sembrano perdere la guerra quando arrivano gli eroi imprigionati liberati da Rinaldo che rovesciano la situazione e fanno vincere la battaglia ai cristiani. Goffredo ordina ai suoi di costruire una torre per dare l'assalto a Gerusalemme ma Argante e Clorinda (di cui Tancredi è innamorato) la incendiano di notte. Clorinda non riesce a entrare nelle mura e viene uccisa in duello proprio da colui che l'ama, Tancredi, che non l'aveva riconosciuta. Tancredi è addolorato per aver ucciso la donna che amava e solo l'apparizione in sogno di Clorinda gli impedisce di suicidarsi. Il mago Ismeno lancia un incantesimo sul bosco in modo che i crociati non possano ricostruire la torre. L'unico in grado di spezzare l'incantesimo è Rinaldo, prigioniero della maga Armida. Due guerrieri vengono inviati da Goffredo per cercarlo e alla fine lo trovano e lo liberano. Rinaldo vince gli incantesimi della selva e permette ai crociati di assalire e conquistare Gerusalemme.

I Dialoghi

La stesura di prose dialogiche impegnò Tasso fin dal 1578, anno della composizione del Forno overo de la Nobiltà.

La dialogistica tassiana è stata da sempre relegata al margine dalla critica: De Sanctis accenna soltanto al Minturo overo della Bellezza , limitandosi ad asserire che Tasso da giovane fu “infetto dalla peste filosofica”.

Un giudizio a dir poco sminuente se si considera che il poeta compose venticinque dialoghi (e questa è solo la cifra canonica; non si fa riferimento, infatti, agli abbozzi e ai rimaneggiamenti) e vi pose il suo impegno fino alla morte.

Una valutazione più precisa è fornita da Donadoni: lo studioso dedica un intero capitolo della sua monografia ai Dialoghi indagandone trame, fonti e suggestioni. La prima edizione moderna del corpus dialogico tassiano è quella di Guasti (1858-1859), il quale, però, non riuscendo a reperire tutti i manoscritti dei Dialoghi si basa sui testimoni a stampa, dando vita ad un'edizione, che presenta corruttele da far rabbrividire i moderni filologi.

Un grande passo in avanti nella fortuna dei Dialoghi è rappresentato dall'edizione critica di Ezio Raimondi pubblicata nel 1958, di capitale importanza per gli studiosi tassiani i quali, ancora oggi, continuano a considerarla punto di riferimento. Raimondi considerò i Dialoghi tassiani come opere postume, scegliendo la versione più attendibile fra manoscritti e stampe in base alla loro storia individuale.

Questo criterio non è stato accettato da Stefano Prandi e Carlo Ossola, i quali hanno proposto un'edizione storica dei Dialoghi che tenesse conto dei testi effettivamente circolanti all'epoca dello scrittore. L'edizione in realtà non ha mai visto la luce e si è fermata al 1996 ad uno specimen che avrebbe dovuto anticipare una successiva edizione completa.

Negli ultimi anni gli studiosi della prosa tassiana sono aumentati: si è posta attenzione al Tasso politico, con due edizioni commentate della Risposta di Roma a Plutarco [126] [127] e al Tasso egittologo di cui si è occupato Bruno Basile. Non mancano letture dei singoli dialoghi: Basile e Arnaldo Di Benedetto si sono occupati del Padre di Famiglia (rispettivamente, Fonti culturali e invenzione letteraria nel «Padre di famiglia» di Torquato Tasso ; e Torquato Tasso, «Il padre di famiglia» ); Emilio Russo del Manso ( Amore e elezione nel "Manso" di Torquato Tasso ), Massimo Rossi del Malpiglio Secondo e del Rangone ( Io come filosofo era stato dubbio. La retorica dei "Dialoghi" di Tasso ); Maiko Favaro, dopo la monografia di Prandi/Ossola, ha offerto una puntuale lettura del Forno , premiata con il premio Tasso 2016 ( Le virtù del tiranno e le passioni dell'eroe. Il “Forno overo de la Nobiltà” e la trattatistica sulla virtù eroica ); Angelo Chiarelli si è, invece, occupato del Malpiglio overo de la corte ( Una «congregazione di uomini raccolti per onore». Tentativi di aggiornamento della teoria cortigiana nella dialogistica e nella prosa tassiana [128] ), preceduto dal contributo di Massimo Lucarelli sullo stesso argomento ( Il nuovo «Libro del Cortegiano»: una lettura del «Malpiglio» di Tasso ) e del Costante ( «Questa concordia è sempre nelle cose vere». Note per una contestualizzazione de «Il Costante overo de la clemenza» di Tasso [129] ).

L'edizione critica di Raimondi fornisce il testo dei venticinque dialoghi tassiani, con un'appendice che ci permette di conoscere i manoscritti superstiti e le stampe. Questo il titolo dei vari dialoghi:

  1. Il Forno overo de la Nobiltà ;
  2. Il Beltramo overo de la cortesia ;
  3. Il Forestiero Napoletano overo de la gelosia ;
  4. Il N. overo de la pietà ;
  5. Il Nifo overo del piacere ;
  6. Il messaggiero ;
  7. Il padre di famiglia ;
  8. De la dignità ;
  9. Il Gonzaga secondo overo del giuoco (nel 1581 pubblicato sotto il titolo di Il Romeo, in onore di Annibale Romei ); [130]
  10. Dialogo ;
  11. Il Rangone overo de la pace ;
  12. Il Malpiglio overo de la corte ;
  13. Il Malpiglio secondo overo del fuggir la moltitudine ;
  14. La Cavalletta overo de la poesia toscana ;
  15. Il Gianluca overo de le maschere ;
  16. Il Cataneo overo de gli idoli ;
  17. Il Ghirlinzone overo l'epitaffio ;
  18. La Molza overo de l'amore ;
  19. Il Costante overo de la clemenza ;
  20. Il Cataneo overo de le conclusioni amorose ;
  21. Il Manso overo de l'amicizia ;
  22. Il Ficino overo de l'arte ;
  23. Il Minturno overo de la bellezza ;
  24. Il Porzio overo de le virtù ;
  25. Il Conte overo de le imprese.

Le sette giornate del mondo creato

È un poema in endecasillabi sciolti, composto tra il 1592 e il 1594, accanto ad altre opere di contenuto religioso di impronta chiaramente controriformistica . Il poema venne pubblicato postumo nel 1607. Si fonda sul racconto biblico della creazione ed è suddiviso in sette parti, corrispondenti come dice il titolo ai sette giorni nei quali Dio creò il mondo, e presenta una continua esaltazione della grandezza divina della quale la realtà terrena è un pallido riflesso.

Le lacrime di Maria Vergine e Le lacrime di Gesù Cristo

Si tratta, come nel caso de Le sette giornate del mondo creato , di due scritti facenti parte delle cosiddette "opere devote" del Tasso. Nello specifico, sono due poemetti in ottave che riprendono la tradizione della "poesia delle lacrime", in voga nella seconda metà del Cinquecento, scritti e pubblicati nel 1593, appena qualche anno prima della morte.

Influenze culturali

Statua di Tasso a Sorrento

La figura del Tasso, anche per la sua pazzia , divenne subito popolare. La lucidità delle opere scritte durante il periodo di prigionia nell'Ospedale di Sant'Anna fece diffondere la leggenda secondo cui il poeta non era veramente pazzo ma fu fatto passare per tale dal duca Alfonso che voleva punirlo per aver avuto una relazione con sua sorella , imprigionandolo (anche se, come si è visto, è assai più probabile che la vera ragione della reclusione consistesse nell'autoaccusa del poeta di fronte al tribunale dell'Inquisizione). Questa leggenda si diffuse rapidamente e rese particolarmente popolare la figura del Tasso, fino a ispirare a Goethe il dramma Torquato Tasso ( 1790 ) [131] .

In età romantica il poeta divenne il simbolo del conflitto individuo-società, del genio incompreso e perseguitato da tutti coloro che non sono in grado di comprendere il suo talento straordinario. In particolare Giacomo Leopardi , che quando si recò a Roma il giorno venerdì 15 febbraio del 1823 pianse sul sepolcro del Poeta in S. Onofrio (commentando in una lettera che quella esperienza era stata per lui "il primo e l'unico piacere che ho provato in Roma"), considerava Torquato Tasso come un fratello spirituale , ricordandolo in numerosi passi dei propri scritti (tra cui quello citato) e nel Dialogo di Torquato Tasso e del suo Genio familiare (una delle Operette morali ).

Molta parte della poesia recanatese è impregnata di stile tassesco: i notturni di alcuni canti, come La sera del dì di festa o Canto notturno di un pastore errante dell'Asia , richiamano quelli della Gerusalemme , mentre nella canzone Ad Angelo Mai Leopardi crea una forte empatia con il «misero Torquato» [132] , spirito fraterno «concepito come un alter ego ». [133] I due nomi femminili più celebri presenti nei Canti , Silvia e Nerina, furono ripresi dall' Aminta .

In generale, l'attenzione si spostò dai personaggi della Liberata al dramma esistenziale vissuto dal suo autore. Pochi anni dopo, nel 1833 , Jacopo Ferretti scrisse le parole del Torquato Tasso , melodramma in tre atti musicato da Gaetano Donizetti e rappresentato per la prima volta al Teatro Valle . [134] Il "mito" conquistò anche Franz Liszt : era il 1849 quando l' apostolo del Romanticismo metteva in musica l'opera byroniana Il lamento del Tasso , dando vita al poema sinfonico Tasso. Lamento e Trionfo .

Il poeta vicentino ottocentesco Jacopo Cabianca ha dedicato al Tasso un poema in dodici canti intitolato appunto Il Torquato Tasso .

Nei primi anni del ventesimo secolo il compositore catanese Pietro Moro si concentrò sugli ultimi momenti di vita del poeta con Ultime ore di Torquato Tasso , carme in un atto sulle parole di Giovanni Prati (riviste per l'occasione da Rojobe Fogo).

Torquato Tasso nel cinema

Adattamenti cinematografici de La Gerusalemme liberata

Il primo regista a girare un film sull'opera fu Enrico Guazzoni . Lo stesso nel 1913 e nel 1918 ne farà due remake ;

Onori

Onorificenze

Laurea poetica (postuma) - nastrino per uniforme ordinaria Laurea poetica (postuma)
Roma , 1595

Note

  1. ^ a b c d Guido Armellini e Adriano Colombo, Torquato Tasso - L'uomo , in Letteratura italiana - Guida storica: Dal Duecento al Cinquecento , Zanichelli Editore , 2009 [2000] , p. 175, ISBN 88-08-19732-8 .
  2. ^ Luperini, Cataldi, Marchiani, La scrittura e l'interpretazione , Palumbo, 1997, vol. 3, pag. 91; L. Tonelli, Tasso , Torino 1935, p. 40
  3. ^ SANSEVERINO, Ferrante in "Dizionario Biografico" , su www.treccani.it . URL consultato il 16 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 22 aprile 2019) .
  4. ^ Lettere di Torquato Tasso , Firenze, Le Monnier, 1901, vol. II, p. 90
  5. ^ L. Tonelli, cit., p. 42
  6. ^ G. Natali, Torquato Tasso , Roma, 1943, pp. 13-14.
  7. ^ G. Natali, cit., pp. 14-16
  8. ^ A. Solerti, Vita di Torquato Tasso , Torino 1895, vol. I, pp. 51-52. Altri pensano invece che queste sperimentazioni risalgano al periodo patavino o addirittura a quello bolognese.
  9. ^ G. Natali, cit., pp. 16-18
  10. ^ Luperini, Cataldi, Marchiani, La scrittura e l'interpretazione , Palumbo, 1997, vol. 3, pag. 96
  11. ^ G. Natali, cit., pp. 21-22
  12. ^ G. Natali, cit., p. 20
  13. ^ L. Tonelli, cit., p. 68
  14. ^ G. Natali, cit., p. 22; L. Tonelli, cit., p. 60
  15. ^ E. Durante, A. Martellotti, «Giovinetta Peregrina». La vera storia di Laura Peperara e Torquato Tasso , Firenze, Olschki, 2010
  16. ^ W. Moretti, Torquato Tasso , Roma-Bari 1981, p. 10
  17. ^ Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria, Dal testo alla storia. Dalla storia al testo , Milano: Paravia, 1994, vol. 2/1, p. 653
  18. ^ L. Tonelli, cit., pp. 72-73; il rapporto amoroso è stato ipotizzato in particolare da Angelo de Gubernatis in T. Tasso , Roma, Tipografia popolare, 1908
  19. ^ L. Tonelli, cit., p. 82
  20. ^ Lettere , cit., I, p. 22
  21. ^ L. Tonelli, cit., p. 89
  22. ^ L. Tonelli, cit., pp. 99-100
  23. ^ Lettere , cit., I, p. 49
  24. ^ Secondo Maria Luisa Doglio la data non è casuale e si inserirebbe nella tradizione petrarchesca. Petrarca avrebbe infatti visto per l'unica volta Laura il 6 aprile 1327; cfr. ML Doglio, Origini e icone del mito di Torquato Tasso , Roma 2002, p. 21
  25. ^ Lettere , cit., I, p. 61
  26. ^ Lettere , cit., I, p. 67
  27. ^ Lettere , cit., I, p. 114
  28. ^ Si tratta di un'epistola al Gonzaga del luglio 1575; Lettere , cit., I, p. 103
  29. ^ L. Tonelli, p. 117
  30. ^ S. Guglielmino, H. Grosser, Il sistema letterario , Milano, Principato, 1996, vol. 2/A, p. 367
  31. ^ L. Tonelli, cit., pp. 94-95
  32. ^ Lettere , cit, I, p. 141
  33. ^ Si trattava comunque di uno stipendio oggettivamente basso, che a una persona comune avrebbe garantito a stento la sopravvivenza; L. Tonelli, cit., p. 172
  34. ^ Lettere , cit., I, pp. 219-220
  35. ^ L. Chiappini, Gli Estensi , Milano, Dall'Oglio, 1967, p. 303
  36. ^ A. Solerti, cit., II, pp. 118-119
  37. ^ A. Solerti, cit., II, pp. 120-121
  38. ^ A. Solerti, cit., II, p. 124
  39. ^ L. Tonelli, cit., p. 176
  40. ^ GB Manso, Vita del Tasso , in Opere del Tasso , Firenze, 1724, vol. I, p. XXVIII
  41. ^ M. Vattasso, Di un gruppo sconosciuto di preziosi codici tasseschi , Torino, 1925, p. 19
  42. ^ M. Vattasso, cit., p. 8
  43. ^ A. Solerti, cit., II, p. 139
  44. ^ a b L. Tonelli, cit., p. 181
  45. ^ ML Doglio, cit., p. 23
  46. ^ I. De Bernardi, F. Lanza, G. Barbero , Letteratura Italiana , vol. 2, SEI, Torino, 1987
  47. ^ Lettere , cit., I, p. 298
  48. ^ Lettere , cit., I, p. 299
  49. ^ A. Solerti, cit., II, p. 143; così scrive al cardinale Luigi un suo informatore il 14 marzo
  50. ^ L. Tonelli, cit., p. 182
  51. ^ Lettere , cit., II, p. 89
  52. ^ L. Tonelli, cit., p. 187
  53. ^ A. Solerti, cit., I, pp. 313-314
  54. ^ T. Tasso, Lettere , a cura di Cesare Guasti, Napoli, Rondinella, 1857, vol.I, pp. 166-168
  55. ^ A. Corradi, Delle infermità di Torquato Tasso , Regio Instituto Lombardo, p. 548
  56. ^ L. Tonelli, cit., pp. 118-119
  57. ^ ML Doglio, cit., pp. 41 e ss.
  58. ^ Opere di Torquato Tasso , Firenze, Tartini e Franchi, 1724, vol. V, p. 412
  59. ^ L. Tonelli, cit., pp. 207-211
  60. ^ Infarinato era il nome accademico assunto dal Salviati
  61. ^ Tra parentesi sono indicate le date di pubblicazione
  62. ^ L. Tonelli, cit., p. 216
  63. ^ Opere , cit., II, p. 276
  64. ^ Tra parentesi si indicano due date, quella di composizione e quella di pubblicazione
  65. ^ Lettere , cit., II, p. 56
  66. ^ La prima versione di quelli che saranno Gli intrichi d'amore non ci è pervenuta
  67. ^ L. Tonelli, cit., p. 238
  68. ^ L. Tonelli, cit., pp. 239-240
  69. ^ F. D'Ovidio, Saggi critici , Napoli, Morano, 1871, pp. 266-267. Non fu più tenero il Solerti; cfr. op. cit., I, p. 475
  70. ^ L. Chiappini, cit, p. 303
  71. ^ L. Tonelli, cit., p. 188
  72. ^ L.Tonelli, pp. 247-248
  73. ^ A. Solerti, cit., II, pp. 277 e ss.
  74. ^ Lettere , cit., IV, pp. 8-9
  75. ^ L. Tonelli, cit., pp. 266-267
  76. ^ Lettere , cit., IV, p. 55
  77. ^ L. Tonelli, cit., pp. 270-273
  78. ^ G. Mazzoni, Del Monte Oliveto e del Mondo creato di Torquato Tasso , in Opere minori in versi di Torquato Tasso , Bologna, Zanichelli, 1891, vol. II, p. XI
  79. ^ E. Donadoni, Torquato Tasso , Firenze, Battistelli, 1921, vol. II, p. 225
  80. ^ GB Manso, Vita di T. Tasso , in Opere di Torquato Tasso , Firenze 1724, cit., pp. XLVI-XLVII
  81. ^ Lettere , cit., IV, p.152
  82. ^ Così al Costantini; Lettere , cit., IV, p. 149
  83. ^ Lettere , IV, p. 180
  84. ^ L. Tonelli, cit., p. 275
  85. ^ Passo riportato in A. Solerti, cit., II, p. 323
  86. ^ A. Solerti, cit., II, p. 326
  87. ^ L. Tonelli, cit., p. 276
  88. ^ Lettere , cit., IV, p. 265
  89. ^ Lettere , cit., IV, pp. 296-297
  90. ^ Lettere , cit., IV, p. 334
  91. ^ Lettere , cit., IV, p. 333: "A niuno sono più obligato che a Vostra Eccellenza, ed a niuno vorrei essere maggiormente; perché è cosa da animo grato l'esser capace de le grazie e de gli oblighi. Laonde non ho voluto più lungamente ricusare il secondo suo dono di cento scudi, bench'io non abbia mostrato ancora alcuna gratitudine del primo; ma la conservo ne l'animo, e ne le scritture: e ne l'uno sarà forse eterna, e ne l'altre durerà tanto, quanto la memoria de le mie fatiche. Niuno de' presenti o de' posteri saprà chi mi sia, che non sappia insieme quant'io sia debitore a la cortesia di Vostra Eccellenza, ed a la sua liberalità; con la quale supera tutti coloro che possono superar la fortuna." Così scrive il Tasso al marchese Giovanni Ventimiglia da Firenze nella primavera del 1590. Soltanto nello stesso 1590, il Tasso dedicherà al marchese due composizioni encomiastiche, non portando però a compimento il promessogli poema Tancredi normando .
  92. ^ Lettera a Scipione Gonzaga del 10 giugno 1590, in Lettere , cit., IV, p. 320
  93. ^ E. Rossi, Il Tasso in Campidoglio , in Cultura , aprile-giugno 1933, pp. 310-311
  94. ^ Lettere , cit., V, p. 6
  95. ^ L. Tonelli, cit., p. 278
  96. ^ Lettere , cit., V, p. 62
  97. ^ L. Tonelli, cit., pp. 278-279
  98. ^ C. Cipolla, Le fonti storiche della «Genealogia di Casa Gonzaga» , in Opere minori in versi di Torquato Tasso , cit., vol. I
  99. ^ L. Tonelli, cit., p. 281
  100. ^ GB Manso, cit., p. LXVI
  101. ^ L.Tonelli, cit., pp. 282-283
  102. ^ L. Tonelli, cit., p. 284
  103. ^ E. Rossi, cit., pp. 313-314
  104. ^ A. Solerti, cit., vol. II
  105. ^ Lettere , cit., V, p. 194
  106. ^ Lettere , cit., V, p. 200
  107. ^ Lettera ad Antonio Costantini, in Lettere , cit., V, p. 203
  108. ^ Lettera di Maurizio Cataneo a Ercole Tasso, 29 aprile 1595; A. Solerti, cit., II, p. 363
  109. ^ Lettera di monsignor Quarenghi a Giovan Battista Strozzi, 28 aprile 1595; A. Solerti, cit., II, p. 361
  110. ^ ( FR ) Almanach du gotha , 1922, p. 236.
  111. ^ ( FR ) de J.-H. de Randeck, Les plus anciennes familles du monde: répertoire encyclopédique des 1.400 plus anciennes familles du monde, encore existantes, originaires d'Europe , vol. 2, 1984, p. 1432.
  112. ^ ( DE ) de Karl Hopf, Historisch-genealogischer Atlas: Seit Christi Geburt bis auf unsere Zeit , p. 433.
  113. ^ ( FR ) de AMHJ Stokvis, Manuel d'histoire: Les états de Europe et leurs colonies , 1893.
  114. ^ de Pierantonio Serassi, La vita de Torquato Tasso , p. 8.
  115. ^ de Niccolò Morelli di Gregorio, Della vita di Torquato Tasso , p. 7.
  116. ^ de Pierantonio Serassi, La vita di Torquato Tasso , p. 10.
  117. ^ ( DE ) de Karl Hopf, Historisch-genealogischer Atlas: Seit Christi Geburt bis auf unsere Zeit , p. 434.
  118. ^ ( FR ) de Heinrich Léo Dochez, Histoire d'Italie pendant le Moyen-âge , p. 125.
  119. ^ T. Tasso, Discorsi dell'arte poetica , I, 12 in Le prose diverse di Torquato Tasso (a cura di C. Guasti), Firenze, Le Monnier, 1875
  120. ^ Discorsi dell'arte poetica , cit., I, 15
  121. ^ A. Solerti, cit, I, p. 556; F. D'Ovidio, Saggi critici , Napoli, Morano, 1879, pp. 300-392
  122. ^ U. Renda, Il Torrismondo di Torquato Tasso e la tecnica tragica nel Cinquecento , Teramo, 1916
  123. ^ E. Donadoni, cit., vol. II, pp. 91-92
  124. ^ G. Carducci, Il Torrismondo , testo premesso all'ed. Solerti delle Opere minori in versi di Torquato Tasso , cit., pp. LXXXIV
  125. ^ L. Tonelli, cit., p. 253
  126. ^ Torquato Tasso, Risposta di Roma a Plutarco , Res, 2007, ISBN 978-88-85323-53-7 . URL consultato il 12 agosto 2017 .
  127. ^ Risposta di Roma a Plutarco e marginalia | Edizioni di Storia e Letteratura , su storiaeletteratura.it . URL consultato il 12 agosto 2017 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2017) .
  128. ^ ( EN ) Angelo Chiarelli, Una «congregazione di uomini raccolti per onore». Tentativi di aggiornamento della teoria cortigiana nella dialogistica e nella prosa tassiana, in «La Rassegna della letteratura italiana», 2017, vol. 121, n°1, pp. 34-43. . URL consultato il 12 agosto 2017 .
  129. ^ ( EN ) «Questa concordia è sempre nelle cose vere». Note per una contestualizzazione de «Il Costante overo de la clemenza» di Tasso, in «Filologia e Critica», a. XLI, 2 2016, pp. 257-70.pdf ( PDF ). URL consultato il 12 agosto 2017 .
  130. ^ Francesco Lucioli, Annibale Romei , in Dizionario Biografico degli Italiani , Treccani.
  131. ^ Sul muro esterno della Chiesa di S. Onofrio, a Roma, una tavola con iscrizione tedesca ricorda il soggiorno di Goethe e l'ispirazione che lo portò a scrivere il dramma, dopo aver veduto la tomba del poeta custodita all'interno dell'edificio sacro
  132. ^ Ad Angelo Mai , v. 124
  133. ^ G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, Dal testo alla storia dalla storia al testo , Milano, Paravia, 2001, vol. 3/A, p. 570
  134. ^ SE Failla, Ante Musicam Musica. Torquato Tasso nell'Ottocento musicale italiano , Acireale-Roma, Bonanno, 2003, pp. 14-15

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Torquato Tasso .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 4936996 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2118 517X · SBN IT\ICCU\CFIV\001784 · Europeana agent/base/60451 · LCCN ( EN ) n79082132 · GND ( DE ) 118620916 · BNF ( FR ) cb119260670 (data) · BNE ( ES ) XX913568 (data) · ULAN ( EN ) 500326795 · NLA ( EN ) 35539974 · BAV ( EN ) 495/14994 · CERL cnp01259565 · NDL ( EN , JA ) 00458354 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79082132